A- A+
Il Sociale
RFI e Fondazione ItaliaCamp, accordo per valorizzare le stazioni inutilizzate
Federico Florà, presidente di Fondazione ItaliaCamp, e Maurizio Gentile, amministratore delegato e direttore generale di RFI.

RFI e Fondazione ItaliaCamp insieme per valorizzare le stazioni inutilizzate

 


Avviare nuovi progetti di innovazione e integrazione sociale nelle circa 1700 stazioni di Rete Ferroviaria Italiana inutilizzate, sviluppando nuove forme di gestione degli spazi a disposizione. È questo l’obiettivo del Protocollo d’intesa firmato oggi da Federico Florà, presidente di Fondazione ItaliaCamp, e Maurizio Gentile, amministratore delegato e direttore generale di RFI. RFI e Fondazione ItaliaCamp condividono infatti un approccio alle politiche sociali che, grazie all’utilizzo degli spazi delle stazioni non più funzionali alle attività ferroviarie, potrà concretizzarsi in percorsi d’integrazione e innovazione sociale, apportando benefici anche alle comunità locali e alla collettività. Il protocollo mira proprio ad individuare progetti da realizzare negli spazi ferroviari messi a disposizione da Rete Ferroviaria Italiana. Si tratterà di progetti di valorizzazione a fini sociali, culturali, ambientali e turistici, di educazione e formazione giovanile e di inclusione, che potranno essere realizzati anche negli spazi impresenziati. Sono, ad oggi, circa 1.700 le stazioni impresenziate, al centro di un importante impegno di RFI per la loro riorganizzazione e riutilizzo.  

 

 

RFI e Fondazione ItaliaCamp, accordo per valorizzare le stazioni inutilizzate: le parole di Maurizio Gentile, AD di RFI

 

 


“Negli ultimi anni Rete Ferroviaria Italiana ha concesso più di 500 stazioni, su tutto il territorio nazionale, in comodato d’uso ad associazioni, cooperative, enti locali e organizzazioni no profit” ha dichiarato Maurizio Gentile, AD di RFI. “Il riutilizzo di questo patrimonio immobiliare per fini sociali è un’opportunità per tutti: non solo per chi prende l’impegno di gestire tali spazi, ma anche per il sistema ferroviario stesso, perché – soprattutto nel caso delle piccole stazioni – in tal modo ci assicuriamo che rimangano vive e salvaguardate da eventuali episodi di vandalismo. Costituiscono una ricchezza anche per le comunità nelle quali sono inserite, che possono beneficiare delle ricadute positive per il territorio”. 

 

 

RFI e Fondazione ItaliaCamp, accordo per valorizzare le stazioni inutilizzate: le parole di Federico Florà, Presidente di Fondazione Italiacamp

 

 

“L’innovazione sociale di Fondazione ItaliaCamp è innovazione relazionale. Proponiamo un nuovo modello di sinergia tra istituzioni pubbliche, terzo settore, startup, imprese strutturate e la community di ricercatori e innovatori, affrontando problematiche di rilevo nazionale. Per questa ragione abbiamo proposto a RFI di mettere a disposizione la nostra capacità di matching per individuare progettualità da realizzare negli spazi ferroviari, già oggetto di riorganizzazione e riqualificazione. Un modello che genera valore per l’impresa e impatto sociale nei territori, individuando anche spazi di attuazione per idee e progetti” ha dichiarato Federico Florà, Presidente di Fondazione ItaliaCamp.

Tags:
rfifondazione italiacampfs italiane
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Air France-KLM, firmata partnership commerciale strategica di 10 anni

Scatti d'Affari
Air France-KLM, firmata partnership commerciale strategica di 10 anni


casa, immobiliare
motori
Al Villa D’Este debutta la Mostro Barchetta Zagato Powered by Maserati

Al Villa D’Este debutta la Mostro Barchetta Zagato Powered by Maserati


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.