A- A+
Sport
Allegri: ho perdonato i tifosi della Juventus. Tevez? Stupisce sempre

I dubbi estivi dei tifosi bianconeri che avevano circondato l'arrivo di Massimiliano Allegri alla Juventus nei giorni del divorzio tra la Signora e Antonio Conte sono un ricordo lontanissimo. "Mister ma ci ha perdonato per il nostro scetticismo ad inizio stagione?", è stato chiesto da un supporter allo stesso Allegri nel corso di una chiacchierata su Twitter in occasione del "#Tlk2Max""Ho perdonato perché era giusto perdonare. Credo che sia una cosa giusta quella che è capitata. E' stato un fulmine a ciel sereno quello che è successo alla Juve nel mese di luglio. Stiamo facendo un'annata buona che va conclusa ottimamente visto che non abbiamo ancora vinto il campionato e non siamo arrivati ancora in fondo in Champions e Coppa Italia. La cosa più importante è rimanere concentrati, perché al momento non abbiamo portato a casa niente", ha risposto l'ex allenatore del Milan.

Allegri si è raccontato, rispondendo a tutte le domande. Dal suo rapporto con la Juve da giovane ("venivo al Comunale coi miei amici a vedere la grande squadra di Platini, Scirea e Zoff, ho ottimi ricordi") fino alla chiamata della scorsa estate. "Come mi sentivo? Molto, molto felice. Sapevo che avrei avuto la possibilita' di vincere. La responsabilita' e le pressioni che sento sono quelle che si sentono quando si allena la Juve. Ci sono i pro e i contro ma sono molti di piu' i pro". A Torino ha trovato una societa' "organizzata, presente, ambiziosa. Alla Juve tutto e' organizzato alla perfezione e io devo solo pensare a cosa accade in campo". E con i calciatori in rosa e' ancora piu' semplice. "Nel rapporto coi giocatori l'aspetto piu' importante e' l'onesta' e poi bisogna saper toccare le corde giuste, ma sono aiutato da un gruppo che ha fame di vincere sempre".

Si torna su quella diffidenza iniziale del popolo juventino al suo arrivo: "Avevo promesso di riuscirci grazie ai risultati, per questo conquistare il popolo bianconero era uno dei miei obiettivi piu' grandi. Giocare nello Stadium e' un'emozione unica, e' un valore aggiunto che tutti noi percepiamo quando disputiamo le partite in casa. A quando un mio giro di campo? Beh, magari se riuscissimo a vincere lo scudetto...". Ma richiama tutti alla realtà attuale: "Ora dobbiamo essere concentrati su quello che dobbiamo fare fino a fine stagione, al momento non abbiamo portato a casa niente".

Cosa ha pensato vedendo il gol capolavoro di Tevez contro il Genoa? "Che io non avrei saputo farlo!", scherza Allegri. E poi aggiunge: "Battute a parte Tevez non smette mai di stupire!".

Se lo scudetto e' ormai a portata di tiro, in Europa c'e' una semifinale di Champions che mai come oggi e' un obiettivo concreto. "Ero molto fiducioso fin dall'inizio nel nostro passaggio del turno, ma sicuramente dopo il ritorno con l'Olympiacos - dice a proposito del girone - E dopo la vittoria di Dortmund sono convinto che dobbiamo credere di potere continuare il torneo, anche se il Monaco e' un avversario molto piu' pericoloso di quello che tutti pensano, e' una partita molto piu' complicata di quello che sembra".

Una battuta anche sulla Coppa Italia. L'1-2 dell'andata allo Juventyus Stadium mette i bianconeri in difficoltà contro la squadra di Vincenzo Montella. A Firenze si può ribaltare? "La Coppa Italia manca da tanto e faremo di tutto per conquistarla. Possiamo ribaltare l’andata, #siamolajuve!".

Tags:
allegrijuventusteveztifosi
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Renault Arkana e-tech 145, la nouvelle vague diventa ibrida

Renault Arkana e-tech 145, la nouvelle vague diventa ibrida


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.