A- A+
Sport
VIDAL

JUVE, SCUDETTO IL 5 MAGGIO. MA INTANTO IL BAYERN MONACO PIOMBA SU LUIS SUAREZ - La Juventus è a un punto dal secondo scudetto consecutivo (il 29° nel suo albo d’oro anche se il popolo bianconero sostiene la causa del 31°), ma vede complicarsi la strada che porta a Luis Suarez sul mercato. L’attaccante uruguagio è un obiettivo che non è mai stato abbandonato (anzi su di lui si lavorava a fari spenti), al di là della vicenda Ibrahimovic. Anzi, nei giorni scorsi pareva essere più vicino grazie al forcing del Bayern Monaco sul polacco Rfobert Lewandowski. Il Borussia Dortmund però fa resistenza a cederlo ai nemici bavaresi (che già gli hanno soffiato Mario Goetze) e preferirebbe cederlo al Manchester United che lo segue da diversi mesi e ha in Sir Alex Ferguson un suo supporter speciale. Vero che alla fine peserà la volontà del 25 polacco e che il contratto in scadenza nel 2014 gli dà maggiore forza contrattuale, ma questa situazione intricata ha riportato il Bayern su Luis Suarez. Tenendo anche conto che il procuratore del 25enne bomber del Liverpool è il fratello di Pep Guardiola.

IL POST PARTITA DELLA JUVENTUS

CONTE: “VUCINIC PUNTA UNICA? NESSUN MESSAGGIO ALLA SOCIETA’ PER IL MERCATO”

“È stata una partita preparata benissimo da parte nostra, sotto tutti i punti di vista. Affrontare il Torino non è mai facile, non è mai semplice. L’abbiamo preparata, curata come sempre nei minimi dettagli. Una partita che volevamo vincere e l’abbiamo fatta noi la partita. Complimenti al Torino perché comunque si è opposto in maniera degna, ha tenuto bene il campo. Alla fine siamo riusciti a fare gol, sicuramente il gol di Vidal e il gol di Marchisio sono gol pesantissimi, perché è inutile dire che adesso manca un solo punto per la matematica certezza, presupponendo che il Napoli le vinca tutte quante. Festeggiare un secondo scudetto con tre giornate di anticipo sarebbe veramente qualcosa di fantastico, di straordinario, a dimostrazione che questi ragazzi stanno facendo qualcosa di bello, complimenti a loro. Lo hanno dimostrato anche nel derby, nonostante un clima bello tosto. Non era facile vincere questo derby, sappiamo bene quanto la stracittadina conti e oggi l’abbiamo dimostrato”, spiega il mister salentino a Sky. Marchisio, Vidal e Pogba possono essere il tratto distintivo della terza Juve di Conte? “Vediamo, facciamo le valutazioni, ci siamo arrivati sempre per gradi a cercare di far coesistere i giocatori. Io penso che un allenatore debba comunque avere la possibilità, la capacità di cercare di schierare i migliori in assoluto della rosa. Noi a centrocampo sicuramente abbiamo giocatori molto forti, questa è una soluzione bella, che mi è piaciuta molto, in una partita difficile come quella contro il Torino, perché tatticamente sono molto preparati. Abbiamo fatto secondo me una grandissima partita, sia sotto il punto di vista tecnico-tattico che temperamentale. Potevamo “accontentarci”, pensare a fare un punto, invece abbiamo cercato di giocare come sappiamo fare, quello di cercare la vittoria sempre e comunque”. La presenza in formazione di tanti centrocampisti a danno degli attaccanti, eccetto Vucinic, può essere un messaggio per la società? “È inevitabile che i media e la stampa debbano fare il proprio lavoro, quindi ci sta quasi sempre, spesso, che si è cattivi e che si facciano dei cattivi pensieri, perché comunque fanno parlare e fanno notizia. Noi siamo molto sereni da questo punto di vista, lavoro con un gruppo di ragazzi che non finirò mai di ringraziare, perché mi danno grandissima disponibilità e io li esaurirò fino all’ultimo, finché non avremo questo scudetto in mano, quindi per me è un martello continuo. Capisco a volte che vorrebbero stare tranquilli, però lo sanno benissimo che fino a quando non avremo questo secondo scudetto in mano, li martellerò fino alla fine”. Si può dire che c’è bisogno di attaccanti diversi per poter competere ai quarti e alle semifinali di Champions? “Innanzitutto dico che Matri e Quagliarella sono stati fondamentali per la riconquista dello scudetto, così come lo è stato Giovinco. Matri e Quagliarella erano in campo nella vittoria contro l’Inter al ritorno, erano in campo all’andata dei quarti di finale di Champions. Tutti gli attaccanti nella mia rosa hanno avuto la possibilità e hanno giocato gare importanti e questo dimostra la fiducia che io ho nei confronti dei miei calciatori e dei miei attaccanti. In questo momento particolare del campionato, avevo bisogno comunque di fare qualcosa di diverso, di dare un’alternativa a volte alle squadre che ti prendono le misure, che vedono che giochi in una determinata maniera. Questa è una alternativa importante, ce la siamo costruiti durante l’annata, perché eravamo partiti con due prospettive, due sistemi di gioco, il 3-5-2 e il 4-3-3. L’infortunio di Pepe ci ha privato dall’inizio della stagione di quest’alternativa, anche se non dimentico che all’andata con il Torino giocammo con il 4-3-3, con Giaccherini, Giovinco a destra e davanti Vucinic. Cerchiamo di crescere da ogni punto di vista e di fare anche le necessarie valutazioni”. È stato fatto per far posto a Pogba, che sembra sia il giocatore più forma della rosa... “Un allenatore deve cercare di far quadrare i conti, cercando possibilmente di far giocare i migliori della rosa. Pogba ha avuto una crescita esponenziale da quando è arrivato. Tenere uno dei centrocampisti fuori comunque mi dava fastidio, mi creava dei problemi. Adesso abbiamo trovato questa formula, che non rinnega i due attaccanti, anzi. Però sono contento che comunque creiamo anche a livello offensivo più imprevedibilità, visto che abbiamo centrocampisti come Marchisio, Vidal, Pogba ed esterni che si inseriscono”.

