A- A+
Sport
Ital-Conte, Pellè match winner con Malta: "Esordio e gol importante"

Pelle', "esordire e segnare il gol è molto importante. Ma potevo fare di più" -  Esordire in maglia Azzurra e segnare subito il gol decisivo per la vittoria. Graziano Pelle' sorride nel commentare un tale risultato. "Ci sono arrivato a 29 anni, ma l'importante e' esserci riuscito" dice ai microfoni di Rai1. "Sono contento di esserci arrivato e fare un gol per un attaccante e' una cosa importante, anche se potevo farne un secondo di testa" aggiunge il giocatore del Southampton. "Potevo fare molto di piu'. Molte volte la giocavo di prima, quando potevo agganciare, stoppare e girarmi" si rammarica Pelle'. "Con il mister lavoriamo tanto durante la settimana e sappiamo che dobbiamo fare molto di piu'" ricorda l'attaccante di Monteroni."Vengo da un campionato come la Premier League dove i ritmi sono altissimi e per me ed anche i miei compagni non e' bello affrontare una squadra come Malta che e' rimasta sempre dietro la palla con 8-9 uomini. Potevano almeno provarci almeno una volta e nell'unica occasione Giovinco stava facendo gol - ricorda -.Dobbiamo finalizzare di piu', ma anche se avessimo fatto 90' di possesso palla dopo l'1-0, sarebbe finita sempre 1-0 visto che stavano 8 dietro la linea della palla e non era facile giocare".Un gioco quello della Nazionale di Antonio Conte che sembra essersi involuto rispetto all'amichevole d'esordio contro l'Olanda. "Gli olandesi venivano dal terzo posto mondiale e a loro piace giocare a calcio. Contro il nuovo gioco e la nuova metodologia della Nazionale di Conte non sapevano come affrontarci ma dopo l'Olanda le altre squadra hanno imparato" spiega Pelle'."Io sono contentissimo di vestire la maglia azzurra e se dovessi avere un'altra occassione proverei a fare meglio". Sulla scelta del precedente Ct Cesare Prandelli di non convocarlo nonostante i 50 gol, messi a segno nel campionato olandese, l'attaccante azzurro risponde: "Non giudico le scelte di un allenatore, anche perche' so che ci sono tanti attaccanti che possomo giocare in nazionale. Ma 50 gol sono tanti e ne ho anche fatti di belli - dice -. Mi aspettavo la considerazione ma non la convocazione. Ma sono scelte del mister".

Verratti, "vittorie aiutano a capire gioco di Conte" - "Era una partita di qualificazione e la vittoria e' importante. Siamo primi nel girone dopo tre partite, possiamo lavorare con tranquillita' e le vittorie ci aiutano a capire meglio come Conte vuole giocare". E' il commento a Raisport di Marco Verratti, centrocampista azzurro partito questa sera titolare contro Malta. "C'era da preoccuparsi se, dopo tre partite, avevamo imparato a memoria il gioco del ct - spiega la stella del Psg - Dobbiamo avere fiducia, anche non giocando al massimo portiamo a casa i tre punti, sapendo che dobbiamo migliorare". Verratti ammette di aver giocato meglio nella ripresa quando, con Malta in dieci, non era piu' marcato a uomo. "Nessuno di noi e' soddisfatto al cento per cento - conclude l'ex pupillo di Zeman - ma nel calcio non si puo' sempre vincere 6-0. Abbiamo preso quattro pali e, cosa importante, conquistato i tre punti. E non mi sento sotto pressione: il mister mi da' fiducia ma so che in Nazionale non ho il posto assicurato, ci sono davanti giocatori molto forti, ma mi metto a disposizione".

Pasqual, "positivi il risultato e gol di Pelle'" - "Eravamo partiti molto bene, con una traversa e un palo, e poi il gol con Pelle'. Non abbiamo avuto la forza di chiudere partita e ci siamo trovati su un binario non bello...". Cosi' Manuel Pasqual commentando a Raisport la vittoria di misura dell'Italia a Malta. "Quando e' rimasta in dieci, Malta si e' chiusa e non ci ha concesso spazio - aggiunge l'esterno della Fiorentina e della Nazionale - Sapevamo che loro avrebbero giocato cosi', sono bravi a chiudersi dietro mentre noi non abbiamo fatto girare al meglio la palla. La cosa positiva di questa serata e' il risultato e la rete di Graziano. Peccato non aver chiuso il match nel primo tempo ma ora andiamo a giocarcela con la Croazia".

