A- A+
Sport
Seedorf: "A Honda serve solo tempo. Balo? Diventi un campione"

"Con Honda ci vuole solo un po' di pazienza come e' gia' successo per tanti talenti che sono venuti in Italia e che hanno avuto bisogno di un po' per adattarsi. Lui arriva dalla Russia e quello russo e' un campionato molto diverso dal nostro". Cosi' il tecnico del Milan, Clarence Seedorf, alla vigilia dell'anticipo di venerdì sera a San Siro contro il Bologna. L'allenatore olandese difende il giapponese e chiede tempo, convinto che alla fine si inserira' al meglio. "Non sono preoccupato, Keisuke sta lavorando tanto sia nella fase difensiva che nella costruzione del gioco, diventera' sempre piu' efficace", ha concluso Seedorf.

Il momento difficile di Balotelli: "Capita a tutti di non giocare bene una partita, Mario è un grande talento e speriamo che possa esplodere per diventare il campione che ancora oggi non è. Sono convinto che prima o poi lo vedremo perché lui ha grande voglia. Le lacrime a Napoli? Sono state uno sfogo, anche lui è umano". Pazzini e Mario insieme dal primo minuto? Clarence ci pensa, ma fa presente i dubbi: "Abbiamo solo due attaccanti centrali, se poi voglio cambiare come faccio? Comunque è una possibilità a cui ho pensato e continuo a pensare". Su Kakà: "Non è qui solo per andare ai Mondiali. Lui è qui per aiutare il Milan a crescere e a sua volta il Milan aiuta lui per andare al Mondiale. Secondo me ha grandi possibilità di andare, sta facendo benissimo con la maglia del Milan, se continua così andrà in Brasile".

Contro il Bologna potrebbe essere ripescato Poli. Molto presente con Allegri e un po' sparito nella gestione Clarence: "Sa fare bene tutte e due le fasi, lo vedo molto bene. Non ha avuto grande spazio, ma sarà importante per noi, ci parliamo spesso". Montolivo ancora fuori? "No. A Napoli volevo dare un po' di minuti a Essien e farlo giocare con De Jong".

"Ci vuole tempo per allenare e per lavorare, a me interessa la filosofia del Milan che e' quella del nostro presidente, di vincere e convincere, di rispettare l'avversario sempre e comunque, sono parole che sappiamo a memoria ma tanti ragazzi ancora non lo sanno", aveva spiegato in precedenza a Milan Channel. "Quando gli avversari vengono a giocare contro il Milan giocano la partita della vita perche' sanno che noi siamo il Milan". Quindi ha confermato la cena ad Arcore con Berlusconi spiegando: "E' andata molto bene, c'e' un gran feeling tra noi".

E ha aggiunto: "C'e' una gran voglia di far tornare il Milan a essere quello che era una volta. Ogni giorno daremo il massimo perche' questo sia possibile". La sconfitta di Napoli e' gia' dimenticata. "Contro di noi hanno fatto una grande partita, avevano meritato la vittoria e ieri contro la Roma hanno confermato il loro buon momento. La partita di Napoli e' stata un po' particolare, perche' avevamo tre giocatori su undici che non avevano gli automatismi, Abate che sta cercando la miglior forma fisica, Essien e Taarabt alla prima partita, queste sono alcune delle cause del perche' abbiamo subito un po' il gioco del Napoli". Poi Seedorf aggiunge: "io lavoro a 360 gradi sulla squadra, sia sull'aspetto fisico, mentale, tattico e tecnico, se la squadra oggi e' in questa condizione vuol dire che lo era gia' da un po'. Non sono preoccupato perche' la squadra, qualunque sia il modulo, deve stare bene fisicamente e mentalmente altrimenti crollano gli equilibri".

SIMEONE: "BALO E' UN FENOMENO" - El Cholo si prepata agli ottavi di finale che il suo Atletico Madrid affronterà contro il Milan: " "Sono contendo di tornare a San Siro. Giocarci dà sempre grandi emozioni. Il Milan rende meglio in Champions che in campionato, sarà dura. Seedorf ha un bonus come tecnico perché molti giocatori sono scesi in campo insieme a lui e li conosce bene. Balotelli? E' un fenomeno, uno che può resuscitare una partita morta. Può far fare il salto di qualità alla sua squadra, è un giocatore che mi piace molto e per cui nutro grande ammirazione".

Tags:
seedorfbalotelli
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Gladiator: design autenticamente Jeep

Gladiator: design autenticamente Jeep


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.