A- A+
Sport
Figc, Agnelli boccia Tavecchio presidente. L'uomo perfetto? Albertini

Il presidente della Juventus Andrea Agnelli è duro con Prandelli, ma soprattutto Abete e Tavecchio, passato e, con ogni probabilità, futuro della Figc: "Le dimissioni di Prandelli e Abete saranno state un gesto nobile, ma non mi sento di ringraziarli perché li smarca in un momento di assoluto bisogno. Prandelli, tra l'altro, si è gia sposato con i turchi. Farsi da parte non era il gesto di cui aveva bisogno il calcio".

Agnelli boccia senza giri di parole la candidatura di Tavecchio per la Figc: "In ambito internazionale, alla Uefa ed all'Eca, ci sono due grandi ex calciatori come Platini e Rummennigge. Loro hanno conoscenza ed autorevolezza e quando entrano in una stanza dove si parla di calcio la gente schizza in piedi perché la riconosce. Farei fatica immaginare che lo stesso trattamento posso essere riservato ad una persona come Carlo Tavecchio. Ha un forte supporto di Carraro e quindi sappiamo che rappresenta un sistema che viene da lontano. Non serve un traghettatore, ma un riformista che ci porti in un'altra dimensione".

"Albertini presidente della Federcalcio? Questo non lo dico io, ma corrisponde senz'altro all'identikit, così come possono essere Cannavaro, Vialli e Costacurta. Guardiamo alla generazione di giocatori che hanno giocato a cavallo degli anni 2000. Avevamo già previsto un'assemblea per l'11 agosto - aggiunge nel corso del convegno 'L'impatto economico dello sport' alla Camera - che era un'assemblea tecnica e di servizio. Tramutarla in un'assemblea elettiva è stato un gesto irresponsabile con il quale non concordo. C'è un grosso dibattito sul cosa fare, ma alla gente interessa chi è la persona. Serve un intervento profondo, radicale e riformista. L'identikit è una persona che ha capacità e numeri, una visione di medio lungo periodo per consentircelo", dice Agnelli facendo l'esempio di Pavel Nedved. "Uno che se volesse fare il presidente della Federazione Ceca avrebbe tutte le carte in regola". Nessun nome per la Figc da parte di Agnelli ma l'auspicio che: "E' difficile trovare cosa si cerca, ma si sa benissimo chi non si vuole", conclude Agnelli

"La situazione prescinde dal nome. Ci vogliono impianti, e anche se mi piace lo Juventus Stadium so che da solo può fare poco, ma elogio Udinese e Sassuolo per quello che stanno facendo. Ci vorrebbe un testo unico di legge sul calcio, sono due anni che lo vado dicendo. Ci vorrebbe una governance diversa: la legge Melandri è giusta, giusta è la rappresentanza di atleti e tecnici, ma andrebbe riconosciuta la specificità di certe federazioni come il calcio o il basket".

 

Tags:
figctavecchioalbertni
in evidenza
Fedez e J-Ax, pace fatta "Un regalo per Milano e..."

La riconciliazione

Fedez e J-Ax, pace fatta
"Un regalo per Milano e..."

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
Marco Antonini (Citroen) vince il Ceo For Life Award Italia

Marco Antonini (Citroen) vince il Ceo For Life Award Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.