A- A+
Viaggi
Puglia, la domanda turistica calerà del 27,2%, la spesa perderà 2,2 miliardi

Secondo stime di Srm, il Centro studi legato al gruppo Intesa Sanpaolo, per effetto della pandemia da Coromavirus, la domanda turistica in Puglia calerà nel corso dell’anno del 27,2%, ovvero si perderanno tra i 4,2 milioni (nel caso più pessimistico) e  1,5 milioni di presenze turistiche, nel caso più ottimistico. In quest’ultimo caso, l’impatto negativo sulla spesa turistica sarebbe di quasi 820 milioni di euro con un taglio del fatturato di 38 milioni (-10%). Se invece si concretasse l’ipotesi più pessimistica, ne conseguirebbe un impatto negativo sulla spesa turistica di oltre 2,2 miliardi di euro, un decremento che -secondo gli analisti di Srm-  metterebbe “ a rischio” oltre un miliardo (29%) del fatturato dell’intera filiera.  Se questa ipotesi si concretasse, si metterebbe a rischio oltre 2 miliardi (36,6%) del fatturato dell’intera filiera. In termini di ricchezza economica, per gli analisti di Srm, il ridimensionamento della domanda turistica potrebbe mettere a rischio tra i 100 e i 300 milioni di euro di valore aggiunto con un elevato impatto sulla ricchezza totale dell’area stimata lo 0,2 e lo 0,4%. Eppure, all’inizio dell’anno, le previsioni evidenziavano per i primi due mesi del 2020 “no coronavirus” una domanda quasi stazionaria rispetto al 2019: +0,1% di arrivi e 3,4 giorni di permanenza media con una leggera crescita della componente interna. Il coronavirus ha invece cancellato qualsiasi previsione. Secondo l’organismo napoletano, subito dopo la fine della pandemia, la filiera turistica dovrà smaltire da un lato gli effetti negativi di natura economica e produttiva, dall’altro un mercato diverso e sicuramente non facile. Secondo Srm, per superare questa fase drammatica occorrerebbe intervenire su alcuni punti: l’adozione di azioni immediate dirette a preservare il tessuto produttivo ed imprenditoriale con strategie, strumenti e risorse adeguate, che nel caso specifico dovrebbero orientarsi sulle attività balneari e culturali; la costruzione di un territorio da “assaporare” tutto l’anno con politiche di destagionalizzazione; valorizzazione della destinazione Puglia puntando sull’ambiente, cultura, stile di vita, socialità, identità, accoglienza nelle masserie; politiche aziendali di incentivazione del turismo di prossimità anche con misure di prezzo e di offerta ingenerale, con un occhio particolare alla convegnistica e al segmento congressuale.

“Nello scenario di base -afferma il direttore generale di Srm, Massimo Deandreis- non abbiamo voluto prendere in considerazione il caso estremo di una lunga durata del lockdown. Ci siamo concentrati invece su due ipotesi intermedie, in cui si ipotizza che almeno una parte della stagione estiva e balneare possa essere salvata. Ma -rileva Deandreis- emergono dall’analisi anche spunti a cui guardare con attenzione: i molti italiani che tradizionalmente fanno vacanze all’estero e che quest’anno saranno indotti a restare nel nostro Paese costituiscono un potenziale bacino di aumento della domanda anche per la Campania. E poi la necessità di allungamento della stagione estiva verso settembre ottobre e novembre, con offerte mirate e diversificate. Rispetto a tante altre regioni italiane ed europee la Campania ha un contesto climatico che lo consente. Ma occorre iniziare a pensare e progettare adesso avendo chiaro che il turismo è la linfa vitale dell’economia regionale”.

 

 

Commenti
    Tags:
    turismodomandapresenzecalo
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes: una coppia di artisti messicani trasformano una Classe G

    Mercedes: una coppia di artisti messicani trasformano una Classe G


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.