A- A+
Sport

Donald Sterling nella bufera. Il patron dei Los Angeles Clippers, beccato in una registrazione audio in una sparata razzista contro gli afroamericani, perde i principali sponsor della sua squadra. Subito Car Max e Virgin America si sono ritirati. Subito dopo sono stati seguiti da State Farm, Kia Motors America, l'acqua P. Diddy's, AQUAHydrate, Red Bull e Yokohama.

Non solo. La Naccp, l'assozione che promuove il progresso dei neri, ha restituito a Sterling, di religione ebraica, tutte le donazioni ricevute in questi anni, di cui non e' stato rivelato l'ammontare indicato solo come "significativo".

Sterling non ricevera' piu' il premio della Naccp che gli sarebbe stato consegnato il 15 maggio se non fosse emersa la registrazione della conversazione avuta il 9 aprile con la sua fidanzata V. Stiviano. Nell'audio si sente Sterling, 80 anni, lamentarsi la giovane di quanto lo avesse infastidito vedere una sua foto su Instagram con la legenda del basket californiano, Magic Johnson: "Non capisco perche' vuoi essere associata con dei neri. Devi proprio? Ci puoi dormire, ci puoi fare qualunque cosa tu voglia. Il minimo che ti chiedo e' di non darne pubblicita' e di non portarmeli alle mie partite".

Il cantante afroamericano Durrell Babbas, piu' conosciuto come Tank, ha rinunciato a cantare l'inno nazionale nella partita che i Clippers hanno contro i Golden State Warriors, contro i quali hanno perso domenica sera.

Tags:
clippersnbasterlingrazzismo
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli

Scatti d'Affari
Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli


casa, immobiliare
motori
Volkswagen ID. Buzz e ID. Buzz Cargo: il Bulli del XXI Secolo in chiave green

Volkswagen ID. Buzz e ID. Buzz Cargo: il Bulli del XXI Secolo in chiave green


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.