A- A+
Sport
Samp-Milan finisce 2-2. Inzaghi: "Scelte arbitrali discutibili"

El Shaarawy, contento per il gol ma preferivo vincere - "Questa sera le gambe mi giravano abbastanza bene. Sono contento perche' sono tornato al gol ma preferivo la vittoria: ci serviva per ritrovare la fiducia e rimetterci in marcia". Lo ha detto Stefan El Shaarawy al termine di un Sampdoria-Milan terminato con il punteggio di 2-2 a Marassi e aperto da una sua grande giocata. Non segnava dal febbraio 2013, e' tornato a farlo oggi sotto lo sguardo attento del ct azzurro, Antonio Conte: "Ci tenevo tanto - ha spiegato l'attaccante rossonero - per un attaccante e' bello segnare, porta fiducia. Se e' contento anche Conte? Lo spero". Alla fine resta per il Milan la capacita' di riprendere un risultato che sembrava premiare la Samp: "Siamo riusciti a rimetterci in marcia - spiega El Shaarawy - entrambe le squadre hanno giocato a viso aperto, la partita e' stata molto combattuta. Noi abbiamo sofferto in alcune occasioni ma siamo anche stati bravi a ripartire e creare occasioni. E' un punto meritato, ce lo prendiamo e guardiamo avanti".

Inzaghi, meritavamo vittoria, scelte arbitro discutibili - "Dopo la sconfitta con il Palermo io ero sereno, avevamo perso per degli episodi. Oggi sono molto soddisfatto, dispiace solo perche' meritavamo di vincere ma piano piano diventeremo un'ottima squadra e cresceremo sempre di piu'". Lo ha detto Filippo Inzaghi commentando il pareggio tra il Milan e la Sampdoria a Marassi nell'anticipo dell'undicesima di Serie A, un risultato che tampona in parte la sconfitta dei rossoneri a San Siro contro il Palermo. "Oggi ci sono state ottime giocate d'attacco, giocare contro la Sampdoria in questo stadio non e' semplice e io sono soddisfatto", ribadisce Super Pippo, che si coccola il ritorno al gol di Stephan El Shaarawy: "Ma lui deve giocare tranquillo - ha spiegato il tecnico rossonero - io non lo giudico per i gol ma per le prestazioni. Dopo il trofeo 'Berlusconi' in settimana mi ha chiesto di allenarsi e di non fare il defaticante. Queste sono le cose che chiedo. Oggi ha fatto un gol alla El Shaarawy". Un Milan che appare pronto per affrontare il derby con l'Inter al rientro della sosta: "Si, ma dobbiamo pensare a crescere gara dopo gara. Oggi abbiamo giocato un bel calcio, ma ci sono state tante cose strane in questa partita", rivendica lamentando la doppia ammonizione a Bonera e un fallo su Torres in area che secondo il tecnico poteva essere rigore: "Cose un po' discutibili - spiega ancora Inzaghi - ma non vogliamo attaccarci a questo. Spiace per l'espulsione di Bonera, ha fatto due falli ed e' andato fuori: ci manchero' tanto nel derby uno come lui".

