A- A+
Sport
Tavecchio: "Conte non mi ha detto di no per il ruolo di ct"

"Il nuovo ct della Nazionale? Ci stiamo lavorando, abbiamo delle iniziative in corso ma non posso dire di più. Come ho dormito? Bene, grazie". Carlo Tavecchio fa il punto sulla questione legata al commissario tecnico della nazionale. L'esordio di settembre alle qualificazioni per Euro 2014 si avvicina e gli azzurri sono ancora senza una guida tecnica. 

Il neo-presidente della Figc comunque un po' si sbilancia e giura che c'è stato un contatto con Antonio Conte: "Ho parlato con lui, ma non ho ancora una risposta definitiva".

Nessun rifiuto: per convincere il tecnico salentino serve un ingaggio da 3,5 ai 4 milioni di euro (l'offerta è metà, si può oprovare a salire con bonus e sponsor) e una carica 'alla Loew' di coordinatore di tutte le nazionali. In pratica sul ruolo è l'accordo che aveva trovato Cesare Prandelli prima del Mondiale. Molto difficile.

Entro due o tre giorni la risposta. In seconda battuta Zaccheroni e Guidolin sono pre-allertati. Sullo sfondo l'ipotesi di due eroei del Mundial '82, Marco Tardelli con Antonio Cabrini come vice.

Ricorso Codacons al Tar contro regole elezione Figc - Un ricorso al Tar del Lazio contro le regole di elezione del vertice della Federcalcio italiana e contro ogni altro atto legato a questo passaggio viene annunciato dal Codacons all'indomani dell'elezione di Carlo Tavecchio. Un ricorso non tanto contro il neo presidente o contro Albertini, se fosse stato questi ad essere eletto a capo del calcio italiano, quanto invece contro il meccanismo che - precisa Carlo Rienzi, presidente del Codacons - "esclude i primi fruitori dell'attivita' sportiva calcistica, e cioe' i tifosi". Secondo Rienzi, infatti, "i tifosi non hanno voce in capitolo, non possono dire la loro sulla presidenza, non e' previsto il loro coinvolgimento attraverso una consultazione magari anche online"

Il presidente del Codacons aggiunge "basta con queste enclave, che sono le federazioni, che hanno tutti gli interessi economici, le squadre e gli affaristi che ruotano attorno ai calciatori e ai diritti tv. Gli utenti invece sono considerati zero, irrilevanti e ininfluenti". Rienzi riferisce inoltre che l'associazione dei consumatori alla vigilia del voto aveva chiesto ai candidati presidenti Tavecchio e Albertini "di impegnarsi sulla norma dello statuto federale che prevede l'obbligo anche per le squadre di applicare i cosiddetti 'modelli' della legge 231 del 2001", che mira ad evitare che illeciti siano commessi. E' la legge sulla responsabilita' penale delle societa', in ambiti anche diversi dal calcio (e la vicenda Costa Concordia ne e' un esempio lampante). E "invece non abbiamo saputo e sentito niente di cio'. Il calcio continua ad essere in uno stato di illegalita' totale - dice Rienzi - e per poterlo fare devono tenere fuori i tifosi dall'ordinamento calcistico. Il nostro ricorso punta a far rimuovere quegli ostacoli". Il ricorso sara' presentato e formalizzato entro 60 giorni dalla pubblicazione dei verbali dell'elezione del nuovo presidente della Figc, e quindi a questo putno una risposta del Tar si avra' solo a campionati di calcio gia' in corso.

Tags:
contetavecchionazionalefigccommissario tecnicozaccheroni
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Claudia Romani attaccante di sfondamento: 4 gol (foto da urlo!) per l'Italia

Claudia Romani attaccante di sfondamento: 4 gol (foto da urlo!) per l'Italia


casa, immobiliare
motori
Ford ed Herme testano i veicoli a guida autonoma per le consegne a domicilio

Ford ed Herme testano i veicoli a guida autonoma per le consegne a domicilio


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.