A- A+
Sport
Oscar Pistorius fidanzata 2                               Guarda la gallery

Pistorius, quanti dubbi. Accanto al dramma umano e alle indagini della polizia, c'è un piccolo impero che rischia di crollare.

Il golden boy dello sport mondiale, il ragazzo che aveva vinto contro sfortuna e mille ostacoli, riuscendo - primo nella storia - a portare le sue protesi su una pista olimpica. Oscar, volto pulito dei Giochi e dell'atletica mondiale, il ragazzo che piaceva un sacco a mamme e donne di tutto il pianeta (considerato un sex symbol). Oltre  ovviamente alle tv (ospite a gennaio 2012 nel prime time di Ballando con le stelle su Rai1 dove ottenne il massimo punteggio dai giudici, tanto per fare un esempio di casa nostra) e agli sponsor.

Difficile quantificare esattamente i suoi guadagni, ma certo è che tra attività sportiva, media e comunicazione stiamo parlando di un'atleta top: parafrasando il titolo di un celebre telefilm passato, l'uomo da 10 milioni di dollari. Pistorius aveva una visibilità mondiale e tanti marchi di medio o lungo periodo al suo fianco. Anche se le sue polemiche ai Paralimpici di Londra 2012 per gli arti artificiali del brasiliano Oliveira che lo aveva battuto nei 200 metri (“Non stiamo correndo una gara equa”, salvo poi scusarsi) non era proprio piaciute a tutti.

Alcuni brand/sponsor stanno fuggendo o comunque facendo profonde riflessioni in queste ore.

Ad esempio, Una tv via cavo sudafricana ha deciso di ritirare la campagna di spot pubblicitari per la 'copertura' degli Oscar con il volto dell'omonimo atleta. Dal sito di Pistorius, inoltre, e' stato rimosso un banner della Nike (da cui comunque non giungono per ora decisioni ufficiali).

"Siamo scioccati da questa terribile, tragica notizia. Attendiamo l'esito della indagini di polizia del Sud Africa", aveva già dichiarato un portavoce di  British telecom BT prima che Pistorius fosse accusato.

pistorius profumo

Il 26enne di Pretoria ha anche un contratto di sponsorizzazione con Ossur produttore islandese protesi, piuttostoché con il brand modaiolo creato da Therry Mugler (di cui Oscar era volto per il profumo). Prima delle Olimpiadi era stato uno dei protagonisti (insieme a  Mark Cavendish, Cadel Evans e molti altri) della campagna pubblicitaria “Oltre la ragione” lanciata da Oakley. Insomma, Oscar "vedeva" davanti a sé un futuro radioso.

Ovviamente nessuno commenta, o al più si attende che le indagini facciano luce sulla situazione prima di prendere decisioni drastiche...

Infine un dettaglio. Solo un annetto fa, la rivista inglese Time aveva poi inserito Oscar Pistorius nella lista "TIME 100" 2012, la lista annuale delle prime 100 persone piu` influenti del mondo.

Tags:
pistoriussponsor
in evidenza
Quando Crosetto condannava la Nato: "Atto ostile verso la Russia"

tweet invecchiati male

Quando Crosetto condannava la Nato: "Atto ostile verso la Russia"


in vetrina
Banca Generali, presentato l’undicesimo capitolo di BG4SDGs

Banca Generali, presentato l’undicesimo capitolo di BG4SDGs


motori
La storica sportività Opel GSe è ora ibrida plug-in

La storica sportività Opel GSe è ora ibrida plug-in

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.