A- A+
Sport
Ecclestone a giudizio per tangenti: processo ad aprile per il patron F1

Il patron della Formula Uno, Bernie Ecclestone, e' stato rinviato a giudizio e sara' processato con l'accusa di corruzione a Berlino per presunte tangenti. L'82enne magnate britannico nel 2006 avrebbe corrotto con 44 milioni di dollari l'allora responsabile rischi della banca BayernLB, Gerhard Gribkowsky, per fargli cedere i diritti della Formula 1 alla Cvc, societa' di cui Ecclestone e' direttore esecutivo.

Lo stesso Gribkowsky nel giugno scorso e' stato condannato a otto anni e mezzo di carcere per corruzione, frode ed evasione fiscale. Il processo potrebbe mettere fine a quasi quattro decenni di regno incontrastato di Ecclestone in Formula 1: lui ha sempre respinto le accuse, sostenendo di aver versato i soldi perche' ricattato da Gribkowsky.

Tags:
ecclestonetangentiprocesso
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli

Scatti d'Affari
Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli


casa, immobiliare
motori
Volkswagen ID. Buzz e ID. Buzz Cargo: il Bulli del XXI Secolo in chiave green

Volkswagen ID. Buzz e ID. Buzz Cargo: il Bulli del XXI Secolo in chiave green


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.