A- A+
Il Sociale
La narrativa entra in terapia intensiva

Lato C, concept agency milanese, reinterpreta il concetto di medicina narrativa, coinvolgendo – per la prima volta in Italia – due importanti autori che hanno “prestato” ai pazienti la loro capacità letteraria e la loro sensibilità. E per la prima volta il filo conduttore non è una specifica malattia, ma l’intero reparto di Terapia Intensiva, un ‘mondo ignoto’ e spesso spersonalizzante dove si nasconde un nemico estremamente subdolo: la sepsi.

 

“Con questo progetto – dichiara Giovanni Brancaccio, Healthcare Unit Supervisor di Lato C – abbiamo voluto dare un’impronta diversa alla medicina narrativa che ormai da qualche anno è diventata una prassi abbastanza comune anche in Italia. Per la prima volta, infatti, abbiamo coinvolto due scrittori noti e raccontato un reparto intero. La narrazione diventa sempre più spesso uno strumento terapeutico, che prova a dare voce a coloro che vivono e soffrono nell’ombra di una sindrome ancora poco conosciuta. ‘Quei giorni senza tempo. Storie di sepsi dalla Terapia Intensiva’ ha un obiettivo ambizioso: sensibilizzare l’opinione pubblica, le Istituzioni e tutta la comunità scientifica sulla sepsi, una malattia molto grave e diffusa, ma ancora poco conosciuta. Ed è per questo che la narrazione ha più voci: i pazienti ed i famigliari, ma anche i medici e gli infermieri”.

 

I racconti di Isabella Bossi Fedrigotti e di Maurizio Cucchi diventeranno il libro "Quei giorni senza tempo. Storie di sepsi dalla Terapia Intensiva", ideato da Lato C, realizzato da Biotest – azienda farmaceutica che produce farmaci emoderivati altamente specializzati – in partnership con SIAARTI (Società Italiana di Anestesia Analgesia Rianimazione e Terapia Intensiva). Il volume conterrà 7 storie provenienti da 7 reparti di terapia intensiva, verrà pubblicato nelle prossime settimane e sarà disponibile in numerose ICU (Intensive Care Unit) dislocate su tutto il territorio nazionale e in alcune librerie selezionate.

 

La sepsi, qualche numero. Ogni anno, solo in Italia, ci sono circa 65.000 decessi per sepsi. Una cifra che supera, addirittura, la somma dei decessi per i tumori al seno e all’intestino. Un problema molto grave, che non può più essere taciuto o sottovalutato e che, mai come in questi giorni, sta diventando ancora più attuale.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
narrativa ospedale sociale
in evidenza
Neve e gelo all'assalto dell'Italia Le previsioni sono da brivido

Meteo, offensiva siberiana

Neve e gelo all'assalto dell'Italia
Le previsioni sono da brivido

i più visti
in vetrina
Kendall Jenner sfida meteo, neve e gelo in bikini nero. Guarda che stivali!

Kendall Jenner sfida meteo, neve e gelo in bikini nero. Guarda che stivali!


casa, immobiliare
motori
Fiat Panda, regina incontrastata delle auto usate vendute online

Fiat Panda, regina incontrastata delle auto usate vendute online


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.