A- A+
Sport
Champions League: finale tra Chelsea e Manchester City si giocherà a Porto
GUARDIOLA (foto Lapresse)

Champions League: finale tra Chelsea e Manchester City si giocherà a Porto

La finale di Champions League tra Chelsea e Manchester City, prevista per il 29 maggio, si giochera' a Porto, in Portogallo. Lo ha deciso l'Uefa dopo aver escluso la sede originaria, Istanbul, per motivi legati alla crisi sanitaria da Covid-19.

Finale di Champions League si giocherà a Porto con 12mila tifosi

In un comunicato, l'organismo europeo ha specificato che saranno 6 mila i biglietti che ciascuno dei due club avra' a disposizione per i propri tifosi. Il numero totale di spettatori ammessi all'interno dello stadio Dragao (capacita' totale di 50.000 persone) sara' comunicato nei prossimi giorni.

Finale Champions League a Porto. Ceferin: Non potevamo privare tifosi di seguire finale Champions

"Spero che la finale sia un simbolo di speranza per il riemergere dell'Europa da un periodo difficile e che i tifosi che si recano alla partita possano ancora una volta prestare la loro voce per mostrare questa finale come la migliore del calcio di club". Lo ha detto il presidente Uefa Aleksander eferin annunciando la decisione. "Penso che possiamo essere tutti d'accordo sul fatto che speriamo di non vivere mai un anno come quello che abbiamo appena vissuto - ha aggiunto - i tifosi hanno dovuto soffrire per piu' di dodici mesi senza la possibilita' di vedere le loro squadre dal vivo e raggiungere una finale di Champions League e' l'apice del calcio per club. Privare quei tifosi della possibilita' di vedere la partita di persona non era un'opzione e sono lieto che questo compromesso sia stato trovato". 

 "Dopo l'anno che i tifosi hanno sopportato, non e' giusto che non abbiano la possibilita' di vedere le loro squadre nella partita piu' importante della stagione - ha spiegato - ancora una volta ci siamo rivolti ai nostri amici in Portogallo per aiutare sia la Uefa che la Champions League e sono, come sempre, molto grato all'FPF e al governo portoghese per aver accettato di organizzare la partita con cosi' poco preavviso. Hanno lavorato instancabilmente in vincoli di tempo molto stretti per trovare soluzioni per le molte sfide che presenta un gioco di questa portata. Ogni volta che c'e' stato un ostacolo, sono stati creativi nelle soluzioni presentate e il successo della messa in scena della finale di quest'anno e' interamente dovuto al loro duro lavoro e alla loro tenacia". "Accettiamo che la decisione del governo britannico di inserire la Turchia nella lista rossa dei viaggi sia stata presa in buona fede - ha aggiunto - e nel migliore interesse di proteggere i suoi cittadini dalla diffusione del virus, ma ci ha anche presentato una grande sfida nella messa in scena una finale con due squadre inglesi. Le difficolta' per spostare la finale sono grandi e la FA e le autorita' hanno fatto ogni sforzo per provare a mettere in scena la partita in Inghilterra e vorrei ringraziarli per il loro lavoro nel cercare di realizzarlo". "La federazione calcistica turca e le autorita' turche hanno riconosciuto gli sforzi della Uefa per dare ai tifosi delle squadre concorrenti la possibilita' di guardare la partita - ha concluso - la Federcalcio turca e le autorita' sono sempre state partner affidabili della Uefa e la Turchia ha ospitato molti eventi Uefa nel corso degli anni con grande successo. Spero di essere a Istanbul e in Turchia per una finale di Champions League e molti altri eventi nel prossimo futuro". 

Commenti
    Tags:
    manchester city portofinale champions leaguemfinale champions league dove si giocafinale champions league porto




    in evidenza
    Affari in rete

    Guarda la gallery

    Affari in rete

    
    in vetrina
    Carrà, in vendita la villa all'Argentario. Prezzo (quasi) accessibile. FOTO

    Carrà, in vendita la villa all'Argentario. Prezzo (quasi) accessibile. FOTO


    motori
    Alpine Endurance Team alla 24 Ore di Le Mans: test day cruciale

    Alpine Endurance Team alla 24 Ore di Le Mans: test day cruciale

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.