Mihajlovic, pari giusto che dimostra nostra crescita - "E' stata una bella partita, entrambe le squadre hanno giocato per vincere e hanno creato occasioni. Non posso rimproverare nulla ai ragazzi, hanno dato il massimo". Vede il bicchiere mezzo pieno Sinisa Mihajlovic dopo il pari tra Sampdoria e Milan. "I rossoneri davanti fanno paura - dice il tecnico doriano - sono tutti bravi nell'uno contro uno, non e' stato facile. Sono una squadra compatta e organizzata come noi.Quindi oggi abbiamo dato un'altra dimostrazione della nostra crescita". Sul 2-1 per i blucerchiati forse e' mancato il guizzo decisivo per chiudere il match: "Sul 2-1 - ammette Mihajlovic - qualche occasione per chiuderla ma non ci siamo riusciti. Abbiamo sofferto prima dell'espulsione di Bonera, poi abbiamo cambiato modulo sul 4-2-3-1 e li' ci siamo ripresi. E' stata una partita alla pari". Per il momento la Samp mantiene il terzo posto: "Il nostro obiettivo - chiarisce il tecnico serbo - e' restare nella parte sinistra della classifica, per ora ci siamo e continuiamo cosi'. Mancano tante partite, vedremo dove saremo ma se continuiamo cosi' ci possiamo togliere tante soddisfazioni". In tribuna c'era anche Antonio Conte, che potrebbe convocare Soriano e Okaka, oltre a Gabbiadini: "Consigli a Conte? Abbiamo parlato - rivela Mihajlovic - ma riguarda noi due, lui sa meglio di me quello che deve fare, fara' le cose giuste come ha sempre fatto.Tra l'altro ora porta anche gli occhiali...". Per chiudere, il tecnico blucerchiato chiarisce sul suo possibile passaggio, la prossima stagione, sulla panchina dell'Inter: " Io sono un allenatore della Sampdoria, non penso ad altre cose, ho troppo rispetto degli altri colleghi. Io vado avanti per la mia strada, che e' lunga".

Okaka, felice anche se non segnavo, azzurro? Ci spero - "Anche quando non segnavo ero felice lo stesso perche' ogni volta che tornavo a casa vedevo che la mia squadra era terza. Oggi e' arrivato anche il gol in una partita importante e siamo contenti di aver fatto un grande punto in casa". Cosi' Stefano Okaka dopo Sampdoria-Milan finita 2-2 con un suo gol che e' valso ai blucerchiati il momentaneo 1-1. Un Okaka che migliora di partita in partita, oggi i complimenti in campo di Philippe Mexes, suo ex compagno in giallorosso: "In campo mi ha fatto i complimenti perche' sono diventato forte, significa che ho fatto dei progressi", rivela Okaka che sulla possibile convocazione azzurra ha spiegato: "Sono felice di aver raggiunto questa maturita' e in questo stato fisico che mi permettono di fare queste partite - spiega -, la Nazionale? Non lo so, e' una domanda complicata. Non ho visto il mister Conte, ma ci spero".

Pari show tra Sampdoria e Milan, finisce 2-2 - Sampdoria e Milan si annullano e nell'anticipo serale dell'undicesima giornata di Serie A, a Marassi termina 2-2. Un botta e risposta che nel primo tempo, sotto lo sguardo attento del ct azzurro, Antonio Conte, vede brillare le stelline di El Shaarawy e Okaka. Al 10' e' il Faraone che in discesa da sinistra salta secco De Silvestri e lascia partire un destro a giro che supera Romero per il vantaggio rossonero. Non segnava dal derby con l'Inter del febbraio 2013.

La Samp risponde soprattutto su calci piazzati ma il Milan si difende bene, fino al 1' di recupero: bravo Gabbiadini a saltare Rami sulla sinistra, il traversone pesca Okaka che ha la freddezza di bruciare Bonera e deviarla in rete. Nella ripresa, Milan schiacciato e Samp che passa subito in vantaggio al 6': terzo tempo di Obiang che di testa centra il palo e sulla ribattuta e' rapido Eder a ribadire in rete. Al 13' arriva il momento del NiA±o Torres al posto di un opaco Honda.

Serve l'episodio e quello arriva al 20' con un fallo di mano di Mesbah: dagli undici metri va Menez e fa 2-2. Nel finale e' forcing rossonero, al 37' Bonaventura dalla distanza sfiora il palo ma negli ultimi 5' la squadra di Inzaghi resta in dieci per l'espulsione di Bonera. Al 45' Soriano prova la botta su contropiede ma David Lopez e' attento a respingere al lato ed evitare la sconfitta.

Per la Samp resta l'amaro in bocca per aver annusato il secondo posto a pari merito con la Roma. Alla fine il pari e' giusto anche se il Milan resta al settimo posto in classifica e non riesce a cancellare del tutto la sconfitta in casa con il Palermo.

Tags:
sampdoriamilancalcio
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Stellantis, successo confermato al Company Car Drive 2022

Stellantis, successo confermato al Company Car Drive 2022


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.