A- A+
Viaggi
Vacanza nella natura selvaggia... alla scoperta della Corsica

Di Harry di Prisco


Ruvida, dolce e pura, ove ogni roccia si riempie di splendore, così appare la Corsica agli amanti della natura. Si tratta di una bellezza per alcuni aspetti ancora selvaggia che può essere raccontata da un'aquila nata in una delle tante torri che si affacciano sul Mar Mediterraneo e che ci fa da guida in questo nostro viaggio nel nord  della Corsica.  Pensiamo all'odore del giorno che nasce, che si fonde con la bellezza della terra e al sottile merletto d'acqua che si infrange sulla costa.

L'isola francese, separata dalla Sardegna dal breve tratto delle Bocche di Bonifacio, emerge dal mare come una grande catena montuosa ricca di foreste, segnando il confine tra la sua parte occidentale, il mar Tirreno ed il mar Ligure.

Le montagne si ergono come monumenti ed è un esempio il Monte Cinto, chiamato il "tetto della Corsica", per i suoi 2.710 metri di altitudine, la cui dorsale sembra dividere la terra corsa in due parti. Una leggenda racconta che il diavolo scagliò l'aratro  verso la montagna, furioso per essere stato ingannato da San Martino, formando così una fenditura che trapassa la montagna. Ma c'è tanto da raccontare una volta arrivati in questa terra baciata dal sole e che aspetta solo di essere a poco a poco svelata ai turisti italiani, che possono trovare tanti ricordi comuni a cominciare dalla lingua che non si discosta poi molto dalla nostra.

La Corsica, un'isola meravigliosa che dev'essere vista almeno una volta nella vita, è  da vivere in tutte le stagioni, ma soprattutto in estate, in una cornice da sogno ed in pieno relax fatto di tante belle passeggiate sul mare. L'isola, conosciuta come il luogo natale di Napoleone,  da 4.000 anni è crocevia di rotte e di popoli e tra gli altri nomi antichi che le furono attribuiti, Cyrnos, Cernealis e Corsis e Cirné. Oggi è chiamata "l'Île de Beauté", ovvero "l'isola della bellezza". Con circa un terzo del suo territorio protetto come parco naturale e con un litorale ancora immune dalle colate di cemento che hanno deturpato gran parte delle coste mediterranee, la Corsica punta sul turismo, raddoppiando la sua popolazione d'estate.

Alla ricettività, ben sviluppata per offerte e destinazioni, si affianca la tradizionale economia agro-pastorale e vinicola. Sebbene non abbia conosciuto uno sviluppo realmente autonomo, ha tuttavia costituito la necessaria premessa per conferire alla sua storia una particolare originalità. L'isola, che dispone di efficienti trasporti marittimi, che la collegano quotidianamente ai porti di Livorno, Savona Vado, Porto Torres, Santa Teresa di Gallura e  Genova, beneficia, dal 20 giugno al 15 settembre, di un nuovo  collegamento da Roma Fiumicino per l'aeroporto di Bastia Poretta grazie  alla compagnia spagnola Vueling (www.vueling.com). La compagnia ha previsto due voli diretti a settimana, il lunedì e il venerdì, per un' offerta totale di 9.360 posti, a partire da 38,94 euro a tratta. I biglietti sono disponibili sul sito http://www.vueling.com/ e nelle agenzie di viaggi. Per informazioni  telefonare allo 0899 232 400. Chantal Boquel, responsabile del Marketing dell'Aeroporto di Bastia ( http://www.bastia.aeroport.fr/) in merito riferisce che l'aeroporto ha registrato nel 2013 un traffico record di oltre 1,1 mln di passeggeri. Secondo uno studio sull'Osservatorio del turismo del Mediterraneo si è potuto constatare che sono molti coloro che desiderano trascorrere le vacanze in Corsica. Vueling ha deciso di accontentare una certa clientela del centro Italia non per aumentare il turismo di massa, ma per attirare l'ospite.  Da alcuni anni la città di Bastia è entrata a pieno titolo nelle offerte turistiche internazionali "e - come hanno detto, la direttrice Francesca Vesperini e il vicedirettore, Josian Calloni dell'Ufficio municipale del turismo di Bastia (www.bastia-tourisme.com) - le strutture alberghiere della città e del circondario, per la maggior parte a tre stelle, stanno aumentando e contano a tutt'oggi 1.500 posti letto. Molti di questi alberghi si affacciano sulle spiagge bellissime della costa.  In via di progettazione c'è  poi un albergo all'uscita sud della città, frutto di una joint venture con una società italiana". Per maggiori informazioni su tutta la Corsica ci si può rivolgere all'Atout France, l'Ente di Sviluppo del Turismo Francese (www.rendezvousenfrance.com ).

A Bastia, città d'arte proprio per il suo strabiliante patrimonio barocco, si incontrano splendidi oratori, come quello della Confraternita della Santa Croce, costruito su un terreno, che appartiene alla Santa Sede facendo sì che chi vi accede entra nel Vaticano. La cappella rappresenta un vero gioiello d' arte, unico monumento di stile rococò realizzato in Francia. In un'atmosfera di una religiosità incredibile si può ammirare il Crocifisso nero detto "dei miracoli", che porta ancora i segni del sale del mare ai piedi della croce, frutto del miracoloso ritrovamento nel '400. Qui abbiamo avuto modo di poter ascoltare un concerto polifonico, tra sacro e profano, tipico della Corsica, eseguito a cappella dal gruppo "E voce", formato da Eric Biagetti, Frank Ventura e Petru Bracci. I canti popolari terminano con l'invocazione alla Vergine, la regina della Corsica che, per volere del padre della patria, Pasquale Paoli, è stato scelto come inno e alla sua esecuzione tutti si alzano in piedi.  Anche l'Oratorio della Confraternita dell'Immacolata Concezione merita una sosta. Qui si svolsero le sedute parlamentari del regno anglo-corso (era l'epoca di Giorgio III d'Inghilterra) e qui ad inizio e a fine seduta si intonava il "God save the King"). Molto belle sono poi le chiese: quella di San Giovanni Battista, la più grande di tutta l'isola e la Cattedrale di Santa Maria al cui interno si può ammirare la splendida Madonna, realizzata con circa 650 chili di argento puro, donato dagli stessi corsi.

