A- A+
Sport
Caso Djokovic-Melbourne: "La pagherà cara, non è mica Kate Moss"

I pubblicitari: "Rischia di perdere 50 milioni all’anno”

Il tennista Djokovic in questi giorni è alla ribalta su tutti i media del mondo per il suo ‘trucco’ per giocare malgrado la mancanza di vaccinazione agli Open d’Australia e relativo ‘respingimento’ delle autorità locali addirittura per voce in diretta tv del Primo Ministro Scott Morrison. Ed è il più pagato tennista al mondo avendo fatturato oltre 96 milioni di dollari tra dicembre 2020 e dicembre 2021.

Il fatturato stellare del tennista serbo è composto ovviamente dai cachet e dai montepremi raccolti nelle sue molte apparizioni e vittorie ma anche e soprattutto dalle tante sponsorizzazioni milionarie, che però, proprio a fronte della sua ribalta mediatica mondiale che ha tracimato sulla politica e sulla cronaca a fronte delle sue dichiarate, ed oggi più che conclamate, posizioni No-Vax sarebbe a serio rischio secondo gli esperti di comunicazione: “Con le sue posizioni estreme, peraltro colorate anche dalle dichiarazioni di genitori e staff  – commenta Stella Romagnoli, direttore generale dell’IAA - International Advertising Association – il tennista serbo si auto-posiziona in una ‘zona nera’ per chiunque lo abbia o possa desiderare in futuro ingaggiarlo come testimonial del proprio marchio”.

"Gli sponsor gli preferiranno Nadal o Berrettini"

“Djokovic non è Kate Moss – sentenzia invece  lo spin doctor Davide Ciliberti del gruppo di comunicazione Purple & Noise PR – che a seguito dello scandalo cocaina scaricata dallo sponsor è stata subito reclutata da altri brand perché per assurdo quello scandalo le ha conferito un posizionamento da bella e pure dannata, perfetto per il mondo delle celebrità a metà tra moda e jet set. Djokovic invece – continua l’esperto -  è inciampato su un tema molto meno lustrineggiante, quello della pandemia, che è costato all’umanità milioni di vittime e che ancora sta flagellando tutti i paesi. Un inciampo, peraltro molto convinto, che alla fine – calcola Davide Ciliberti -  ritengo gli costerà non meno di 50 milioni di euro sul prossimo anno in minori sponsorizzazioni, in un momento in cui peraltro il tennista è pure quasi al capolinea della sua carriera, che invece si orienteranno su campioni in campo e nella vita quali Nadal ma anche il nostro Berrettini” conclude lo spin doctor.

 

Sul caso Djokovic leggi anche:

Draghi e il governo in confusione. Ma per la sinistra il nemico è Djokovic

Caso Djokovic: il padre prima fa minacce e poi paragona Novak a Gesù Cristo

Djokovic trasferito in hotel per immigrati: Australia, espulsione posticipata. E Nadal.. La situazione

Commenti
    Tags:
    kate mossnovak djokovicpurple & noise




    in evidenza
    Iran, ecco Raisi prima dell'incidente fatale in elicottero: le foto del leader e del suo entourage

    Ultimi scatti prima dello schianto

    Iran, ecco Raisi prima dell'incidente fatale in elicottero: le foto del leader e del suo entourage

    
    in vetrina
    Annalisa, "la lingua era nella sua gola...". Quando ha rischiato di morire

    Annalisa, "la lingua era nella sua gola...". Quando ha rischiato di morire


    motori
    Škoda nuova Octavia: nuovo design, tecnologia AI e motori efficienti

    Škoda nuova Octavia: nuovo design, tecnologia AI e motori efficienti

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.