A- A+
Sport

"E' una stagione molto strana, non ci hanno dato neanche un rigore e per noi e' molto difficile, anche se dobbiamo continuare a pensare positivo". Cosi' il difensore dell'Inter, Yuto Nagatomo. Il giapponese ha parlato anche dell'arrivo del suo connazionale, Keisuke Honda, al Milan: "Abbiamo parlato di tantissime cose, del calcio italiano e delle vostre abitudini, lui e' un grande professionista, una persona molto gentile e come calciatore e' fortissimo".

Intanto Erick Thohir ridimensiona gli obiettivi dell’Inter per questo stagione dopo le due sole vittorie negli ultimi due mesi (contro Trapani e Milan grazie al gol di tacco di Palacio quasi allo scadere, ndr). Cinque punti in cinque partite è un bottino misero. Juve, Roma e Napoli sono dei miraggi: “Guardiamo a Verona e Fiorentina, al quarto o quinto posto”. Il magnate indonesiamo deve ammettere: “Siamo un po’ caduti nelle ultime settimane”.

E sul mercato, si apre uno scenario: potrebbe anticipare una decina di milioni per avere Hernanes dalla Lazio, a prescindere dalla cessione di Guarin in Premier League (che si spera possa fruttare 15-18 milioni). Magari cercando di convincere Lotito a prendere come contropartita tecnica parziale Belfodil e Botta.

Tornando all'Europa League. “Questo deve essere il nostro obiettivo in questo momento. Le cadute delle ultime settimane non ci allarmano, ci fanno riflettere e basta. Ho fiducia in questo gruppo”. Sui progetti a lungo termine, ha ribadito: “Il business di un club non si costruisce in due-tre mesi, ma ci vuole un lavoro paziente, di un paio di stagioni”.

Capitolo errori arbitrali. L'Inter reclama per i rigori non concessi con Parma, Napoli, Milan (anche se il fallo subito da Zapata venne poi vendicato da Palacio con il gol vittoria), Lazio e Chievo. Circa sette penalty non concessi. Poi andrebbe fatta comunque una riflessione sui nove gol subiti nelle ultime cinque gare (ventitre in totale) che denotano errori individuali e di organizzazione...

Tags:
nagatomothohirinter

i più visti

casa, immobiliare
motori
Andrea Vesco e Fabio Salvinelli vincono la 1000 Miglia 2021

Andrea Vesco e Fabio Salvinelli vincono la 1000 Miglia 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.