A- A+
Sport
Milan ko beffa con la Fiorentina. Inzaghi. "Spero di restare"

"Non ho bisogno di raccomandazioni, ho un contratto, poi la società farà le sue considerazioni. Il presidente mi chiama spesso così come Galliani". Pippo Inzaghi torna a dover rispondere a domande sul suo futuro dopo Fiorentina-Milan. La serata delle beffe: rossoneri in vantaggio fino all'83° (gol di Destro), poi 6 minuti di amnesie difensive e i viola puniscono col 2-1 finale (Rodriguez e Joaquin). "Non siamo in una posizione di classifica congeniale, da questo match però possiamo ripartire e tornare a giocare bene a calcio. Destino segnato? Spero di fare questo lavoro per trent'anni, il Milan è il club che mi ha fato tanto, spero di restare il più a lungo possibile. Se mi terranno bene, altrimenti andrò per la mia strada. E' un lavoro che amo, a volte regala serate come queste ma è il calcio", spiega ancora Inzaghi ai microfoni di Sky.

Della prestazione è soddisfatto: "Ho rivisto il mio Milan. Dispiace tremendamente, ci stava stretto anche il pareggio e perdiamo. Non puoi tenere aperta la partita contro una squadra come la Fiorentina, dispiace però dobbiamo guardare la prestazione, anche se tre punti sarebbero stati importanti anche per il morale. In questa partita non posso dire niente ai giocatori".

Inzaghi parla del 4-3-3: "E' un sistema di gioco che conosciamo bene e ci fa giocare un buon calcio, è dura da digerire ma dobbiamo andare avanti. Recupereremo tanti giocatori e avremo più ricambi. Un allenatore deve guardare anche alla prestazione". La colpa: il Milan non ha chiuso la partita. "Ho pensato di mettere Cerci per fare il secondo gol, speravo di andare 2-0, la pecca di questa partita è quella. Abbiamo avuto un paio di ripartenze importanti e potevamo sfruttarle meglio. Abbiamo giocato alla pari contro una squadra che sta facendo un buon campionato".

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
milanfiorentinafiorentina milaninzaghijoaquin
in evidenza
E-Distribuzione celebra Dante Il Paradiso sulle cabine elettriche

Corporate - Il giornale delle imprese

E-Distribuzione celebra Dante
Il Paradiso sulle cabine elettriche

i più visti
in vetrina
Dati audiweb, Affaritaliani cresce ancora: ad agosto exploit del 40%

Dati audiweb, Affaritaliani cresce ancora: ad agosto exploit del 40%


casa, immobiliare
motori
Riflettori accesi sull'edizione 2021 di Auto e Moto d’Epoca

Riflettori accesi sull'edizione 2021 di Auto e Moto d’Epoca


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.