L'isola è il luogo ideale per le escursioni nautiche e il Mare Nostrum dei Latini si offre agli occhi dei visitatori con tutto il patrimonio che contiene. Annidata in fondo al meraviglioso golfo a cui ha dato il nome, la cittadina di St Florent, circondata dalle montagne di Capo Corso e del Nebbio, è costruita su una piccola altura a nord dell'imboccatura dell'Aliso. Questa famosa località balneare era un antico porticciolo di pescatori; oggi è un luogo elegante e alla moda e non a caso è chiamata la Saint-Tropez della Corsica. Da non perdere un giro della costa in barca e un bagno nelle bellissime insenature, molte di queste raggiungibili solo dal mare, come quella a "Fiume Santo".  Ad accompagnarci per un emozionante tour è Michel Ienco, titolare dell'Hotel La Roya, a tre stelle, che fa parte degli Hotels Relais du Silence. Egli ci ha ricordato come alcune riprese dello sbarco in Normandia fossero state girate proprio qui, su queste lunghe spiagge bianche. E intanto ci mostra quello che resta della torre della Mortella, bombardata da Nelson che perse un occhio nella battaglia. "In barca - dice il nostro interlocutore - si può mangiare l'aragosta tipica del luogo e bere champagne, mentre sulla terraferma a preparare ogni delizia del palato c'è il nostro chef Yann Le Scavarec, che ha conquistato sei anni fa una stella Michelin. Alla base del successo dei nostri piatti c'è il segreto della cottura di ogni alimento".

Dopo una passeggiata nella città vecchia, percorrendo sinuose viuzze, costeggiate da antiche dimore, si può percorrere la "strada della spiaggia" a sud-ovest, che conduce alla Roya St Florent, uno dei posti più amati dal jet-set. Si va a St Florent per ammirare il paese dipinto di bianco e di verde. La visita si può iniziare con una passeggiata nel centro storico ricco di bar, ristoranti e locali di tendenza, alla scoperta della cittadella genovese, ora sede della gendarmeria, che mostra i tratti architettonici tipici delle fortificazioni genovesi del '400. La vita è bella a St Florent e lo dimostrano le numerose imbarcazioni di lusso presenti nel porto turistico. Dal continente arrivano qui a godersi le vacanze estive personaggi in vista, intellettuali e la buona borghesia di Francia.

Tra i luoghi da visitare c'è la cittadina di Calvi, sita nella bellissima e fertile regione della Balagne dai contorni variegati. Calvi incanta i visitatori con la sua bella spiaggia; la vita culturale e le viuzze pittoresche della cittadella invitano ad una passeggiata tra antichi palazzi storici. All'interno della città antica si trova una lapide, che afferma come Cristoforo Colombo sia nato proprio qui nel 1436. È l'Ufficio municipale del turismo di Calvi (www.balagne-corsica.com), a dare le informazioni sulla ricettività della zona, ma anche sugli eventi proposti ogni anno nell'intero territorio di Balagne. Se si vorrà tornare fanciulli, da non perdere il "Festival du vent" (www.lefestivalduvent.com), dedicato agli aquiloni che quest'anno si svolgerà dal 22 al 26 ottobre. Dalle spiagge affascinanti della costa si passa ai rilievi montuosi, ricchi di borghi pittoreschi, come Pigna e Sant'Antonino. Quest'ultimo, classificato come uno dei più bei villaggi di Francia, è appollaiato su un cucuzzolo a 550 metri d'altezza, che fa la gioia dei tanti uccelli che vi ruotano intorno.

Si tratta di un antico paesino medievale a pianta circolare, tutto in pietra, con stradine acciottolate e angoli caratteristici, da dove si possono ammirare panorami mozzafiato che permettono di ammirare l'isola rossa. Nel IX sec Sant'Antonino serviva da fortezza per tutta la popolazione della valle contro le aggressioni saracene. Il mare, la montagna, i paesaggi che caratterizzano la regione di Balagne  offrono molteplici attività che vanno dagli sport nautici a quelli da praticare a contatto con la natura come il parapendio, il deltaplano e il gommone volante, che è il mezzo per abbinare la passione per l'aria e l'acqua. Si potrà a questo punto realizzare il sogno di volare liberi come la nostra aquila, che ci ha fatto da chaperon nel nostro viaggio, facendo il giro dell'isola passando da una torre all'altra. Potremo così volare con lei sulle ali della fantasia, perché ognuno di noi ha un paio di ali, ma solo chi sogna impara a volare.

                                                                                           

Tags:
corsicaviaggivacanze
in evidenza
Carolina, la musa del calcio Regina della serie B in tv

Stramare, nuova Diletta

Carolina, la musa del calcio
Regina della serie B in tv

i più visti
in vetrina
Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima

Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima


casa, immobiliare
motori
Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar

Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.