Marchisio "dovevamo chiudere la partita" - "Dobbiamo fare autocritica, si', non tanto per come abbiamo giocato dopo l'espulsione di Bonucci, ma prima". Cosi' Claudio Marchisio, ai microfoni di Raisport, dopo la vittoria per 1-0 sul campo di Malta nelle qualificazioni agli Europei del 2016. "Non abbiamo chiuso la partita - spiega il centrocampista juventino - Malta e' tatticamente meglio dell'Azerbaigian, sono piu' coperti e concedono meno spazio. Noi pero' siamo l'Italia, abbiamo piu' qualita' e siamo forti, per cui dovevamo chiudere prima la partita". Per Marchisio, pero', la Nazionale non ha alcun problema: "In azzurro c'e' meno tempo, l'ossatura e' sempre la stessa, con Conte lavoriamo bene ed i nuovi si sono integrati molto bene. Abbiamo appena iniziato e la cosa positiva e' che abbiamo ottenuto quattro vittorie". La Croazia ha dimostrato di essere un avversario ostico: "Dobbiamo pensare solo a noi, a dare di piu'. Abbiamo possibilita' e qualita' contro una squadra che lottera' con noi per il primato del girone".

Conte, "fiducia e morale, ora aspettiamo la Croazia"  - "Bisognava fare di piu' in fase realizzativa, abbiamo preso quattro pali ma possiamo fare ancora meglio". Cosi' il ct della Nazionale, Antonio Conte, al termine della gara vinta di misura a Malta e valida per le qualificazione agli Europei del 2016. "Avere nove punti in classifica ci da' fiducia, aspettiamo ora la Croazia - sottolinea il tecnico azzurro a Raisport - L'impegno c'e' stato ma era la seconda partita in tre giorni, qualcuno ha accusato un po' di fatica. Abbiamo vinto, potevamo essere piu' concreti sotto rete e ci siamo complicati vita con l'espulsione di Bonucci che per me non c'era: dobbiamo continuare a lavorare consapevoli che ci sono margini di miglioramento". Ancora positivo l'ingresso in campo dalla panchina di Giovinco: "I ragazzi hanno dato tutto quello che avevano, abbiamo giocato quattro partite in un mese e mezzo e le abbiamo tutte vinte. Stasera, a parte un tiro, non abbiamo corso rischi o pericoli. Possiamo migliorare ma dobbiamo avere fiducia e morale - conclude Conte - Aspetto con grande voglia la partita con la Croazia".

Euro2016: Decide Pelle', Italia vince di misura a Malta (1-0) - Il massimo con il minimo sforzo. L'Italia vince a Malta di misura grazie ad una rete di Pelle' al 23', evidenziando ancora qualche problema nel gioco come gia' visto venerdi' scorso a Palermo contro l'Azerbaijan. La terza vittoria in altrettante gare di qualificazione permette comunque agli azzurri di restare in testa a punteggio pieno nel girone H, in compagnia della Croazia. Per il ct Conte, invece, la quarta vittoria di fila da quando e' ct, un record. Dopo una prima fase di studio, la prima occasione del match e' di marca maltese: al 15' Failla si presenta al tiro che finisce di poco a lato. Gli azzurri faticano a trovare spazio, ma al 18' vanno vicini al gol con Pelle' che di testa finalizza un cross di Pasqual ma la traversa dice di no. Poi sul successivo corner Chiellini colpisce il palo esterno. Il gol e' nell'aria ed arriva al 23' con l'esordiente Pelle'. Pasqual crossa dalla sinistra, Bonucci incorna di testa ma Hogg respinge e sul rimpallo si avventa l'attaccante del Southampton che mette in rete. Passano 4' e Malta resta in dieci per l'espulsione (contestata) di Mifsud, reo di un fallo giudicato cattivo dall'arbitro su Florenzi. Con i maltesi in dieci si abbassa ancora di piu' il ritmo del gioco. Nella ripresa, Italia subito vicina al raddoppio: dopo pochi secondi Candreva scheggia la traversa. All'8' ancora Italia con Verratti che crossa ma Immobile tutto solo manda di testa sulle braccia del portiere.Conte prova a cambiare la squadra: dentro Aquilani e Giovinco, con quest'ultimo che si mette subito in evidenza con alcune conclusioni da lontano, ma gli azzurri si complicano la vita al 28' quando restano in dieci per il rosso a Bonucci, reo di aver commesso fallo sull'ultimo uomo Schembri, che aveva approfittato di una indecisione a centrocampo. Fuori Pelle' dentro Ogbonna, ancora Giovinco prova a chiudere il match e ci tenta fino al 91' ma il palo gli nega la gioia del gol anche se gli azzurri tornano comunque a casa con una vittoria.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
pellèmaltaconte
in evidenza
Hannibal e un maggio bollente Temperature choc fino a 51 gradi

Previsioni meteo

Hannibal e un maggio bollente
Temperature choc fino a 51 gradi

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Ford sottoscrive l'appello all’U.E. per vendere solo veicoli 100% elettrici

Ford sottoscrive l'appello all’U.E. per vendere solo veicoli 100% elettrici


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.