A- A+
Sport

Mangia "Nessun contatto, ma non direi di no a Lotito" - "Non ho avuto nessun contatto con la Lazio". Cosi' Devis Mangia fuga ogni voce sul suo possibile futuro in biancoceleste ai microfoni di Radio Mana' Mana' Sport. Secondo le ultime indiscrezioni l'ex commissario tecnico della Nazionale Under 21 sarebbe stato individuato dal presidente Claudio Lotito per prendere in mano la squadra nella prossima stagione, al posto di Vladimir Petkovic, e iniziare un ciclo basato sulla politica dei giovani. "Sono sincero nel dire che non sono stato chiamato - ammette l'ex mister del Palermo - pero' mi fa piacere che il mio nome sia accostato a club cosi' importanti, ne sono orgoglioso. Naturalmente nel massimo rispetto per Petkovic, che ha dimostrato di fare bene".

petkovic modificato 1

Petkovic, "io su panchina Svizzera? Solo voci" -  "Mancano soprattutto i risultati perche' anche questa volta meritavamo di piu'. Abbiamo giocato una buona gara, ma siamo stati puniti da una squadra cinica come il Napoli per gli unici quattro errori difensivi che abbiamo fatto". Con queste parole, il tecnico della Lazio Vladimir Petkovic, ai microfoni di Sky Sport, ha commentato la sconfitta contro il Napoli. "Certi errori si pagano a carissimo prezzo - ha aggiunto Petkovic - dobbiamo essere piu' concreti e ripartire. Si e' vista una Lazio determinata a vincere, che non c'e' riuscita a causa dei troppi errori". Petkovic ha voluto glissare invece a proposito della contestazione dei tifosi laziali a fine gara: "Non penso si sia rotto nulla coi tifosi: ci spiace avere cosi' pochi punti perche' pensiamo di meritare di piu'. Il confronto coi tifosi ci sta perche' dobbiamo restare tutti uniti per risalire la china". Petkovic ha parlato anche delle voci relative ad un suo possibile passaggio il prossimo anno sulla panchina della Svizzera, mentre la sua panchina rischia di non essere solidissima sin da subito nella capitale: "Ho gia' detto tutto quello che dovevo dire e non mi pare il caso di tornarci. Sono voci che fanno parte del calcio, come le notizie che io abbia dato le dimissioni o che ci siano tanti allenatori che sono pronti a prendere il mio posto. Bisogna pensare solo a lavorare e restare concentrati".

Lotito "non c'erano condizioni per fermi Varsavia" - La Curva Nord dello stadio Olimpico di Roma inscenera' per tutti i 90 minuti di Lazio-Napoli una sorta di "sciopero del tifo" per protestare contro i fermi dei tifosi laziali disposti dalla polizia di Varsavia in occasione del match di Europa League tra Legia e Lazio, disputato giovedi' scorso. Poco prima della partita, inoltre, un gruppo di tifosi ha inscenato un simbolico sit in davanti alla sede della Farnesina, che ha sede a poca distanza dall'Olimpico. Alla vigilia del match, il presidente della Lazio Claudio Lotito ha ricostruito i fatti accaduti nel corso della trasferta di Europa League, ha assicurato che la societa' ha avviato tutti i contatti per risolvere la situazione e ha rivelato di essere stato informato sugli sviluppi piu' recenti dal ministro degli Esteri Bonino

Ai microfoni di Sky Sport il presidente della Lazio ha commentato: "Ci siamo subito resi disponibili per difendere i tifosi. Non c'erano le condizioni per fare i fermi. Per quanto riguarda la cronaca mercoledi' sotto gli alberghi dei tifosi laziali molti tifosi avversari hanno cercato lo sconto. Dopo un ora e mezzo c'e' stata una perquisizione nell'albergo senza creare alcun stato di allarme eccessivo per scontri o offese. Il giorno successivo abbiamo consigliato ai tifosi di riunirsi e di andare insieme allo stadio per evitare atteggiamenti scomposti dai polacchi,e per questo ci siamo messi in contatto con le forze dell'ordine. Non avevamo al seguito forze dell'ordine italiane per fare da intermediari, altrimenti non sarebbe successo niente". "Abbiamo avvisato la polizia polacca che 250 persone si sarebbero dirette allo stadio e di scortarle. Quando e' arrivata la polizia hanno fatto una serie di fermi con manette e lacci contro chiunque era a Varsavia. Alcuni hanno reagito in maniera scomposta e sono ancora oggi sotto processo. Poi sono stati trasferiti in vari commissariati del posto lasciandoli tante ore anche al freddo senza una reale motivazione. Il giorno dopo alcuni hanno pagato una multa per ipotesi di schiamazzo e sono stati rilasciati, altri sono ancora sotto processo con pene piu' severe. Se la polizia italiana fosse stata presente questo non sarebbe successo, come avvenne in Grecia. La societa' ha messo in campo tutto quello che poteva fare, anche con l'ambasciatore che si e' reso molto disponibile. Oggi ho ricevuto una telefonata dalla Bonino che mi ha detto come la situazioone sia impensabile. Chiedo quindi un intervento risolutore, in quanto tanta gente era innocente e sono state coinvolte anche molte famiglie. Voglio che siano sanzionate solo le persone realmente colpevoli senza prendersela con i tifosi laziali che non hanno fatto niente".

Tags:
petkoviclaziolotito

i più visti

casa, immobiliare
motori
Andrea Vesco e Fabio Salvinelli vincono la 1000 Miglia 2021

Andrea Vesco e Fabio Salvinelli vincono la 1000 Miglia 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.