A- A+
Sport
La figlia di Baresi attacca Mancini. Beppe precisa: "Mai licenziato"

LA PRECISAZIONE DI BEPPE BARESI - "Non sono mai stato licenziato dall'Inter. Roberto Mancini è arrivato con un suo staff tecnico con il quale lavorerà sulla prima squadra. Alcune parole di mia figlia sul club e su Roberto Mancini sono state interpretate male e non sono sicuramente frutto del suo pensiero, mi dispiace per quello che è successo e me ne scuso". Parola di Beppe Baresi. "Io sono a disposizione dell'Inter che è un club con il quale lavoro da una vita. Mi incontrerò a breve con Marco Fassone e Piero Ausilio per definire i dettagli della mia nuova attività in società".

L'INTERVISTA DELLA FIGLIA DI BEPPE BARESI-  "Doveva dirglielo in faccia. E invece non lo ha fatto. Mancini non ha avuto nemmeno il coraggio di licenziare mio padre guardandolo negli occhi. Dopo oltre trent’anni di Inter meritava rispetto. Mi sono messa nei suoi panni. Pensare che dalla mattina alla sera ti ritrovi senza lavoro. Mi viene da piangere". Questo è l’amaro e clamoroso sfogo di Regina Baresi, 23 anni,  che affida al settimanale “Chi” in una intervista esclusiva.

Regina è figlia di Beppe Baresi, per trentasette anni bandiera dell’Inter, prima come giocatore, poi come allenatore e dirigente. Baresi è la prima vittima illustre del ritorno all’Inter di Roberto Mancini. Il giorno dopo l’arrivo del “Mancio” a Milano, Beppe Baresi è stato clamorosamente licenziato. Con una semplice telefonata "Mio padre ha saputo di essere fuori dall’Inter da una telefonata del direttore sportivo Ausilio, una telefonata arrivata di sera". Lo hanno trattato come l’ultimo degli arrivati, spiega Regina, che è capitano  dell’Inter femminile ed è una promessa del calcio femminile italiano.

"Non conosco i motivi del licenziamento. Mio padre, terminata la carriera di giocatore, ha ricoperto diversi incarichi. Prima di approdare in prima squadra, dove ha lavorato con Mourinho, Leonardo, Benitez, Ranieri Stramaccioni e Mazzarri, si occupava delle giovanili. Ci giocavano anche i figli di Mancini e pare che mio padre non li vedesse bene in campo. Chissà.."

"Mio padre si è chiuso in casa in silenzio. Lo vedo che sta male. Ma è troppo attaccato alla società per parlare male. So che ha sentito i Moratti: con loro c’è sempre stata grande sintonia".

"Se incontrassi Mancini non lo saluterei", polemizza Regina Baresi. "Lui ha mancato di rispetto a mio padre: doveva dirgli in faccia che non lo voleva più".

Tags:
beppe baresimanciniallenatore intermazzarri
in evidenza
Meteo, fresco? È solo un’illusione Torna l'inferno. Ecco quando

Meteo

Meteo, fresco? È solo un’illusione
Torna l'inferno. Ecco quando

i più visti
in vetrina
Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede

Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede


casa, immobiliare
motori
Nissan JUKE Hybrid: efficienza e basse emissioni ma anche piacere di guida

Nissan JUKE Hybrid: efficienza e basse emissioni ma anche piacere di guida


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.