A- A+
Sport
eto balotelli                                  Balotelli ed Eto'o                                   Guarda la gallery

Mazzarri chiama Balotelli, il Milan fa pretattica (tra i tackle di Berlusconi e l'amore di Galliani per Supermario), ma a sorpresa entra in scena l'Inter. Il direttore sportivo Piero Ausilio parla dell'esistenza di una clausola pro-nerazzurri di cui molto si parlò all'epoca della cessione e che sino ad ora non era mai stata confermata: "Su di lui esiste un diritto di prelazione: nel momento in cui il City decidesse di cederlo, noi decideremmo se esercitarlo o meno". L'Inter può riportare a casa l'attaccsnte pareggiando l'offerta di qualunque altro club interessato. "Tecnicamente - spiega a Panorama - Mario può andar bene al fianco di qualsiasi attaccante". Il fatto che poi in questo momento la società di Corso Vittorio Emanuele potrebbe avere più di una remora a mettere 25 milioni per un giocatore che non è in cima alla propria lista di mercato è un altro discorso. Resta il fatto che l'ultima parola spetterà comunque a Massimo Moratti.

SCHELOTTO-INTER, L'ATALANTA FA MELINA

La trattativa per il passaggio tra l'Inter ed Ezequiel Schelotto ancora non si conclude. Il direttore generale dell'Atalanta Marino smentisce che il Genoa si sia defiliato. E comunque tiene aperti i giochi:  "Branca ce lo ha chiesto, questo lo possiamo dire. Il giocatore però interessa anche ad altri, fra cui il Genoa. Vediamo quello che succederà". Nessun dubbio sul fatto che le tante voci di mercato no distoglieranno dal campo l'esterno italo-argentino: "E' un ragazzo serio. Livaja? E' un giocatore che può anche piacere all'Atalanta, ma non avendo aperto trattative con l'Inter non c'è mai stato offerto, neanche come possibile contropartita".

Eppure in Inghilterra prende quota l'ipotesi di vedere Mario Balotelli con la maglia del Milan. Il "Mirror" rivela che al Manchester City ci sarebbe un certo ottimismo sulla possibilita' di raggiungere un accordo con i rossoneri per la cessione di Balotelli, con l'intesa che potrebbe essere trovata gia' in questa finestra di mercato. Nonostante pubblicamente lo difenda, infatti, Mancini avrebbe deciso di disfarsi del suo pupillo e il Milan apparirebbe come l'unica destinazione possibile. Per il tecnico la lite della scorsa settimana avrebbe rappresentato il classico punto di non ritorno, da qui il via libera all'addio di SuperMario. L'unica condizione posta dal City e' la formula: niente prestito ma solo cessione a titolo definitivo e non per meno di 25 milioni di euro.

RAIOLA, BALOTELLI CILIEGINA MA NON TORNA IN ITALIA - "Berlusconi di frutta non se ne intende, credo sia lo stress delle elezioni, si e' fatto sfuggire una cosa che non pensa perche' non lo conosce e non puo' avere un giudizio. Credo sia stata una gaffe, Mario non e' una mela marcia, e' un frutto esotico, una ciliegina". Mino Raiola, procuratore di Balotelli, replica cosi' a quanto affermato nei giorni scorsi da Berlusconi, che aveva chiuso a un possibile arrivo di Balotelli in rossonero giudicandolo una "mela marcia"

Ma in realta' "la porta non e' mai stata aperta, il presidente del City e' sempre stato chiaro, lo ha sempre dichiarato incedibile. Possibilita' di rivederlo in Italia? Lo 0,0001% perche' nel calcio non si sa mai, sta passando un momento difficile ma per me si sta comportando molto bene". Escluso anche il Napoli "perche' se dico che e' molto difficile che torni in Italia, finche' il Napoli e' in Italia e' difficile - se la ride Raiola ai microfoni di Sky Sport -. Il rapporto con De Laurentiis e' molto migliorato, ci parliamo, ci sentiamo ma non credo che Balotelli sia un obiettivo del Napoli e viceversa". A Napoli sarebbe potuto sbarcare un altro giocatore assistito da Raiola: Ibrahimovic. "Mi ricordo che tanti anni fa, quando era ancora alla Juve, dopo la partita d'addio di Ciro Ferrara Zlatan mi disse 'portami a Napoli'. Il pubblico e' speciale, il calore della gente e' qualcosa di unico al mondo". Ma ora Ibra sta bene dove sta, al Paris Saint Germain. "E' un progetto difficile, e' una squadra che da un giorno all'altro e' diventata un top team - sottolinea -. E' un grande cambiamento di mentalita' ma e' una sfida che Zlatan ha accettato e che sta portando avanti".

Restera' dov'e' anche Robinho che "il Milan ha tolto dal mercato. Eravamo molto vicini all'accordo ma essere vicini a un accordo non e' un accordo - spiega ancora Raiola -. Il Milan ha deciso di toglierlo dal mercato e non ha piu' parlato con nessuno, c'e' stata anche una squadra pronta a soddisfare le richieste del Milan ma i rossoneri non hanno piu' aperto la trattativa e anche il giocatore e' contento di rimanere. Rinnovo? Ne parliamo dopo il mercato, da febbraio in poi". Infine una battuta su Weiss, altro calciatore assistito da Raiola. "Mai parlato col Milan di lui - assicura -. Tante squadre chiedono informazioni su di lui ma non il Milan. Il Napoli? Non ci starebbe male ma di concreto non c'e' niente"

Tags:
balotelliintermilanausilioraiola

i più visti

casa, immobiliare
motori
Al via gli ordini della nuova Jeep Grand Cherokee 4Xe hybrid

Al via gli ordini della nuova Jeep Grand Cherokee 4Xe hybrid


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.