A- A+
Viaggi
Viaggi last minute dopo Ferragosto: Affari propone 8 mete cool

Di Franca D.Scotti

In Carnia: gastronomia e competizioni sportive - Tutto il mese di agosto in Carnia è animato da un fitto calendario di appuntamenti. Occasioni ideali per trascorrere qualche giorno fra queste incantevoli montagne del Friuli Venezia Giulia. E per ogni iniziativa sono pronti pacchetti turistici personalizzati, comprensivi della sistemazione in albergo e della possibilità di partecipare ai momenti più significativi di ciascuna festa.

Si passa dalla Sagra dei Cjarsòns, il tipico piatto carnico caratterizzato dall’accostamento tra dolce e salato, alla Fiesta das Cartufulas, dedicata alla versatilità del tubero più famoso, la patata, dal Palio Das Cjarogiules, slitte con le ruote impiegate un tempo  nel trasporto del legname e dei prodotti della terra, alla Festa del formaggio salato e di malga nell’incantevole borgo di Sauris, dalla Staffetta internazionale 3 Rifugi a Forni Avoltri, una gara internazionale di corsa in montagna, a cui partecipano centinaia di atleti, alla bellissima Fiesta tas corts a Ravascletto, una fra le feste più autentiche e originali della Carnia. A far da regina a questa Festa nei cortili è la gastronomia, grazie all’infaticabile disponibilità delle donne del paese che aprono per l’occasione le loro case ed offrono ai visitatori antichi piatti e specialità gastronomiche della cucina carnica, realizzate recuperando le vecchie ricette di famiglia. A fine agosto chiude la stagione  Mistîrs,  Cultura, tradizioni e mestieri della Val d’Incarojo a Paularo.

Per informazioni: Carnia Welcome, info@carniawelcome.it  - www.carnia.it 

 

“Ghiotti grotti” in Canton Ticino - Cucina tipica e un ampio piazzale con tavoli e panche, solitamente in sasso, dove si mangia all’ombra di una pergola. E’ il modello di accoglienza rustica e gustosa dei “grotti” ticinesi, situati in zone tranquille e ombreggiate e frequentati perlopiù durante i mesi estivi o in settembre. Vi si servono prodotti e piatti nostrani: salumi e insaccati casalinghi, minestrone, risotto, pesci in carpione, polenta con stufato, cazzöla e naturalmente tutti i formaggi provenienti dagli alpeggi ticinesi. Dal “boccalino” si sorseggia un buon vino Merlot o la “gazzosa”, la bevanda locale prodotta da diverse piccole aziende. Un festival per il palato, a pochi chilometri da Milano.

www.ticino.ch

 

Una giornata  a Formentera - Si può scoprire in 24 ore  l’Isla"Bonita", selvaggia e autentica, semplice e al tempo stesso raffinata. L’alba a Es Pujols è uno spettacolo assicurato, poi si passeggia lungo la tipica passerella in legno che dalla spiaggia porta alla panoramica terrazza di Chezz Gherdì, perfetta. per un caffè o per un pranzo leggero. Il pomeriggio prosegue a Ses Illetes, una delle  massime espressioni della bellezza di Formentera. Il  paesaggio qui è davvero mozzafiato, ma chi cerca qualcosa di più riservato può andare alla Savina e imbarcarsi per  raggiungere la vicina Isola di Espalmador, Parco Nazionale protetto. Qui  il pomeriggio trascorre lento e  rilassato tra  tuffi  e nuotate nell’acqua cristallina. Per  immortalare il  tramonto più bello ed  esclusivo dell’isola, mentre si rientra da una giornata di mare basta fermarsi alle Saline di  Formentera, dove i  colori si riflettono nello specchio d’acqua, creando un meraviglioso gioco di luci e ombre. Si può scegliere di salutare il sole, vedendolo scomparire dietro il profilo roccioso di  Es  Vedrà, anche  dai numerosi chiringuitos sulla spiaggia. Per concludere la giornata con una passeggiata a Sant’Francesc,e  la cena in uno dei tanti ristoranti del paese: ottima cucina e atmosfera esclusiva! Si arriva dall’Italia con volo su Ibiza e traghetto.

www.formentera.es

 

Nuova filosofia dell’ospitalità con Trentino Charme - Dove trovare un albergo dove il proprietario in persona riceve sulla porta l’ospite per dargli il benvenuto? In Trentino, già amatissimo da italiani e stranieri, c’è un motivo in più per trascorrere una breve vacanza. Sono le  nove strutture di Trentino Charme, veri e propri gioielli dell’accoglienza italiana, piccoli hotel, resort e masi d’eccellenza che condividono la passione per il territorio e una nuova filosofia di ospitalità "easy chic .