MARCHISIO: “IL TORO MI PORTA BENE

Sei gol in questo campionato, tre al Torino: una buona media per un giocatore cresciuto nella Juventus e che di derby ne ha giocati tantissimi, anche da ragazzino. “Sì, porta bene, sicuramente. Al di là di questo, sono contento di aver trovato il gol, ma ancora di più per questa vittoria che ci avvicina veramente a un soffio da questo scudetto. Abbiamo la possibilità di festeggiarlo in casa con i nostri tifosi, anche se incontreremo un Palermo che verrà a Torino non a fare una gita perchè vuole salvarsi”, racconta Marchisio a Sky. Una partita che sembrava non sbloccarsi mai. Ma la Juve ci ha creduto fino alla fine. “Sono state due partite abbastanza simili: anche all’andata abbiamo avuto molte difficoltà, pur rischiando poco, però non eravamo mai riusciti a trovare il gol, soprattutto nei primi 45 minuti. Ora è stata la stessa cosa, al di là dell’espulsione di Glik, alla fine siamo riusciti siamo riusciti a sbloccare questa partita che era veramente importante per noi”.

VIDAL: “IL GOL PIU’ IMPORTANTE DA QUANDO SONO ALLA JUVE

Il gol più importante da quando sono alla Juventus? “Sì, perché manca poco per vincere lo scudetto. Credo che sia stato un derby importante, l’importante è che abbiamo vinto, continuiamo così”. Parola di Arturo Vidal ai microfoni di Sky. L’eroe del derby di Torino parla dello scudetto che si avvicina. “Manca un punto, dobbiamo continuare ad allenarci bene, giocare la partita contro il Palermo e dopo festeggiare”. In Italia la Juventus continua a dominare, l’anno prossimo dovrà fare qualcosa in più anche in Europa. “Uno deve sempre migliorare, in tutto. Con il lavoro che fa il mister e i calciatori che ci sono dobbiamo migliorare tanto per vincere tutto”.

Tags:
juvescudetto

i più visti

casa, immobiliare
motori
Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti

Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.