A- A+
Sport

L'Italia cede al Brasile (4-2 per i verdeoro) e chiude al secondo posto il girone di Confederations Cup e giochera' giovedi' 27 a Fortaleza (ore 21) la semifinale contro la vincente dell'altro girone (probabilmente la Spagna). Nel match, la squadra di Prandelli ha lottato ma ha ceduto alla superiorita' dei padroni di casa che hanno battuto Buffon due volte con Fred e con Dante e Neymar. Per gli azzurri i gol di Giaccherini e Chiellini. L'avvio e' tutto brasiliano, con l'Italia che si disimpegna male e rischia in alcune occasioni, in particolare al 1' con Hulk (bravo Buffon). Poi gli azzurri, in una Arena Fonte Nova di Salvador de Bahia piena di gente e con la tensione per quanto stava accadendo nella vicinanza dello stadio dove si sono registrati incidenti tra manifestanti e polizia, prendono le distanze agli avversari e il match diventa equilibrato. Nella prima mezz'ora, pero', l'Italia e' costretta a due cambi per altrettanti infortuni: prima fuori Montolivo (problemi di giramenti di testa) e dentro Giaccherini e poco dopo fuori Abate (infortunio alla spalla destra dopo un fallo di Neymar) e dentro Maggio.

Anche il Brasile, che "becca" tre gialli (David Luiz, Neymar e Luiz Gustavo) ma tiene il possesso palla, e' costretto a un cambio per l'infortunio occorso a David Luiz, sostituito da Dante. E proprio quest'ultimo, nei secondi finali del primo tempo, porta in vantaggio i verde-oro raccogliendo da due passi una respinta di Buffon sul colpo di testa di Fred dopo una punizione calciata da Neymar.L'avvio di ripresa e' di marca azzurra ed al 6' arriva il pareggio con Emanuele Giaccherini: rinvio di Buffon, testa di Aquilani a centrocampo, tacco a seguire di Balotelli verso lo juventino che batte Julio Cesar con un preciso diagonale. La gioia per il raggiunto pari dura 4', giusto il tempo per permettere a Neymar di conquistare una punizione dal limite e battere Buffon sul proprio palo. L'Italia cerca di recuperare e si espone al contropiede puntualmente sfruttato dal Brasile che al 21' segna il 3-1 con Fred che, riceve da Marcelo, resiste alla carica di Chiellini e batte di sinistro Buffon. Scolari pensa che per Neymar possa bastare cosi' e lo sostituisce (tra gli applausi del pubblico) ma gli azzurri non ci stanno e segnano il 3-2 con Chiellini che risolve in area una mischia. Prandelli ci crede e mette dentro anche El Shaarawy, mentre il ct brasiliano concede riposo anche ad Hulk per inserire Fernando. L'Italia e' piu' in palla e va vicina al pareggio al 35' con Maggio che stacca di testa in area e colpisce in pieno la traversa. Ma segna ancora il Brasile, al 43', con Fred che raccoglie una corta respinta di Buffon a seguito di un tiro di Marcelo e lo batte.

NUOVE PROTESTE, 25 FERITI E 22 ARRESTI A BELO HORIZONTE E' di 25 feriti, tra cui cinque poliziotti, e 22 arresti il bilancio degli scontri nella notte a Belo Horizonte, in Brasile, dove si e' giocata la partita di calcio Giappone-Messico per la Confederations Cup. Nonostante l'appello alla calma della presidente brasiliana, Dilma Rousseff, le proteste contro gli sprechi legati ai mondiali di calcio e l'insufficienza dei servizi pubblici sono proseguite in una ventina di citta', anche se con una partecipazione inferiore. A Belo Horizonte sono scese in piazza 70.000 persone al grido di "La Coppa per chi?" e gli incidenti sono scoppiati quando un gruppo ha cercato di raggiungere lo stadio Mineirao. Gli agenti hanno lanciato i gas lacrimogeni per disperdere la folla e ne sono nate forti tensioni. Alcuni teppisti hanno poi saccheggiato negozi e danneggiato banche e concessionarie d'auto. A Salvador de Bahia, all'esterno delo stadio dove hanno giocato Brasile e Italia, centinaia di manifestanti hanno lanciato petardi contro le forze dell'ordine che hanno caricato la folla e ci sono sati alcuni feriti lievi. All'interno dello stadio molti brasiliani esponevano striscioni a favore delle proteste. A ovest di Rio, vicino al carcere di Bangu, la polizia ha confiscato bottiglie molotov e ha arrestato una trentina di persone per saccheggi e atti di vandalismo. A San Paolo sono scese in strada 35.000 persone e a Uruguaiana, nel sud, i manifestanti hanno occupato pacificamente per quattro ore il ponte che collega il Brasile all'Uruguay.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
confederationsitaliabrasile
in evidenza
CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

Corporate - Il giornale delle imprese

CDP, ospitato FiCS a Roma
Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

i più visti
in vetrina
Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


casa, immobiliare
motori
Peugeot: la filosofia della guida elettrica

Peugeot: la filosofia della guida elettrica


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.