A- A+
Sport
Napoli inciampa con l'Empoli. Benitez. "Evitare certi errori"

"Confronto lungo con il presidente a fine partita? No, ho parlato con De Laurentiis, con il mio staff e poi con i giocatori, come faccio sempre. Non e' un finale di gara diverso dagli altri. Abbiamo fatto male? Si: abbiamo controllato i primi venti minuti. Poi abbiamo fatto un errore e abbiamo concesso loro il gol del vantaggio, andando a seguire in difficolta'. Nella ripresa, dopo il 2-0 subito, abbiamo reagito bene e abbiamo anche provato a vincere. La reazione della squadra e' la nota positiva: se Callejon o de Guzman avessero fatto il terzo gol adesso parleremmo di altro. Mi piace pero' guardare tutta la gara e non dimenticare che nel primo tempo abbiamo sofferto troppo". Cosi', al termine di Napoli-Empoli, l'allenatore dei partenopei, Rafael Benitez.

"La squadra deve fare meglio sia in fase difensiva che in fase d'attacco. Per tornare al successo, infatti, dobbiamo segnare di piu' e incassare meno reti. La squadra ha fatto benissimo lo scorso anno e anche in questa stagione ha fatto cose molto buone: non siamo assolutamente in crisi. Dobbiamo solo evitare certi errori, che si ripetono, purtroppo, in diverse occasioni", ha aggiunto il tecnico spagnolo. "Il pareggio della Juve e quello della Roma potevano essere da stimolo per noi, ma abbiamo concesso gol e troppi spazi ai nostri avversari, che si sono confermati una buona squadra. Higuain? Ha avuto diversi problemi fisici: lo sapevano tutti ed era stato scritto chiaramente sui giornali. Questa e altre scelte sono state dettate dalla condizione fisica dei vari giocatori. De Guzman? E' un giocatore di qualita': all'inizio, qui a Napoli, ha avuto qualche problema. Adesso deve dare il suo contributo importante alla squadra", ha concluso Benitez.

Napoli recupera doppio svantaggio, 2-2 contro Empoli - Il Napoli continua a deludere. Davanti al proprio rumoreggiante pubblico, nel lunch match della quattordicesima giornata della serie A, gli irriconoscibili azzurri sono stati fermati, sul 2-2, da un ottimo Empoli. Rocambolesco il terzo pareggio consecutivo dei partenopei: prima la banda di Sarri si e' portata avanti (per 2-0) grazie alle reti di Verdi (al 19' del primo tempo) e di Rugani (all'8' della ripresa). A seguire i padroni di casa hanno riequilibrato la gara con le reti di Zapata e di de Guzman (a segno rispettivamente al 22' e al 27' del secondo tempo). Per quanto visto in campo, sarebbe stato un risultato ingiusto il successo nel finale del Napoli, in un match contraddistinto invece dal gioco spumeggiante degli ospiti (al quarto risultato utile consecutivo), padroni del campo nei primi sessanta minuti di gioco. Nei padroni di casa, privi dello squalificato Koulibaly e degli indisponibili Zuniga, Michu, Insigne e Mesto, Rafael Benitez si e' affidato al solito schema (4-2-3-1), inserendo dal primo minuto Maggio, Henrique, Albiol e Ghoulam a protezione di Rafael; David Lopez e Jorginho in mediana, con Callejon, Hamsik e Mertens a sostegno di Zapata. In campo soltanto nella ripresa Higuain (non al top della condizione).Negli ospiti, orfani degli infortunati Guarente, Laurini, Perticone e Rovini, Maurizio Sarri ha optato per il modulo 4-3-3: spazio dunque in avvio a Hysaj, Tonelli, Rugani e Mario Rui davanti a Sepe; a Valdifiori, Vecino e Croce nella zona nevralgica e a Verdi, Maccarone e Tavano in attacco. A sbloccare la partita ci ha pensato Verdi, al primo gol in serie A. Il giovane dei toscani e' stato servito in velocita' da Maccarone e, approfittando della difesa azzurra in bambola, ha insaccato la sfera alle spalle di Rafael. Lo stesso Verdi, sei minuti dopo, ha servito un pallone d'oro a Maccarone, il quale, a tu per tu col portiere dei partenopei, ha sciupato una ghiotta occasione. Poi, al 32', e' toccato a Tavano fallire il colpo del 2-0, con la retroguardia del Napoli ancora una volta inguardabile.Il doppio vantaggio e' giunto puntuale all'8' della ripresa: su un corner dalla sinistra, Rugani ha avuto il tempo di controllare e di battere al volo Rafael da breve distanza. Qui e' rinato il Napoli, grazie an che agli innesti di Higuain e di de Guzman. Al 22' Zapata, di testa, su corner, ha accorciato le distanze; cinque minuti dopo de Guzman ha castigato l'ottimo Sepe, sfruttando al meglio un cross dalla destra di Maggio, con l'Empoli momentaneamente in dieci per l'infortunio di Mario Rui. Sarri ha protestato, perche' voleva il cambio, ed e' stato espulso. Poi l'estremo difensore dei toscani ha salvato i suoi in due occasioni: al 36' ha detto di no a Callejon; nel recupero ha risposto alla grande a de Guzman. Giusto nel complesso il risultato finale.

Tags:
benitezde guzmanzapatanapoli empolirafaeljorginho
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Stellantis, successo confermato al Company Car Drive 2022

Stellantis, successo confermato al Company Car Drive 2022


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.