A- A+
Sport
Conte e l'incubo del calendario: teme la rimonta Roma. Ecco perché

Sei punti sulla Roma: un distacco che non lascia per niente tranquillo Antonio Conte. La sua Juve ha tenuto una media impressionante (56 punti in 21 giornate), arrivando a vedere persino la meta dei 100 punti possibili a fine campionato. Nonostante tutto però Totti e compagni sono lì, a quota 50 e fanno paura. Il tecnico salentino annota e guarda con preoccupazione a un calendario molto impegnativo. Paradossalmente l'eliminazione ai quarti di Coppa Italia - proprio per mano della squadra di Luis Garcia - è una benedizione. Perchè sarebbero stati altrie 2/3 match duri in più, all'interno di un calendario folle.

Dovesse proseguire il suo cammino in Europa League (e l'obiettivo è la finale di Torino per il prestigio, i soldi da recuperare dopo l'eliminazione in Champions e il ranking europeo), la sua Juve non avrà una settimana libera per allenarsi. Al prossimo giro è già tempo di derby d'Italia contro l'Inter di Mazzarri. D'accordo che i nerazzurri sono davvero giù e hanno disimparato a vincere, ma la super sfida con la Signora è stimolo e motivo di riscatto per tutto l'ambiente del club milanese. Ma c'è di peggio. Il girone di ritorno riserva una serie di trasferte di assoluta insidia si parte tra due settimane  Verona, poi la Milano rossonera proprio ora che il Milan dà deboli segnali di risveglio. E comunque ci sarà una nuova gita all'Olimpico (potrebbe essere il match scudetto contro la Roma), oltre al San Paolo e sul terreno del Genoa.

Per non parlare appunto dell'Europa: doppia sfida col Trabzonspor (incubo turco) in mezzo a Milan e derby col Toro. Senza andare troppo oltre, passare agli ottavi della competizione continentale potrebbe portare a marzo il confronto con la Fiorentina.

In più aggiungiamoci un pizzico di corsi e ricorsi storici che fanno paura. Quella volta (correva l'anno 2000) Conte-giocatore viaggiava su vantaggi di questo tipo (anche +9) contro una romana (era la Lazio di Cragnotti) e si vide sfilare lo scudetto all'ultima giornata nel pantano di Perugia...

C'è di che farsi venire un gran mal di testa. Il bicchiere mezzo pieno però fa pensare che questa Juve in Italia resta una corazzata e forse proprio la situazione appena raccontata potrebbe servire alla squadra per tenere alta la tensione.

vucinic modificato 10
 

E il mercato? Con Vucinic partente (l'Inter punta a un prestito da 1,5/2 milioni con obbligo di riscatto: una telefonata tra le dirigenze ha riaperto i giochi) resta aperta l'ipotesi di una punta di riserva. L'ultimo sondaggio è su Floccari, ma il mercato nella sua ultima settimana potrebbe offrire qualche occasione last minute. Difficile pensare però ad Alvaro Morata del Real e Under 21 spagnola: l'attaccante se mai sarà in uscita è più probabile in ottica estiva. Con buona pace non solo della Juve, ma anche di Inter e Lazio che sono attente su di lui. Situazione difficile per Osvaldo: il West Ham è la squadra più portata a mettere soldi contanti sul tavolo del Southampton. Certo che monetizzare Vucinic magari cambierebbe qualche discorso...

Buffon, "Roma forte, per scudetto per ora e' corsa a due. L'espulsione? Colpa delle norme " - "La Roma e' una squadra forte, rispetto alla scorsa giornata e' cambiato poco, solo che abbiamo due punti in meno di vantaggio". Lo ha detto il portiere e capitano della Juventus, Gigi Buffon. Il numero uno bianconero glissa su chi pensa che il pari con la Lazio possa essere un campanello d'allarme ("Ci sorridiamo") mentre per lo scudetto ammette che "in questo momento e' una corsa a due, poi fra qualche partita vedremo". Domenica, intanto, c'e' Juventus-Inter. "Ma io non ci sono", replica Buffon, che sara' squalificato dopo l'espulsione con la Lazio.

 "Per quanto riguarda le espulsioni dei portieri, sono le norme a essere esagerate, non gli arbitri. Loro le applicano e di conseguenza non hanno colpe". Il portiere della Juventus e' stato espulso contro la Lazio per il fallo da rigore su Klose su chiara occasione da gol ma sembra non avere molto da recriminare, almeno sulla decisione del direttore di gara. "Gli arbitri stanno avendo un ottimo rendimento quest'anno, con loro abbiamo instaurato un bel dialogo che aiuta. Grazie a questo migliore rapporto e' diventato piacevole confrontarsi su situazioni di gioco", ha detto ancora Buffon.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
contejuvecalciomercatomarottaagnellieuropa league
in evidenza
CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

Corporate - Il giornale delle imprese

CDP, ospitato FiCS a Roma
Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

i più visti
in vetrina
Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


casa, immobiliare
motori
Nasce a Torino Stellantis Italy House, la casa della sostenibilità

Nasce a Torino Stellantis Italy House, la casa della sostenibilità


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.