A- A+
Sport

Nessun rimpianto per essersi seduto su quella panchina per tre anni, anzi. Ma la voglia di togliersi qualche sassolino dalla scarpa c'e' e si vede.

mourinho ronaldo guardiola

Da lunedi' ufficialmente nuovo allenatore del Chelsea, Jose' Mourinho ripercorre ai microfoni di "Punto Pelota" la sua avventura madrilena e non puo' non partire da Cristiano Ronaldo, col quale il rapporto si e' andato incrinando. "Forse pensa di sapere tutto e che un allenatore non puo' farlo crescere ulteriormente - la frecciata del connazionale - Ho avuto un problema molto semplice con lui: l'ho criticato dal punto di vista tattico e non l'ha presa bene".

"Nelle ultime settimane aveva un problema alla spalla e io non dubito degli acciacchi dei giocatori. Con me pero' ha disputato tre stagioni fantastiche, non so se le migliori della sua carriera ma abbiamo trovato una soluzione tattica perfetta per consentirgli di esprimere tutto il suo potenziale in gol". Ma al Real un altro portoghese lo ha 'tradito', Pepe, il 'pretoriano' che si e' schierato con Casillas. "Era con un piede e mezzo fuori dal Real, io l'ho riportato dentro e ho lottato perche' avesse un contratto adeguato. Poi ha cominciato a giocare un ragazzo che ha 13 anni meno di lui (Varane, ndr), un ragazzo che per me meritava di giocare e lui non l'ha accettato". I tre anni al Bernabeu non sono stati semplici "ma sono fiero di essere stato al Real, sono arrivato nel miglior momento della mia carriera perche' pensavo che la mia carriera non avrebbe avuto senso se non avessi allenato un club cosi' grande. Ma la cosa migliore per i giocatori era che andassi via anche se non mi pento di nulla, non ne vale la pena". E a chi gli ha rimproverato la continua ricerca della polemica, Mourinho risponde: "sono un allenatore 'comodo'".

"Con una persona come me - spiega - gli altri non hanno bisogno di metterci la faccia. Non devo dire grazie a nessuno, ci pagano per giocare, per allenare, per avere una vita sociale compatibile. I club che mi ingaggiano, mi pagano, assolvono ai loro doveri con me e io devo dare tutto, dimenticandomi anche di me stesso, anche danneggiando la mia immagine". Da Mourinho grandi ringraziamenti per il vice Karanka, a cui aveva offerto di seguirlo al Chelsea, e un in bocca al lupo al suo erede. "Spero che Ancelotti o chiunque arrivi non venga definito un 'pacificatore', non se lo merita, spero anzi che abbia un appoggio totale e sia molto felice - aggiunge il tecnico di Setubal - Il prossimo allenatore potra' dire come ha trovato la squadra e avra' tutto a sua disposizione. Non abbiamo resettato i computer ne' diffuso virus e mi auguro che abbia l'onesta' per dire quali dinamiche di gruppo abbia trovato". Infine, sui fischi che una parte del tifo gli ha riservato, per Mou sono il frutto "di una campagna ben preparata da parte dei media, che ha avuto successo grazie alla mancanza di etica. Ci sono giornalisti che hanno perso la dignita' professionale con le critiche che hanno fatto. Ma rispetto chi mi critica e chi non e' stato d'accordo con mie molte decisioni pero', come diceva Sinatra, ho fatto tutto a modo mio e sono fiero di aver conquistato tutti e tre i titoli in palio in Spagna". Poi una precisazione, risposta indiretta forse a quanto detto da Florentino Perez. "Non ho avvertito alcuna pressione differente rispetto ad altri club".

Tags:
mourinhocristiano ronaldoreal madridchelsea

i più visti

casa, immobiliare
motori
Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti

Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.