A- A+
Sport
Calcioscommesse, Gattuso: "Finito in un polverone, ma ora sto bene"

"Mi sono svegliato una mattina e mi sono trovato in un polverone, ma con l'aiuto della famiglia e delle persone che mi stanno vicino e' passato anche questo. Adesso sto bene e sono alla ricerca di un nuovo club per dimostrare che anche questo lavoro lo posso fare benissimo". Lo ha detto Rino Gattuso, ricordando le fasi dell'inchiesta che lo avevano visto indagato dalla procura di Cremona nell'ambito del filone legato al calcioscommesse.

Dopo l'esonero dal Palermo, l'ex centrocampista del Milan spera in una nuova avventura, tra cui anche la possibilita' di tornare in Scozia ai Rangers Glasgow: "Sarei ipocrita a dire di no. Due, tre cose importanti le sto valutando con la famiglia e il mio agente. Oggi mi manca piu' allenare una squadra che non il calcio giocato e questo per me e' importante".

La Coppa del Mondo torna a far tappa a Roma in occasione del Fifa World Cup Trophy Tour organizzato dalla Coca Cola. Per l'occasione, Gennaro Gattuso ha ripercorso i momenti di gioia seguiti alla conquista del quarto mondiale azzurro nel 2006: "Oggi noi rappresentiamo gli altri campioni che stanno ancora giocando e quelli che sono a casa quelli sono stati 40 giorni indimenticabili, abbiamo costruito qualcosa di importante ma se abbiamo raggiunto quel risultato e' stato merito del gruppo e del nostro allenatore, Marcello Lippi. Era lui il vero condottiero di quella squadra".

Un titolo che lo stesso Gattuso non osava nemmeno immaginare: "Ho fatto tre Mondiali - spiega - e anche quando giocavo da bambino con il muro ho sempre pensato un giorno di giocarlo, ma non ero mai arrivato a pensare di poterlo vincere, e' stato un sogno piu' grande di me". Per l'ex rossonero, resta ancora il ricordo di quella sfilata a Roma poco dopo la conquista del mondiale, con il pullman scoperto che porto' la truppa di Lippi fino al Circo Massimo: "Sembrava di stare sul tagada - scherza Gattuso - e poi quella festa con un milione e mezzo di persone, e' stato incredibile. Ricordo che ballavamo molto su quel pullman a Roma, quella e' stata un'altra giornata indimenticabile".

Cosa manca ancora al Milan? "Ci vogliono i giocatori forti per vincere, io facevo parte di una squadra di altissimi campioni affermati e con la fame di vittoria. Il Milan oggi si sta rinnovando, ha tantissimi giovani e ci vuole tempo. Ma penso che il dna del Milan e la sua storia verranno fuori di nuovo".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
gattusocalcioscommesserino
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

i più visti
in vetrina
Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


casa, immobiliare
motori
Nuovo Ranger, creato da Ford ma ideato dai suoi stessi clienti

Nuovo Ranger, creato da Ford ma ideato dai suoi stessi clienti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.