A- A+
Il Sociale

La partecipazione dei Rom, in particolare dei giovani nei progetti e nella definizione delle politiche che riguardano la propria comunità, è fondamentale per la loro efficacia secondo Nazzareno Guarnieri, presidente della Fondazione Romanì Italia, che ha promosso il secondo congresso delle comunità Rom e delle associazioni che si terrà sabato 7 e domenica 8 settembre a Silvi Marina in provincia di Teramo. E’ prevista la partecipazione di un centinaio di delegati di circa 30 associazioni Rom e non Rom.

Abbiamo voluto riunire tutte le associazioni Rom che non esistono solo sulla carta, ma sono realmente attive a favore delle proprie comunità, di Rom italiani o stranieri”, spiega Guarnieri, “insieme alle associazioni italiane impegnate a favore dei Rom”. Per Guarnieri la crescita di associazioni costituite interamente o in parte da Rom è dovuta al coinvolgimento di Rom in progetti di associazioni e Enti locali che c’è stato negli ultimi anni: “La professionalità sta crescendo anche all’interno di organizzazioni Rom”, spiega, “ oggi sempre più Enti Locali e associazioni hanno capito quanto è importante la partecipazione attiva di professionisti Rom nell’ambito dei loro progetti”. “C’è ancora molto da fare in questo senso”, aggiunge, “ma la porta si è aperta”.

Scolarizzazione, promozione culturale, denuncia delle discriminazioni e percorsi per far uscire i Rom dai campi nomadi, sono le tematiche su cui è maggiormente attivo l’associazionismo Rom oggi in Italia secondo Guarnieri: “Con il congresso cerchiamo di dare alle associazioni delle linee guida di esperti su questi temi”, afferma, “per questo l’evento si aprirà con interventi di docenti universitari di psicologia, diritto e linguistica che daranno una visione generale sulle sfide da affrontare”. “La memoria e la cultura sono fondamentali per costruire il futuro”, afferma Guarnieri, “La parte più emarginata della popolazione romanì non lavora perché non sa più chi è e quindi non sa cosa fare”.“Il Rom sta perdendo il suo ruolo sociale e la sua cultura senza prenderne un altro”, spiega.

“Ricordarsi da dove si viene è fondamentale per avere un ruolo nella società”. “Non significa estremizzare la propria cultura ma incastrare i propri valori all’interno della società attuale”. Ne è un esempio il progetto che la Fondazione Romanì e l’associazione On The Road stanno promuovendo con l’Ikea di Pescara, per la vendita di artigianato Rom: “Ikea ci darà 175 metri di stoffa da far lavorare a 5-6 donne Rom, e metterà a disposizione i gli spazi per vendere tovaglie e tovaglioli che le donne cuciranno”. In questo modo si valorizza la capacità tradizionale di cucire delle donne Rom che “dato che non riescono più a mantenere le famiglie con il mangel (l’elemosina)” si stanno ingegnando a fare altro. “Bisogna avere consapevolezza del passato ma anche nel presente e nel futuro che è di una società multiculturale – sostiene Guarnieri - per questo il congresso si aprirà con l’intervento di uno psicologo, per riflettere sul nostro progetto formativo e educativo”.

Tags:
ikeasarteromemancipazione
in evidenza
"Cos'è la destra? Cos'è la sinistra?": dalla Milano di Gaber alla Piazza di Ceglie, snodo delle elezioni 2022

La kermesse di Affari dal 26 al 28 agosto - Il programma

"Cos'è la destra? Cos'è la sinistra?": dalla Milano di Gaber alla Piazza di Ceglie, snodo delle elezioni 2022


in vetrina
Scatti d'Affari ATIU, protagonista del più importante round di equity crowdfunding 2022

Scatti d'Affari
ATIU, protagonista del più importante round di equity crowdfunding 2022


casa, immobiliare
motori
Dacia Spring: l’elettrica oltre gli incentivi

Dacia Spring: l’elettrica oltre gli incentivi


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.