A- A+
Sport
Qualificazione e candeline: Mancio, regali Inter

Inter bruttina ma efficace e fortunata. Tanti orrori difensivi e in fase di impostazione. Handanovic para il sesto rigore di fila ed evita lo 0-2, poi Kuzmanovic e Osvaldo ribaltano il Dnipro nonostante l'espulsione di Ranocchia. Qualificazione ai sedicesimi ottenuta e torta negli spogliatoi: quanti regali per i 50 anni di Mancini...

LA CRONACA - L'Inter centra la qualificazione ai sedicesimi di Europa League ed e' anche certa del primo posto nel girone con un turno d'anticipo: merito del 2-1 con cui i nerazzurri di Mancini superano in rimonta il Dnipro. Al Meazza ucraini in vantaggio con Rotan dopo 16', poi Handanovic para un rigore a Konoplyanka al 28' e due minuti dopo pareggia Kuzmanovic.Nella ripresa subito espulso Ranocchia, al 50' la rete decisiva di Osvaldo. Parte male l'Inter, che sbaglia una serie infinita di passaggi: su una di queste, il Dnipro passa. Kalinic lavora un ottimo pallone per Konoplyanka, sinistro non irresistibile ma Handanovic respinge cosi' cosi' servendo un assist involontario per Rotan che non sbaglia. Ucraini in vantaggio ma Handanovic avra' ampiamente modo di riscattarsi. E dire che Mancini aveva deciso di puntare sui titolari, lasciando a riposo i soli Kovacic e Palacio: difesa a 4, la stessa del derby, rientra Medel, mentre Osvaldo e' la punta centrale con Hernanes e Icardi a disagio sulle fasce. Konoplyanka, che non a caso piace proprio ai nerazzurri, e' un pericolo costante sulla sinistra e mette a nudo le difficolta' di Nagatomo e soprattutto Ranocchia (subito ammonito). Inter incapace di reagire e che al 28' rischia il patatrac: Handanovic pero' si riscatta parando il rigore di Konoplyanka (fallo di Guarin su Cheberyachko) e tenendo in gioco la formazione nerazzurra. E' la scossa. Sugli sviluppi di una punizione la palla finisce a Kuzmanovic che col piattone fa secco Boyko e rimette il match in parita', mentre Nagatomo prima di uscire per un infortunio alla spalla (dentro Campagnaro) sfiora il 2-1. Il Dnipro comunque fa un figurone e l'Inter, confusa e imprecisa, soffre da matti, arrivando comunque all'intervallo in parita' nonostante una grande occasione per Douglas. Al rientro subito un nuovo schiaffo per l'Inter: dopo 25 secondi Ranocchia viene espulso per doppia ammonizione (fallaccio su Rotan) ma clamorosamente, in contropiede, i nerazzurri operano il sorpasso. Coast to coast di Dodo' che serve Hernanes, filtrante per Osvaldo che non sbaglia.La tranquillita' pero' non veste azzurro: disimpegno folle di Campagnaro che diventa un assist per Kalinic, Handanovic e' strepitoso e poi Juan Jesus salva sulla linea sul secondo tentativo del croato. Andreolli per Icardi, Inter a un passo dal tris con Guarin e che paradossalmente gioca meglio con l'uomo in meno, nonostante il solito Kalinic costringa Handanovic a una nuova parata e Rotan, su punizione, vada a un millimetro dall'incrocio dei pali. Con gli ingressi di Matheus, Bruno Gama e Seleznyov il Dnipro si gioca tutte le carte d'attacco e con Konoplyanka sfiora il 2-2. Handanovic, pero', e' ancora una volta insuperabile. E l'Inter puo' pensare solo al campionato almeno fino a febbraio.

LE PAGELLE di Lorenzo Lamperti

HANDANOVIC 8. E' vero, poteva fare meglio sul tiro di Konplyanka sui cui sviluppi arriva lo 0-1, ma come si fa a non premiare un portiere che para il suo sesto rigore consecutivo? Per non parlare dei due miracoli della ripresa...

NAGATOMO 5. Sbaglia un gol fatto, subisce Konplyanka e si infortuna. (CAMPAGNARO 4,5. Ogni volta che ha la palla tra i piedi San Siro trema, da un suo folle disimpegno nasce l'occasione più nitida per gli ucraini nella ripresa).

RANOCCHIA 4. Quanti svarioni e quanti falli. Un capitano non può lasciare in 10 la squadra dopo 30 secondi della ripresa...

JUAN JESUS 4,5. Troppo fisico, troppa poca testa. Cincischiando sulla trequarti dà il via all'azione dello 0-1, rischia un secondo fallo da rigore.

DODO' 6,5. Propositivo in avanti, per assurdo il più efficace dietro quando sbroglia un paio di situazioni intricate.

MEDEL 5. Lento e impreciso.

KUZMANOVIC 6,5. Segna il primo gol, importante, in maglia nerazzurra. Ma non solo. I piedi sono quelli che sono ma almeno ci mette voglia e determinazione.

HERNANES 6,5. Fantastico l'assist per il 2-1 di Osvaldo. (OBI s.v.)

GUARIN 5. Irruento senza motivi, causa il rigore del possibile 0-2. Pasticcione in attacco.

OSVALDO 7. Il gol decisivo è di pregevole fattura. Si sbatte anche e soprattutto quando rimane da solo lì davanti.

ICARDI 5. Ectoplasmico. (ANDREOLLI 5,5. Non fa disastri).

ALL. NUCIARI 6. Sostituisce lo squalificato Mancini che spegne le 50 candeline prima in tribuna e poi negli spogliatoi. La squadra è più bloccata che disattenta, ancora a mezza via tra l'attendismo mazzarriano e il rinnovamento manciniano. Arrivano risultato e qualificazione, che era la cosa più importante. All'Europa ci si tornerà a pensare a febbraio quando, spera Mancini, la situazione (e forse la rosa) sarà diversa.

Tags:
inter
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Air France-KLM, firmata partnership commerciale strategica di 10 anni

Scatti d'Affari
Air France-KLM, firmata partnership commerciale strategica di 10 anni


casa, immobiliare
motori
Al Villa D’Este debutta la Mostro Barchetta Zagato Powered by Maserati

Al Villa D’Este debutta la Mostro Barchetta Zagato Powered by Maserati


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.