A- A+
Sport
Ecco i motivi dell'esonero di Spalletti (e attenti all'Inter...)

"Grazie per tutto quello che hai fatto per il nostro club, saremo sempre felici di vederlo a San Pietroburgo. Grazie mister!". Con queste parole lo Zenith ha chiuso la telenovela tra voci e smentite legata all'esonero di Luciano Spalletti. L'allenatore toscano è ufficialmente senza panca dopo una lunga avventura in Russia. Dal 2009, ha conquistato una Coppa nazionale, 2 campionati e 1 Supercoppa di Russia. Tanti trofei e in questa stagione la sua squadra viaggiava comunque e pienamente in lizza per il titolo (a due punti dal Lokomotiv Mosca).

Spalletti paga però  lo 0-0 di domenica contro il Tomsk (penultimo in classifica) e la pesante sconfitta interna negli ottavo di andata di Champions League (2-4 con il Borussia Dortmund). In fondo i numeri non sono poi così negativi in relazione al valore dello Zenith, probabile che fosse finito un ciclo. Non sfugga poi che al suo posto è stata scelta una soluzione interna: quel Sergei Semak che è stato agli ordini di Spalletti sino a giugno salvo poi ritirarsi dal calcio giocato e buttarsi nel mondo dei mister.

Per Spalletti dunque ora si profila un periodo di decisioni: restare a riposo per ricaricare le batterie o mettersi sul mercato con l'inizio della prossima stagione? In questo senso va detto che giravano ultimamente alcune voci su un possibile interesse dell'Inter. Vero che nelle scorse ore sono arrivate dal club nerazzurro parole di fiducia per il progetto Mazzarri, ma è altresì vero che Erick Thohir potrebbe decidere di guardarsi attorno e scegliere un allenatore 'suo' (Mazzarri venne ingaggiato da Moratti). E visto che Franck De Boer non pare intenzionato a lasciare Amsterdam ("Sono felice all'Ajax")... 

Tags:
spallettiesonerozenith

i più visti

casa, immobiliare
motori
Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti

Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.