A- A+
Sport

ICARDI E' PROPRIO NERAZZURRO - Mauro Emanuel Icardi è ormai davvero un giocatore dell'Inter. Manca ancora l'ufficialità da comunicato stampa, ma l'attaccante argentino della Sampdoria si trasferirà in nerazzurro per 13 milioni di euro. Conferma arriva da Londra dove la società di Moratti si è rivolta alla Lloyds, per un'assicurazione in caso di infortunio del 19enne talento sudamericano da qui ad agosto in maglia blucerchiata.

stramaccioni palacio

VERSO LA SAMP. INTER, A CENTROCAMPO SPAZIO A SCHELOTTO. STRAORDINARI PER CASSANO-PALACIO - L'Inter dovra' recuperare le forze il piu' in fretta possibile. Domenica sera i nerazzurri scenderanno in campo contro la Sampdoria. Dopo la sfida di Europa League di 120 minuti con il Tottenham le energie sono a zero. Tuttavia Stramaccioni tentera' di trovare la soluzione migliore per garantire un'ottima prestazione dei suoi, nonostante la grande stanchezza. La motivazione di certo non manca: il terzo posto in campionato resta l'obiettivo da raggiungere. Il tecnico nerazzurro dunque riflettera' bene sui giocatori da schierare, memore di chi ha giocato anche i tempi supplementari in Europa League.

Le scelte saranno anche condizionate dagli infortuni: ancora out Samuel, Obi, Castellazzi, Silvestre, Nagatomo, Mudingayi e Milito. E' possibile pero' che Samuel venga convocato gia' per questa domenica, molto piu' probabile contro la Juventus. Non sara' a disposizione Juan Jesus perche' squalificato, mentre sono diffidati sia Palacio che Cambiasso. Stramaccioni dovrebbe riproporre la difesa a quattro con capitan Zanetti, Ranocchia, Chivu e Pereira. A centrocampo giocheranno Kuzmanovic, Gargano e Schelotto, ma nella ripresa potrebbe esserci spazio anche per Stankovic. In attacco il tecnico nerazzurro potrebbe chiedere gli straordinari alla coppia Cassano-Palacio con Guarin trequartista. Probabile formazione (4-3-1-2) Handanovic; Zanetti, Ranocchia, Chivu, Pereira; Kuzmanovic, Gargano, Schelotto; Guarin; Palacio, Cassano.

RANOCCHIA "DIMOSTRATO CHE SIAMO ANCORA VIVI" - "La vittoria col Tottenham vuole dire che siamo ancora vivi, che ci siamo. Abbiamo dimostrato che anche con una sconfitta fuori casa si puo' rimontare, anche se si parte dal 3-0. E' la dimostrazione che tutti noi ci credevamo". Cosi' il difensore dell'Inter, Andrea Ranocchia, all'indomani del match di Europa League contro gli "spurs" e dell'impresa qualificazione soltanto sfiorata. Dalle coppe al campionato, domenica con la Samp ci sara' da stringere i denti. "I ragazzi che hanno giocato ieri recupereranno le energie e arriveremo alla gara con la Sampdoria con grande testa. Abbiamo avuto una spinta psicologica importante - spiega Ranocchia ai microfoni di Sky Sport 24 -. Dobbiamo assolutamente arrivare in Champions League. Ci sono tante squadre in lotta, ce la giochiamo fino alla fine. Il terzo posto e' fondamentale per tutti". Il grande protagonista del match e' stato Cassano. "L'ho visto sereno, voglioso. Credo che anche lui sia cresciuto in questa stagione. Abbiamo passato un periodo non facile e tutti i momenti non facili servono per crescere e per migliorare. Stramaccioni? Il gruppo c'e', come c'e' sempre stato. Ci sono periodi difficili e ci saranno sempre, ma siamo tutti uniti e cosi' andiamo avanti".

moratti

MORATTI "FIERI PER LA PARTITA CON IL TOTTENHAM, SQUADRA E' COL TECNICO" - Resta il rammarico per la gara di White Hart Lane ma "siamo fieri e contenti per la buona prova della societa' e della squadra. E' sicuramente un buon auspicio per il futuro". Massimo Moratti, il giorno dopo l'impresa sfiorata in Europa League, fa i complimenti alla sua Inter. A chi gli chiede se la prova di San Siro spazzi via ogni dubbio sui rapporti tra i giocatori e Stramaccioni, il presidente nerazzurro replica: "Mi sembra che la squadra sia con l'allenatore".

Ora testa al campionato e alla rincorsa al terzo posto. "L'unica cosa negativa della partita con il Tottenham sono stati i supplementari ma psicologicamente e moralmente e' tutto positivo - aggiunge Moratti -. Spero ci sia ancora la forza per lottare in campionato. E' mancato un pizzico di fortuna per fare una grandissima impresa ma rimarra' comunque nella memoria dei tifosi".

