A- A+
Il Sociale
Unioni civili, la Cei attacca: una forzatura ideologica

"Non confondere il doverso rispetto dei diritti individuali con l'appiattimento tra matrimonio e unioni civili, che e' una tentazione sempre in agguato e non riguarda solo questi aspetti". Lo chiede la Cei. Il rischio, ha spiegato il segretario generale Nunzio Galantinio, "e' quello di arrivare a equiparare cose diverse utilizzando in maniera impropria lo strumento giuridico". Parole ancora piu' dure, il vescovo le ha spese oggi, nella conferenza stampa conclusiva del Consiglio Episcopale Permanente, per quella che ha definito con le parole di Papa Francesco "una 'colonizzazione ideologica del gender' nelle scuole italiane".

"Non e' un caso - ha sottolineato - che ci sia stato chi ha voluto introdurre in maniera scorretta e surrettizia nella scuola certi testi. Tutti siamo d'accordo sul combattere il bullismo, ma rimane l'azione surrettizia e scorretta compiuta senza interpellare i genitori". Per il segretario Cei, gli autori di tale iniziativa "devono essere 'gramsciani buoni', sono andati a farla nella scuola, non in piazza".

Meno severo Galantino e' stato verso la diocesi di Bolzano-Bressanone che come le altre chiese locali di area germanofona ha ufficializzato la richiesta di aprire alla comunione ai divorziati risposati, oltre che il superamento del celibato per i presbiteri e il diaconato da estendere alle donne. "Sono proposte: e' bene - ha chiarito il presule - che nella Chiesa si discuta e ci si confronti anche con posizioni diverse da quelle ufficiali. Ma poi ci sara' il Sinodo che decidera' un orientamento comune: non e' che Bolzano puo' andare per la sua strada come se dipendesse ancora da 'Ceccopeppe'". La Chiesa Italiana segue con fiducia il cammino indicato da Papa Francesco sui vari temi, tanto che, si e' appreso oggi, sara' lo stesso presidente della Cei, il cardinale Angelo Bagnasco, il referente dei vescovi in tema di lotta agli abusi e alla pedofilia. Inoltre, ha anticipato Galantino, seguendo l'esempio della nuova Commissione vaticana per la protezione dei minori, si costituira' un analogo organismo anche in Italia, e con gli esperti ne faranno parte pure alcune vittime di ecclesiastici. Francesco, che ricevera' il neo presidente italiano Mattarella il prossimo 18 aprile in Vaticano, il 21 maggio chiudera' i lavori dell'Assemblea della Cei, infine il 10 novembre si rechera' a Prato per incontrare i lavoratori (anche cinesi) e a Firenze per il Convegno Ecclesiale Nazionale e una mega celebrazione nello Stadio Artemio Franchi con tutti i vescovi italiani.

IL COMMENTO DELL'ARCIGAY - "Galantino parla di ciò che non credo conosca": Flavio Romani, presidente di Arcigay, replica sarcastico alle dichiarazioni di monsignor Galantino, segretario della Cei, contro il testo Cirinnà sulle unioni civili. "Certo - spiega Romani - le coppie formate da persone dello stesso sesso sono diverse da quelle formate da un uomo e una donna, non ci voleva Galantino a notarlo. Anzi aggiungo: anche le coppie omosessuali sono tra loro molto diverse, esattamente come quelle eterosessuali. Però tutte e tutti devono avere uguali diritti, e forse questo principio sfugge a un'istituzione sessista come la Chiesa cattolica. Però il monsignore non deve darsi pena: innanzitutto perché il suo voto di celibato lo libera da questa preoccupazione, in secondo luogo perché le stesse sacre scritture suggeriscono di "lasciare a Cesare ciò che è di Cesare", cioè di non occuparsi, in quanto prelati, delle leggi dello Stato. Si rassereni, allora, il monsignore: gli togliamo volentieri questa pensiero"

Tags:
unioni civiligayceichiesa
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Air France-KLM, firmata partnership commerciale strategica di 10 anni

Scatti d'Affari
Air France-KLM, firmata partnership commerciale strategica di 10 anni


casa, immobiliare
motori
Al Villa D’Este debutta la Mostro Barchetta Zagato Powered by Maserati

Al Villa D’Este debutta la Mostro Barchetta Zagato Powered by Maserati


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.