A- A+
Sport
Juve fuori, furia Conte: "Benfica ostruzionista, l'arbitro lo ha permesso"

"Abbiamo cullato un sogno ma non siamo riusciti a realizzarlo. Guardando le due partite meritavamo noi, questo è il calcio", ha detto Antonio Conte. Il tecnico bianconero è arrabbiato con direttore di gara e avversari: "Ma c'è stato grande ostruzionismo da parte del Benfica e l'arbitro lo ha permesso. Si è giocato soltanto 40' e i sei minuti di recupero mi sono sembrati una presa in giro...", spiega ai microfoni di Mediaset Premium. "E' stato un continuo fermare il gioco e perdere tempo, l'arbitro ci ha detto che avrebbe fatto giocare ma...".

"Il Benfica ha mostrato tutta la sua esperienza, fa l'Europa da tanto tempo e anche questa sera ha dimostrato di saperci fare. Sentendo anche le lamentele preventive... Siamo usciti con due tiri in porta. Ringrazio i ragazzi e i tifosi che ci hanno sostenuto. Ora pensiamo al campionato, lunedì contro l'Atalanta possiamo coronare la conquista del terzo scudetto consecutivo. Noi abbiamo dato tutto, non mi è piaciuto l'atteggiamento ostruzionistico dell'avversario e l'arbitro che l'ha permesso".

Il tecnico del Benfica replica: "Conte? Ho visto un'altra partita. Migliori noi" - "Ho visto un'altra partita rispetto a Conte, ma rispetto al sua opinione. Il Benfica si è rivelato migliore e se proprio c'era un rigore, era a nostro favore. Non abbiamo subito nè nel primo, nè nel secondo tempo", spiega Jorge Jesus. E aggiunge: "La Juve non ha segnato perchè il Benfica ha giocato bene. La Juve ha grande qualità e un grande allenatore, ma si è trovata di fronte una grande squadra. L'arbitro non c'entra e se qualcuno deve lamentarsi, dobbiamo lamentarci anche noi. Le nostre assenze in finale? Un peccato, ma le accettiamo. Ci ripresenteremo comunque a Torino con una squadra molto forte e credo che ci sosterranno anche i tifosi della Juventus perchè hanno visto la nostra forza. Ci restano tre finali da giocare, tutte molto importanti. La più importante ci attende mercoledì".

Chiellini: "Abbiamo preso due tiri in due partite" - "Peccato perchè poi sono stati davvero i dettagli a decidere la partita. Un pizzico di fortuna a volte te la cambia. Abbiamo preso due tiri in porta in due partite, Gigi non è riuscito a fare una parata perchè non hanno mai tirato. Per 60 minuti li abbiamo messi lì, lasciando loro le briciole. Potevamo essere un po' più lucidi alla fine, eravamo un po' stanchi, peccato, ma credo nei 180 minuti, se c'era una squadra che doveva andare in finale, eravamo noi", dice Chiellini a Juventus Channel. Rimpianti per il match di andata perso 2-1? "Certo, alla fine i risultati è sempre difficile ribaltarli a questi livelli. Anche all'andata, come hanno detto tutti, il mister, io alla vigilia, c'era rammarico per quel risultato perchè non sentivamo di meritarlo. Eravamo stati bravi a non subire gol, bastava veramente una mischia, una deviazione, un episodio per farci gioire come avremmo meritato tutti noi, i tifosi. Questo è l'unico rammarico, poi usciamo a testa alta"

Europa League: niente finale per la Juve, fermata 0-0 dal Benfica - La Juventus non giochera' la finale di Europa League il 14 maggio nel suo stadio di Torino: e' stata fermata dal Benfica a un passo dal prestigioso traguardo. E' finita 0-0 la semifinale di ritorno al Juventus Stadium tra la squadra allenata da Antonio Conte e quella portoghese allenata da Jorge Jesus. All'andata era finita 2 a 1 per i lusitani che ora nella citta' e nello stadio della Juve ci torneranno per affrontare nell'ultimo atto dell'Europa League il Siviglia che dopo il 2-0 dell'andata ha perso questa sera a Valencia 1-3 e pero' e' passato grazie a quel gol in trasferta. La Juve ha provato in tutti i modi a fare breccia nella accorta difesa lusitana, ma senza successo. Sembrava fatta al 45' del primo tempo, ma Luisao - vero gigante dell'area portoghese - ha salvato di testa sulla linea. Nella ripresa Conte ha fatto dei cambi, sperando di dare piu' forza in avanti, ma anche questo non e' servito. Come pure non le e' servito il fatto che il Benfica abbia giocato meta' del secondo tempo in 10 per l'espulsione di Enzo Perez che dopo un'entrata in ritardo su Vidal ha preso il secondo giallo della serata ed e' stato uscito per doppia ammonizione. L'arbitro ha anche espulso Markovic, per il Benfica, che aveva da poco lasciato il terreno di gioco, e anche Vucinic, che invece era in panchina, per uno scambio di parole non proprio tranquillo e che il collaboratore a bordo campo del direttore di gara aveva sentito. Giusta la decisione dell'arbitro Clattenburg di annullare un gol a Osvaldo perche' Pogba, che aveva servito l'attaccante, era in netto fuorigioco. La Juve ha anche reclamato un calcio di rigore per fallo di mano di Luisao ma l'arbitro ha visto bene: il fallo non c'era, ovvero era stato Lorente a spingere e anzi toccare per primo con un braccio la palla che poi era rimbalzata sul portoghese. I sei minuti di recupero sono stati un assalto continuo dei bianconeri, finanche con Buffon che si e' spinto in avanti, ma il muro portoghese ha retto e conquistato la finale.

Tags:
juventusbenficaconte

i più visti

casa, immobiliare
motori
Andrea Vesco e Fabio Salvinelli vincono la 1000 Miglia 2021

Andrea Vesco e Fabio Salvinelli vincono la 1000 Miglia 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.