A- A+
Sport

Di Giordano Brega

paolo rossi

"Il significato sociale dei Kia Camp in collaborazione con l'Assocalciatori? E' una cosa importante che va a prendere una fascia d'età legata ai bambini da 7 a 12 anni, cercando di insegnare un certo tipo di educazione. Portarli al rispetto dei valori che fanno parte, non solo dello sport o del calcio, ma che faranno parte della vita di ognuno di loro. Penso al rispetto degli avversari, a cosa significa vivere insieme ad altri ragazzi. Vivere le sconfitte come i successi: sono tutti aspetti che fanno parte della crescita di un ragazzo. Kia in questo caso dà un supporto importante a questo tipo di iniziativa che è molto interessante". Parola di Paolo Rossi.

Affari incontra il popolare Pablito (oggi apprezzato opinionista Sky) a margine dell'evento Kia: un programma educativo dedicato ai bambini dagli otto ai dodici anni e volto a promuovere il Fair Play, l’integrazione e la lotta al razzismo. L'ex centravanti della nazionale campione iridata nell'indimenticabile Mundial di Spagna '82 (che lo vide anche capocannoniere con 6 storiche reti che demolirono Brasile prima, Polonia poi e diedero il là al 3-1 in finale contro la Germania) si racconta in un'intervista a tutto campo.

Si parlava di aspetti educativi.... non sempre i grandi giocatori sono da esempio
"Verissimo..."

Quali sono le cose che a lei da ex campione danno più fastidio da parte delle stelle attuali?
"Oggi i calciatori sono diventati divi in tutti i sensi. Quello che a me dà maggiormente fastidio è la platealità di certi comportamenti. C'è un certo tipo di esasperazione in tutto e questo non va bene. Bisognerebbe - se possibile - che loro vivessero anche la loro attività in maniera un pochino più semplice. E più tranquilla. Oggi invece tutto viene esasperato. Perché c'è un contrasto tra i comportamenti e quelli che sono gli interessi. Interessi fortissimi e quindi diventa difficile un comportamento normale e naturale. La responsabilità per chi fa il primo attore in questo caso è molto importante. E quindi i comportamenti che loro hanno diventano fondamentali"

A livello di comportamento viene a pensare a Mario Balotelli di cui si finisce per parlare sempre tanto nel bene e nel male...
"Se ne parla fin troppo"

el shaarawy balotelli

Dove ha sbagliato Mario?
"Non lo so, sicuramente è eccessivo anche lui in tante sue cose. Ma dovremmo in qualche modo lasciarlo più sereno e tranquillo. Fargli vivere questa professione senza stargli troppo con gli occhi addosso, col fiato sul collo. Però oggi questo evidentemente non è possibile, per quello che dicevamo prima. Perché l'attenzione dei media è fortissima, non solo in campo ma anche e soprattutto fuori. E questo molte volte non giova molto e non fa stare sereni e tranquilli i calciatori"

Che consiglio darebbe a Balotelli?
"Consigli è sempre difficile, poi l'esperienza la si fa sul campo. Lui ne ha già fatta abbastanza, ha vissuto tante situazioni difficili. Deve imparare soprattutto che stare in campo è importante. Stare in campo significa avere rispetto non solo degli avversari, ma anche dell'arbitro ad esempio. Tutto è importante. Si può naturalmente sbagliare tutti, chi non ha sbagliato? Importante è che si capisca dove sbaglia e si cerchi in qualche modo di correggerlo"

Si stanno avvicinando i Mondiali in Brasile. Da grande attaccante, guardando nel panorama italiano, quale attacco vorrebbe vedere in maglia azzurra?
"Noi abbiamo attaccanti interessanti. Il Balotelli dell'ultimo Europeo a me è piaciuto tantissimo e può fare la differenza.  Abbiamo bisogno di questi giocatori, perché dalla qualità si può ottenere la differenza. Lui ha le qualità e senza di lui è sicuramente un'altra Italia"

giuseppe rossi modificato 5

Al suo fianco chi mettiamo?
"Si può provare molti altri giocatori interessanti. Ad esempio può tornare utile Gilardino. Speriamo di recuperare El Shaarawy. E' un ragazzo che ha tante grandi qualità e dobbiamo recuperarlo. E poi altri che si stanno mettendo in luce. Mi piace molto Lorenzo Insigne, in attacco può dar tanto. Alessio Cerci, Alessandro Diamanti... Sicuramente ne abbiamo, ma vorrei averne ancora di più a disposizione: credo che sia quello che vorrebbe anche Prandelli. Speriamo quest'anno di trovarne altri due o tre giocatori interessanti, che possano garantire una rosa un pochino più ampia"

Chi è il nuovo Paolo Rossi, un giocatore in cui lei oggi si rivede?
"Giuseppe Rossi è un altro giocatore interessante, che non avevo ancora nominato. Lo aspettiamo tutti perché sarebbe un gradito ritorno. Lui si era già messo all'attenzione un po' di anni fa, poi ha avuto problemi non indifferenti (gli infortuni al ginocchio, ndr). Adesso sembra recuperato, sta facendo un grandissimo campionato e potrà tornare utile anche lui per Prandelli"

Pallone d'Oro. Molti spingono per Frank Ribery. E' d'accordo o sarebbe giusto assegnarlo a Cristiano Ronaldo?
"Per me dovrebbe vincerlo il portoghese. E' un giocatore straordinario lo meriterebbe. Ha avuto solo la sfortuna di trovare Messi davanti. Lionel ha vinto a ripetizione coppe e classifiche cannonieri ed era difficile darlo a Cristiano. Quest'anno credo che lui sia, dal mio punto di vista, il candidato numero uno"

CLICCA QUI PER L'INTERVISTA VIDEO DI AFFARI A PAOLO ROSSI

 

Tags:
paolo rossibalotelliel shaarawynazionalecercimondialigiuseppe rossi

i più visti

casa, immobiliare
motori
Ford ed Herme testano i veicoli a guida autonoma per le consegne a domicilio

Ford ed Herme testano i veicoli a guida autonoma per le consegne a domicilio


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.