A- A+
Sport
conte modificato 13

Conte "la squadra ha risposto, nessuna lite con societa'" -

Antonio Conte aveva chiesto ai suoi fame e determinazione e la squadra lo ha accontentato in pieno con una grande prestazione e una bella vittoria per 2-0 sl Genoa. "La prestazione c'era stata anche a Madrid e a Firenze per i primi 70 minuti, anche se non avevamo racolto quello che meritavamo - spiega il tecnico bianconero ai microfoni di Sky - Mi e' piaciuto l'atteggiamento della squadra, abbiamo dominato la partita, abbiamo fatto due gol e potevamo farne altri. Abbiamo chiuso senza prendere gol e anche questa e' una bella notizia. Dobbiamo continuare a lavorare e continuare a fare quello che stiamo facendo". La nuova vittoria della Roma forse offusca un po' il successo dei bianconeri: "Bisogna fare i complimenti ai giallorossi perche' vincere nove partite consective e' importante e offusca quello che stanno facendo Napoli e Juventus. In questo momento c'e' una primissima che e' la Roma". Conte elogia il lavoro degli attaccanti Tevez e Llorente: "Gli attaccanti sono sempre al centro del progetto, per noi sono il terminale - spiega - Carlos e Fernando hanno fatto bene, mi e' piaciuta l'intesa, si stanno trovando sempre piu' e per loro non era semplice calarsi nella nuova realta. Si stanno mettendo a disposizione e mi piace.Fernando e' un giocatore che abbiamo seguito, e' stato un anno fermo, mi aspetto anche di lui che cresca ancora di piu'. Oggi giocavamo contro una buona squadra con elementi di esperienza e questa gara doveva essere affrontata con il piglio giusto". Conte torna anche sulle dichiarazioni della vigilia in cui aveva detto che c'e' l'interesse a destabilizzare l'ambiente bianconero e polemizza anche con Sky: "Chi ci vuole destabilizzare? Chi mette in giro notizie false. E' stato detto che io avevo litigato con Marotta e che ero in rotta con la societa'. Io parto sempre dal presupposto che se si parla di gioco va bene, ma mi chiedo perche' vengono messe in giro certe voci. Io non accetto accuse sul piano personale".

Chiellini, cattivi e aggressivi nel modo giusto - La Juve che voleva Conte. Giorgio Chiellini evidenzia la prestazione positiva dei bianconeri. "Facciamo sempre di tutto per migliorarci - spiega a Sky - Sicuramente qualcosina poteva andare diversamente nelle ultime partite, altro non e' dipeso da noi ma bisogna andare avanti. Oggi a parte il risultato si e' vista un'altra Juve, cattiva, aggressiva, quella che il mister ha sempre voluto e che si era vista a tratti. Niente gol subiti? E' stata una cosa che ci siamo detti, e' un fattore importante per vincere e che ci ha portato in passato ai successi. Guardiamo con piu' fiducia alla gara di mercoledi' col Catania. Llorente? Magari qualcuno si aspettava da lui subito due gol a partita, ora dopo il rientro dalla nazionale ho visto un giocatore trasformato e ci sta facendo vedere cio' che puo' fare".

Tevez: "Roma? C'è tempo ancora" - "Dopo la partita con la Fiorentina abbiamo dato le risposte giuste, specie nel primo tempo. Abbiamo giocato come chiede sempre Conte", spiega Tevez ai microfoni di Sky.  L'Apache è un esempio per tutti, corri e aiuti la squadra nonostante Conte voglia farlo riposare... "Sì perchè poi se la Juventus non vince si dice che è in crisi e via dicendo. Io voglio giocare sempre e aiutare in ogni modo questa squadra, facendo così si forma un gruppo e si cresce". La Roma ha vinto ancora... "C'è tempo ancora. Giochiamo e cerchiamo di vincere, poi più avanti si vedrà".

La Juventus ritrova l'entusiamo e supera 2-0 il Genoa - Antonio Conte aveva chiesto ai suoi alla vigilia di ritrovare fame ed entusiasmo ed e' stato accontentato in pieno. La Juventus strapazza il Genoa risolvendo la contesa gia' nel primo tempo, segnando due reti con Vidal e Tevez e alla fine poteva chiudere con un punteggio ben piu' largo. Il Genoa deve ringraziare soprattutto Perin, autore di una serie di parate importanti. Costante per i 90' il dominio della Juve che fa la partita e al Genoa non resta che guardare per gran parte del match. Conte, che deve fare i conti con le assenze, torna al 3-5-2 con Isla esterno e Marchisio in panchina. Gasperini risponde con il 4-5-1 con Gilardino unica punta; panchina per Lodi. La Juve domina fin dalle prime battute e gia' al 2' una gran giocata di Llorente favorisce Pogba che pero' perde l'attimo e finisce a terra in area; Doveri lascia giustamente correre. All'11' gran numero di Fernando Llorente, assist perfetto per Pogba, che perde ancora il tempo a tu per tu con Perin che gli respinge il pallone; Llorente tenta ivano il tap-in. Al 15' altro grande intervento del portiere del Genoa: Isla mette in mezzo, Perin devia sui piedi di Llorente ma gli respinge il tiro a botta sicura da breve distanza. Al 23' Juve in vantaggio su calcio di rigore assegnato per un fallo di Biondini su Asamoah (probabilmente avvenuto leggermente fuori area); dal dischetto trasforma Vidal con un tiro potente e preciso. Al 26' Perin dice ancora di no, questa volta a Pirlo che era arrivato al tiro da due passi dopo una bella azione. Al 29' primo pericolo procurato dal Genoa ai bianconeri in contropiede; ci pensano Isla e Buffon in uscita a sbrogliare la matassa. Al 31' Pogba ruba palla a Biondini nell'area genoana e calcia prontamente in porta mandando fuori di poco. Al 36' il meritato raddoppio: Asamoah da sinistra serve Tevez, straordinario dribbling dell'attaccante in area e sinistro imprendibile per Perin. Il primo tempo si chiude 2-0. Ad inizio ripresa Gasperini si presente con la doppia novita Fetfatzidis-Konate al posto di Antonelli e Gilardino. Il tema della partita non cambia e all'8' la Juve sfiora il tris: Tevez impegna Perin da fuori area, sulla respinta Llorente conclude a botta sicura, ma il numero uno genoano si oppone in corner. Al 26' altra occasione Juve: Vidal serve Tevez che da due passi non trova il tempo per calciare.

Tags:
contejuvevidalmarottaagnelli
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Renault Arkana e-tech 145, la nouvelle vague diventa ibrida

Renault Arkana e-tech 145, la nouvelle vague diventa ibrida


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.