A- A+
Sport
Platini: assolve Tavecchio: "Ha fatto cavolata ma non è razzista"

"Tavecchio? Siamo in democrazia, ha fatto una cavolata, uno sbaglio. Non e' razzista, non e' niente, ma ha fatto un'uscita infelice". Cosi' il presidente dell'Uefa Michel Platini, in un'intervista esclusiva a Ilaria D'Amico che Sky trasmettera' integralmente sabato alle 23,30 su Sky Sport 1, e' tornato sulla questione che ha visto protagonista l'attuale presidente della Federcalcio italiana. A proposito dell'opportunita' dello stesso Tavecchio di ritirare la candidatura, Platini ha risposto: "No, perche' questa candidatura e' decisa dal popolo italiano, da nessun altro".

"E' il calcio italiano che ha deciso di avere un presidente o un altro - ha ricordato Platini - Noi non abbiamo interferito. Poi, la disciplinare ha preso il suo caso e lo ha sospeso da tutte le sue funzioni all'Uefa per sei mesi, che non e' tanto" ha detto il numero uno del maggior organismo calcistico europeo. Quanto alla moviola in campo, Platini ha confermato di essere "totalmente contrario, perche' dobbiamo dare giustizia, dobbiamo aiutare la giustizia, dobbiamo aiutare gli arbitri ad essere migliori, dobbiamo aiutare gli umani ad essere migliori, ma sara' un disastro per il gioco del calcio. Abbiamo il gioco piu' bello, piu' popolare del mondo e dobbiamo rompere questa fluidita', questo gioco. Sono totalmente contrario e penso che non serve. Tutte le televisioni vogliono la moviola in campo, ma tutto il resto non e' che vuole la moviola in campo". Platini ha parlato anche del connazionale Garcia, tecnico della Roma, elogiando il suo lavoro: "E' una persona molto brava, lo conosco abbastanza bene, e' molto simpatico, ha fatto un lavoro incredibile alla Roma. E' arrivato come il francese con la puzza sotto il naso, come tutti i francesi che vengono in Italia".

"Totti? L'ho sempre detto, Francesco Totti e' un genio del calcio - ha proseguito Platini - ha fatto delle bellissime cose ma, come diciamo noi, e' l'unica, puo' darsi, grande stella, che ha fatto la sua carriera in una sola squadra. Fosse andato in un altro grande club, all'estero, non dico nel nord dell'Italia, ma all'estero, puo' darsi che avrebbe vinto molto di piu' a livello internazionale". Si parla ancora di Juve e di Pogba: "la Juve e' un grande club europeo. Pogba decidera' lui quello che vorra' fare, sara' un rapporto con la Juve, ci sara' una somma importante di soldi, decidera' la famiglia Agnelli, con il presidente Andrea, quello che ci sara' da fare. Questo e' un fatto di opportunita'". Infine sul suo rapporto personale con la Juve, finito e non piu' ripreso malgrado l'avvocato Agnelli lo avesse sollecitato in tal senso, Platini ha raccontato: "Mi aveva chiesto se era vero che chiudevo con il calcio e gli risposi di si'. Non perche' c'era un'altra societa', ma ho detto no, perche' volevo tornare a casa, al mio porto d'origine. 'Vediamo come vanno le cose e ne riparliamo fra qualche anno'. Non ho mai piu' avuto la volonta' di ritornare a Torino, perche' ho sempre detto che non si vive due volte la stessa storia d'amore"

Tags:
platinitavecchiouefafigc
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Europei: le "Wags" degli Azzurri: qual è la più bella?

Europei: le "Wags" degli Azzurri: qual è la più bella?


casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo: Räikkönen certifica la “Giulia GTA”

Alfa Romeo: Räikkönen certifica la “Giulia GTA”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.