A- A+
Sport
Pirlo rilancia: "Firmo con la Juve. E non lascio la Nazionale"

"Firmo con la Juve e non lascerò mai la Nazionale". Andrea Pirlo detta i suoi propositi futuri. Il rinnovo con la Signora lo considera un fatto sicuro e sono lontane le voci autunnali che lo davano all'estero (Real-Arsenal-Tottenham) o verso clamorosi ritorni (si parlò di Milan e Inter). Invece no. A breve verrà annunciata la firma con i bianconeri. "Non ho ancora firmato, ma non ci sono problemi. Solo piccole cose di cui stiamo parlando, non esiste la possibilità che possa saltare tutto. L'annuncio arriverà presto, ora ci sono impegni uno dietro l'altro e non abbiamo avuto tempo di organizzare la cosa. I tifosi possono stare tranquilli".

Ha voglia di puntare ancora in alto: "Vincere aiuta a vincere, voglio scudetto ed Europa League per poi ridare l'assalto alla prossima Champions. Questa Juventus è la squadra più organizzata fra quelle in cui ho giocato", spiega nel corso di un'intervista alla Gazzetta. Su Conte: "È uno dei migliori che ho avuto, un grande tecnico che mi ha stupito per preparazione tattica, concentrazione e capacità di restare sempre sul pezzo. È incredibile la sua voglia di incazzarsi sempre per inseguire la perfezione, tutta roba che sa trasferire bene alla squadra. Io e il mister siamo sempre andati d'accordo. Certo, qualche volta si può discutere, non vedrete mai un giocatore uscire dal campo o stare in panchina con il sorriso sulle labbra. Sono però cose di scarsissimo conto, normalissime nell'ambito di una stagione".

Parole dolci per il Milan: "La squadra di club che ho dentro è il Milan perché per dieci anni siamo stati praticamente gli stessi compagni, è un rapporto che va anche oltre il campo. I fischi di San Siro? Da ex, anche se ti lasci in ottimi rapporti coi tifosi, è spesso così: il primo anno ti applaudono, il secondo un po' meno, il terzo se continui a vincere sono fischi garantiti. Rivoluzione rossonera per uscire dalla crisi? No, una rivoluzione sarebbe esagerata. Quando finisce un ciclo vanno messi in preventivo un paio di anni durissimi. Però,in effetti Paolo Maldini non può restare ai margini del calcio, deve fare calcio e non esiste che sia fuori dal Milan. E' il più grande giocatore italiano della mia epoca, davanti a Baresi e a Roberto Baggio".

Tags:
pirlojuventusprandelli

i più visti

casa, immobiliare
motori
Mercedes partnership con Phi Beach

Mercedes partnership con Phi Beach


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.