A- A+
Sport
Tavecchio, presunte frasi razziste. L'Uefa ha aperto un'inchiesta

L'Uefa ha aperto una inchiesta per "presunti commenti razzisti" nel confronti del nuovo presidente della Figc Carlo Tavecchio. Nel mirino dell'organismi calcistico europeo le dichiarazioni pronunciante da Tavecchio durante il discorso di presentazione della sua candidatura alla federazione.

La Uefa ha annunciato di aver "personalmente informato il presidente della Figc, Carlo Tavecchio, della decisione di aprire un'inchiesta disciplinare sui presunti commenti razzisti fatti durante la sua campagna elettorale per la presidenza della Federcalcio". Le frasi in questione sono quelle su "Opti Poba". A occuparsi della vicenda il comitato etico e disciplinare della Uefa.

"Sono sereno, e' atto dovuto" - "Sono sereno e rispettoso della decisione della Uefa. Del resto si tratta di un atto dovuto, quindi da noi stessi previsto e sono certo che potro' spiegare anche in sede Uefa sia il mio errore che le mie vere intenzioni". E' quanto dichiara il presidente della Figc, Carlo Tavecchio, dopo essere stato informato dell'apertura di un'inchiesta 'sui presunti commenti razzisti - si legge nella nota della Uefa - fatti durante la campagna elettorale per la presidenza della Federcalcio

Tags:
tavecchio

i più visti

casa, immobiliare
motori
Mercedes partnership con Phi Beach

Mercedes partnership con Phi Beach


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.