A- A+
Sport
Bologna Calcio in mani austriache

Si comincia a delineare la composizione della cordata interessata a rilevare il Bologna. Il tentativo di scalata alla maggioranza del club rossoblù nasce per volontà della G Diamonds, un’azienda austriaca attiva nel settore dei preziosi e in quello immobiliare. I capofila sono spalleggiati da alcuni imprenditori romani, intenzionati a restare nell’ombra fino all’eventuale conclusione positiva dell’operazione. È questo quanto emerge da una conferenza stampa tenuta al Circolo Tennis Aeroporto da Stefano Bruni, ex sindaco di Como nonché commercialista e consulente del gruppo austro-capitolino.

"La trattativa è iniziata a fine giugno con un incontro con alcuni soci minori e l’avvocato Grassani (incaricato dal BFC di ricevere manifestazioni d’interessse, ndr). E in una banca bolognese sono stati depositati 15 milioni di dollari, pari a 12 milioni di euro" rivela Bruni. La somma sarebbe ampiamente sufficiente ad acquisire il controllo del Bologna sottoscrivendo l’aumento di capitale sociale aperto a terzi e in scadenza il 15 ottobre, ma gli aspiranti acquirenti hanno le mani legate. “Il presidente Guaraldi non ha completato per 485 mila euro il precedente aumento di capitale, per cui secondo il codice civile non possiamo accedere a quello successivo” aggiunge Bruni, ribadendo che se ne parlerà il 25 agosto, al ritorno dell’azionista di maggioranza dalle vacanze in Sardegna.

La cordata non vuole aspettare un eventuale fallimento e ha già pronto un piano quinquennale per riportare il Bologna dove merita, ma pone due precondizioni per proseguire una trattativa non ancora decollata: Guaraldi non deve pretendere la liquidazione delle sue quote e i conti devono essere sostenibili. All’incontro erano presenti anche alcuni possibili dirigenti della nuova compagine societaria tra cui il fiduciario Piero Montaquila, già protagonista di una recente conferenza stampa che ha portato l’avvocato Grassani a minacciare azioni legali. Al suo fianco, oltre a Bruni, c’erano anche il maestro di tennis Fabio Bonetti, la talent-scout di calciatori Cristina Russo e Paolo Di Stanislao, ex presidente del Lanciano condannato a 7 anni di carcere in primo grado per il crac del club abruzzese. I portavoce della cordata puntano a completare la due diligence in 48 ore per chiudere subito dopo e avere qualche giorno per agire sul mercato. Le speranze dei potenziali acquirenti sembrano fin troppo ottimistiche, considerando sia la ristrettezza dei tempi che la ritrosia finora dimostrata da Guaraldi a vendere il suo 52% del BFC senza rientrare di quanto investito.

Tags:
bologna
in evidenza
"Speriamo che sia femmina": la politica può essere sexy? Scoprilo alla Piazza, crocevia delle elezioni!

La kermesse di Affari dal 26 al 28 agosto - Il programma

"Speriamo che sia femmina": la politica può essere sexy? Scoprilo alla Piazza, crocevia delle elezioni!


in vetrina
Scatti d'Affari ATIU, protagonista del più importante round di equity crowdfunding 2022

Scatti d'Affari
ATIU, protagonista del più importante round di equity crowdfunding 2022


casa, immobiliare
motori
Dacia Spring: l’elettrica oltre gli incentivi

Dacia Spring: l’elettrica oltre gli incentivi


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.