A- A+
Sport
Europei e politica: fischi all'Inghilterra, censurata la maglia dell'Ucraina
I tifosi inglesi contestano la loro nazionale, inginocchiata prima della partita di esordio agli Europei contro la Croazia

La politica fa irruzione agli Europei: fischi all'Inghilterra che sostiene "Black Lives Matter", censurata la maglia dell'Ucraina che fa riferimento alla Crimea

L'Inghilterra inizia gli Europei battendo la Croazia 1-0 con un gol di Sterling, ma continuano le polemiche con il pubblico. Prima dell'inizio della sfida, i giocatori britannici si sono inginocchiati nel gesto reso famoso da “Black Lives Matter” che già aveva creato polemiche politiche nelle ultime amichevoli di preparazione. Nonostante il parere contrario di parte dei tifosi, la Football Association (la federcalcio inglese) ha deciso di sostenere la scelta dei ragazzi di Southgate, che infatti hanno ripetuto il gesto anche a Wembley. Coerente anche la Croazia, che invece non si è inginocchiata, come annunciato alla vigilia.

Wembley fischia l'Inghilterra che sostiene "Black Lives Matter"

A quel punto, dagli spalti dello stadio londinese, che per l'occasione ospitava 22.500 spettatori (in ossequio alle norme di prevenzione del Covid-19) sono partiti dei fischi e dei “buu”, che tuttavia sono stati coperti dagli applausi della gran parte dep pubblico. L'ex nazionale inglese Rio Ferdinand ha detto che “i tifosi dovrebbero sapere che i giocatori e l'allenatore hanno più volte spiegato quali motivi stiano dietro questa scelta. Non è un fatto politico. Lasciate perdere queste cose e sostenete i ragazzi”.

La Uefa censura la maglia dell'Ucraina, dopo le proteste russe

Sul tema del rapporto tra calcio e politica, la Uefa ha ordinato all'Ucraina di modificare la divisa ufficiale scelta per questi Europei, a poche ore dalla gara di esordio contro l'Olanda. Il kit originale della squadra di Shevchenko infatti raffigura la cartina del Paese sul fronte della maglia, comprendendo anche il territorio della Crimea: un chiaro riferimento alla contesa iniziata nel 2014 con la Russia di Putin, che infatti si è rivolta alla Uefa per protestare. Inizialmente, il governo del calcio mondiale aveva solamente fatto rimuovere la scritta “gloria ai nostri eroi” sul colletto della divisa, sostituita da un meno guerresco “gloria all'Ucraina”. Dopo il reclamo di Putin, è stata operata “un'analisi più approfondita” che ha portato al diktat nei confronti della maglietta contestata. 

Commenti
    Tags:
    europeipoliticainghilterraucrainamagliacrimea




    in evidenza
    La sua prima volta senza la Formula 1? Cos'ha fatto la star di Sky Sport

    Nostalgia Masolin

    La sua prima volta senza la Formula 1? Cos'ha fatto la star di Sky Sport

    
    in vetrina
    Dal “quanto mi armi” di Zelensky a Salvini come Geolier: i meme più divertenti

    Dal “quanto mi armi” di Zelensky a Salvini come Geolier: i meme più divertenti


    motori
    Lamborghini la rivoluzione sostenibile: un futuro di Innovazione e tecnologie

    Lamborghini la rivoluzione sostenibile: un futuro di Innovazione e tecnologie

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.