A- A+
Sport
Razzismo nella Nba: bandito a vita il patron dei Clippers
Donald Sterling

Donald  Sterling, patron dei Los Angeles Clippers, è stato bandito a vita dalla Nba, l'associazione del basket professionista e gli è stata inflitta una multa da 2,5 milioni di dollari per i commenti razzisti contro gli afroamericani. Il sito Tmz aveva diffuso un audio regitrato il 9 aprile tra Sterlin e la sua fidanzata V. Stiviano. Nell'audio si sente Sterling, 80 anni e di religione ebraica, lamentarsi la giovane di quanto lo avesse infastidito vedere una sua foto su Instagram con la legenda del basket californiano, Magic Johnson: "Non capisco perche' vuoi essere associata con dei neri. Devi proprio? Ci puoi dormire, ci puoi fare qualunque cosa tu voglia. Il minimo che ti chiedo e' di non darne pubblicita' e di non portarmeli alle mie partite".

Il commissioner dell'Nba Adam Silver, in un'affollatissima conferenza stampa ha sottolineato: "Le opinioni di Sterling sono contrarie ai valori di una lega multiculturale e multietnica come la nostra, i proprietari hanno il potere di rimuoverlo, a patto di avere il 75% dei voti".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
nbarazzismo
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
Toyota presenta la nuova Corolla Cross

Toyota presenta la nuova Corolla Cross


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.