IL POST INTER-TOTTENHAM

STRAMACCIONI "DATO SEGNALE CHE INTER C'E'" - Resta l'amaro in bocca per l'impresa sfumata sul piu' bello ma adesso si puo' guardare avanti con maggior fiducia. Eliminata negli ottavi di Europa League contro il Tottenham ma solo ai supplementari e dopo aver recuperato lo 0-3 di Londra, l'Inter dimostra di esserci. "Il miglior modo di rispondere non e' con la bocca ma con le prestazioni e stasera l'Inter ha offerto una prestazione importante - l'analisi di Andrea Stramaccioni - La cosa che mi rende piu' felice e' che e' stato fatto un grosso passo avanti dal punti di vista del gioco, trovando le certezze su cui lavoravamo da tempo e che non sempre ci riesce di mettere in campo. E' stata la nostra miglior partita della stagione, e' il segnale che ci siamo, che abbiamo un valore, che siamo uniti e vogliamo finire alla grande questa stagione". Un bel segnale anche per Massimo Moratti. "Il presidente e' straordinario e vogliamo ripagarlo con i risultati - continua - Ieri mi ha telefonato dicendomi 'pronto, Lucescu?' e io ho risposto 'no, sono ancora quello di prima'. Ci e' vicino e la risposta dei miei calciatori e' un segnale fondamentale. Ci restano ora dieci partite in campionato, non avremo piu' un impegno infrasettimanale e andremo avanti sulle basi di questa prestazione importante, anche dal punto di vista del gioco, delle occasioni, adesso stiamo lavorando su questo aspetto". La rincorsa al terzo posto riparte domenica, dalla sfida alla Sampdoria. "Stasera usciamo con un dispendio energetico molto importante, 120' di intensita' incredibile, ma la cosa principale e' che abbiamo visto una squadra stasera, che e' stato fatto un grande passo avanti". "Ora abbiamo la Samp, poi dopo due settimane c'e' la Juve, c'e' un mini-campionato tutto da giocare e l'Inter ha dato una risposta sul fatto che e' unita e che c'e'". Stramaccioni, infine, spende belle parole per Kovacic. "Lo abbiamo fortemente voluto, ha ancora 18 anni e mezzo, cerco di gestirlo ma e' il perno del nostro progetto per il centrocampo - aggiunge il tecnico nerazzurro - Secondo me sta crescendo e sta capendo cosa voglio da lui, oggi ha fatto una grande partita".

INTER-TOTTENHAM 4-1; GLI SPURS AI QUARTI - L'Inter ci mette, cuore, grinta e fiato e per poco non riesce nell'impresa, Al 90', infatti, l'undici di Andrea Stramaccioni aveva rimontato lo 0-3 del "White Hart Lane", grazie ad un Cassano in gradissima serata, autore del primo gol e della punizione sul quale Gallas mette dentro la sua porta il 3-0 dopo il secondo gol di Palacio. Fallendo all'ultimo secondo anche il gol qualificazione con Cambiasso. Ma ai nerazzurri sono fatali i supplementari. Il Tottenham, infatti, parte forte e dopo tre palle-gol mette dentro quella decisiva con Adebayor al 6'. Il gol di Alvarez al 5' del secondo extra time non basta ai nerazzurri per accedere ai quarti. L'inter vince 4-1 ma sono gli inglesi a passare il turno. In cronaca. Al 13', su una ripartenza, Cassano si invola sulla sinistra, entra in area e calcia in porta, ma Friedel para a terra. Al 20' Cassano non sbaglia, schiacciando di testa in gol, su splendido assist di Palacio. Al rientro in campo l'Inter trova subito il raddoppio con Palacio che, al 7', su assist di Cambiasso, infila Friedel che un minuto prima aveva fermato l'attaccante argentino. Alla mezzora l'Inter completa la rimonta. Punizione di Cassano che perfora la barriera, ma e' decisiva la deviazione di Gallas che la mette dentro la propria porta. L'Inter preme e prima con Palacio e dopo con Benassi mette in difficolta' il Tottenham. Poi e' Handanovic a salvare la partita, volando a deviare in corner sul tiro di Holtby. Al 44' Palacio pescato sulla destra dribbla due avversari, entra in area, ma e' stanco ed il tiro e' fiacco. Al 47', dopo una giocata inredibile di Cassano, Cambiasso dalla sinistra fallisce di un nulla il gol della qualificazione nei 90'. Si va al supplementari e nel giro di un paio di minuti il Tottenham va vicino al gol. Prima Zanetti anticipa Lennon, poi Handanovic d'istinto para con il piede sul Vertonghen. Al 6', pero', il portiere sloveno nulla puo' sulla deviazione in scivolata di Adebayor, lesto a replicare in gol la palla respinta dello stesso portiere interista sul tiro dei Dembele', che aveva saltato Benassi. L'Inter accusa il colpo e la stanchezza appanna anche le idee. Ci prova Palacio di testa su corner dalla destra di Cassano. Sulla stessa azione si fa male Dembele' colpito involontariamente con una gomitata dall'argentino alla testa. Il tempo si chiude con 5' di recupero per i soccorsi dati a Dembele'. Cassano in apertura del secondo extra time chiama alla parata in corner Friedel. Jonathan non ce la fa piu' ed entra Ranocchia che gioca con la mascherina. A 10' dalla fine Alvarez porta a quattro le reti dell'Inter. Il forcing finale, pero', non trova la quinta rete che vale i quarti. L'ultima occasione e' per Ranocchia di testa, su assist del solito Cassano.

Tags:
morattiintertottenham
in evidenza
Hannibal e un maggio bollente Temperature choc fino a 51 gradi

Previsioni meteo

Hannibal e un maggio bollente
Temperature choc fino a 51 gradi

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
smart e ALD Automotive collaborano per creare una piattaforma e-commerce

smart e ALD Automotive collaborano per creare una piattaforma e-commerce


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.