A- A+
Sport
Lavezzi e Balotelli: De Laurentiis si chiama fuori

"In ritiro ho sbagliato a parlare di tricolore. L'obiettivo del Napoli e' essere competitivi sempre. Prima o poi lo scudetto arrivera', ma non perche' arriveranno uno o due giocatori. Si vince quando c'e' un fronte unico composto da squadra, societa' e tifoseria. Lo scudetto ci sara' quando l'ambiente sara' maturo". La pensa cosi' Aurelio De Laurentiis che, in un'intervista rilasciata al "Mattino", parla del suo Napoli toccando diversi argomenti ("Lo stadio? Entro gennaio riceveremo una stima della salute del San Paolo ed entro febbraio una valutazione dei costi degli interventi da effettuare") e definendo il 2014 degli azzurri: "positivo. Abbiamo mantenuto una societa' con i conti in ordine ed e' contemporaneamente proseguito il processo di crescita".

"Il Napoli e' la sola squadra italiana ad aver vinto due trofei nell'anno solare - dice il presidente - ed eravamo reduci da una straordinaria Champions: nel dicembre 2013 siamo stati eliminati con 12 punti, penso a cosa e' accaduto nella competizione quest'anno, con la Roma eliminata e la Juve qualificata con punteggi nettamente inferiori al nostro. Abbiamo chiuso lo scorso campionato al terzo posto e siamo ora nelle prime posizioni. I conti vanno fatti alla fine: noi siamo un po' come quel ciclista che fora una gomma e riparte in ritardo, c'e' tempo per recuperare, le tappe del campionato sono 38 e non siamo neanche a meta' del cammino". Gli obiettivi del 2015 sono "crescere e restare competitivi in campionato, Europa League e Coppa Italia dopo aver festeggiato la Supercoppa. In campionato c'e' gia' un distacco rispetto a Juve e Roma, ma andiamo avanti con fiducia. Con l'obiettivo di vincere tutte le partite e senza avere paura di nessuno, come dice Benitez. Non siamo scontenti, ma scontentissimi quando non vinciamo o pareggiamo su campi non proibitivi".

A proposito di Benitez, il futuro del tecnico spagnolo e' ancora tutto da decifrare. "Il suo contratto era di due anni, mi auguro che voglia restare perche' dare continuita' a un progetto tecnico e societario e' la soluzione migliore. Sapremo tutto tra qualche mese. Ma una cosa e' certa: la mentalita' internazionale, che io ho voluto proporre affidando la guida della squadra a Benitez, non cambiera', proseguiremo su questa linea che e' diventata un nostro principio". Intanto impazza il calciomercato e al Napoli vengono accostati nomi importanti come quelli di Lavezzi e Balotelli. De Laurentiis si sofferma sull'argentino, ma conclude spazzando via anche le voci che riguardano "SuperMario": "A che servirebbe? Siamo copertissimi in attacco, tra un paio di mesi rientra anche Insigne. Si dimentica che Lavezzi ha uno stipendio di 4,5 milioni netti all'anno e che soprattutto e' stato lui a voler lasciare il Napoli: lo decise nel 2011 e noi gli chiedemmo di restare ancora un anno, nel 2012 e' passato al Psg. A volte i procuratori dei calciatori si divertono a tirare fuori il nostro nome, ma noi non c'entriamo ne' con Lavezzi ne' con Balotelli (in tribuna in Liverpool-Leicester dopo che nel match con lo Swnasea aveva giocato sette minuti, ndr)".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
lavezzibalotellinapolicalciomercato
in evidenza
Confindustria, presentazione del 3° Rapporto sulle Reti d’Impresa

Scatti d'Affari

Confindustria, presentazione del 3° Rapporto sulle Reti d’Impresa

i più visti
in vetrina
Sanremo 2022, svelata la scenografia: tra passato e futuro. FOTO

Sanremo 2022, svelata la scenografia: tra passato e futuro. FOTO


casa, immobiliare
motori
Fiat Panda, regina incontrastata delle auto usate vendute online

Fiat Panda, regina incontrastata delle auto usate vendute online


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.