A- A+
Sport

La Juventus si conferma campione d'Italia. I bianconeri conquistato lo scudetto numero 29 (due revocati). Il successo arriva con tre giornate di anticipo e anche se bastava il pareggio arriva l'ottava vittoria consecutiva contro un Palermo, che adesso vede notevolmente ridotte le proprie chance salvezza. I rosanero di Sannino fanno quello che possono contro un avversario decisamente piu' forte, reggono anche bene fino al momento del rigore che da' l'opportunita' a Vidal di sbloccare il match.

Pirlo e compagni tengono in mano le redini del match e attendono il momento giusto per colpire l'avversario. Inizio aggressivo da parte della Juve che non concede al Palermo di respirare. La difesa rosanero con Donati prima e Sorrentino poi libera la propria area da palloni insidiosi. (La Juve mantiene grande pressione e assedia la porta avversaria, anche se il primo tiro pulito nel primo quarto d'ora e' quello di Vidal da fuori con palla che esce fuori di poco. Asamoah spesso riesce ad avere la meglio sulla propria fascia di competenza; Ilicic e Miccoli si sacrificano poco, anche per via delle loro condizioni fisiche. Al 28' taglio in area per Vucinic che si libera di Donati e va al tiro, provvidenziale l'intervento di Sorrentino. Il gioco e' comunque prevalentemente lento, soprattutto quando manovra il Palermo che cerca di guadagnare tempo con il possesso palla. Sembra prendere le misure con il passare dei minuti l'undici di Sannino che prova a farsi vedere in avanti. Allo scadere del primo tempo Pirlo mette il pallone sul secondo palo, Kurtic anticipa Asamoah e mette in angolo ma rischia tantissimo. La prima parte finisce giustamente 0-0. Non ci sono cambi a inizio ripresa. Il tema del match vede sempre la Juve in avanti e il Palermo che si difende come puo'.

Sono pero' i rosanero a sfiorare il gol al 5': Miccoli si libera in area e con un destro preciso in diagonale coglie la base del palo interno alla destra di Buffon. All'11' primo cambio del match per la Juve con Padoin che prende il posto di Lichtsteiner. Al 14' lieve spinta di Donati in area ai danni di Vucinic: Romeo assegna un rigore che non e' scandaloso, ma e' generoso; dal dischetto Vidal spiazza Sorrentino con un rasoterra. Il Palermo subisce il colpo e la Juve avrebbe subito un paio di occasioni per raddoppiare. Al 16' Hernandez prende il posto di Miccoli nel Palermo, mentre nella Juve si fa male Asamoah che lascia il posto a Peluso. Al 24' e' Sorrentino a salvare i suoi in tuffo su conclusione di Vidal. Al 26' dentro anche Dybala al posto di Ilicic nel Palermo. Poi al 34' spazio anche per Faurlin nel Palermo al posto di Rios e Quagliarella per Vucinic nella Juve. Al 37' Quagliarella ci prova da fuori e colpisce la traversa. Poco dopo Juve in dieci per l'espulsione di Pogba dopo uno scontro con Aronica con conseguente sputo.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
juvescudettoserie a
in evidenza
“Che pagliacci, politici al voto” Il Quirinale e l'ironia social

rete scatenata

“Che pagliacci, politici al voto”
Il Quirinale e l'ironia social

i più visti
in vetrina
Madonna, foto 'audaci' a 63 anni: boom sui social per lady Veronica Ciccone

Madonna, foto 'audaci' a 63 anni: boom sui social per lady Veronica Ciccone


casa, immobiliare
motori
Nuova Range Rover, arriva la versione plug-in con un autonomia fino a 113 km

Nuova Range Rover, arriva la versione plug-in con un autonomia fino a 113 km


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.