 In funzione delle proprie caratteristiche e della valle che li ospita, possono diventare tutti  un punto di riferimento per chi ama la natura, per chi ama praticare sport outdoor, per chi apprezza la buona tavola piuttosto che il design. O anche per chi vuole seguire uno dei concerti dei Suoni delle Dolomiti. Si trovano in Val di Fiemme, ai piedi della foresta del Lagorai, a Primiero, vicino al Parco Naturale di Paneveggio, in Val di Fassa, con vista panoramica sul Catinaccio, a Comano Terme, in posizione  strategica tra le montagne e il Garda, a Madonna di Campiglio, ad Arco di Trento.

Qui tutto gira attorno all’ospite che può scegliere di scomparire per qualche giorno senza mai venire disturbato  o al contrario può chiedere che il proprietario dell’albergo lo accompagni a fare un giro in mountain bike, condividere due tiri a golf, degustare  grappe

www.trentinocharme.it

 

Notti d’estate tra le eccellenze del Piave nel territorio trevigiano - Nella Marca “gioiosa et amorosa” come veniva definita nel ‘400, non si degusta solo il famoso Prosecco, ma un inestimabile patrimonio enogastronomico. Nelle placide terre lungo il Piave, si sorseggiano vini di carattere a cui danno sapidità i terreni sassosi creati dal fiume. Un territorio da sorseggiare rileggendo le pagine di Hemingway.

Il tutto ai piedi di castelli medievali, nelle rievocazioni storiche di  borghi rurali, feste nella meravigliosa Portobuffolè, il più piccolo comune del Trevigiano, ma anche uno dei più bei borghi d’Italia. Qui si potrà vivere, tra mercatini e degustazioni, la tradizionale Sagra di Santa Rosa dal 22 al 31 Agosto.

A Borgo Malanotte, che dà il nome al grande vino Malanotte Piave DOCG, il tempo si é fermato. Un gioiello architettonico rimasto integro per oltre 300 anni, iscritto fra i Centri Storici del Veneto, che deriva il nome da i “Malanotti”, o “Malenotti”, una delle più illustri e nobili famiglie di Caldès, in Val di Sole, facoltosi mercanti di lane. Arrivati in Veneto verso la metà del ‘600, fecero costruire la Villa del Borgo, con le abitazioni dei coloni, le stalle e i granai, una Filanda e  una Cantina per la produzione del vino, che si affermò oltre i confini locali.

Da non perdere poi la mostra “Hemingway + Piave, Le origini di una poetica” a Monastier dal 13 settembre 2014 al 24 maggio 2015: le esperienze drammatiche della sofferenza, della morte, dell`amore travolgente e negato, un mondo accogliente fatto di residenze antiche e di felice ospitalità, di paesaggi rari e di relazioni limpide e durature, di acque e di campagne assolate. 

www.cronachetrevigiane.tv

 

Montenegro: un paese poliedrico e alla portata di tutti - Splendide spiagge, natura esplosiva e un patrimonio culturale interessantissimo. Stretto tra il mare Adriatico e i Balcani, il Montenegro,  ancora poco conosciuto, invita ad un viaggio slow e low cost.  Una natura rigogliosa e incontaminata lo rende il  “primo stato ecologico al mondo”, meta turistica emergente e di grande attrazione per il suo mare, le sue montagne e i suoi parchi nazionali. 

Il tour operator Suend, operatore specializzato in destinazioni inusuali e selezionate, dedica al Montenegro  una varietà di proposte esclusive. La capitale, Podgorica, è il punto di partenza perfetto per scoprire l’autenticità accogliente del Paese: i fiumi Ribnica e Morača scorrono attraverso la città, mentre le colline di Gorica la sovrastano dolcemente, dando vita a scenari pittoreschi e bucolici.

A meno di 70 chilometri si trova Budva,  piccolo gioiello architettonico e vivace centro della movida locale. La spiaggia più famosa è quella di Becici lunga 2 chilometri e considerata una fra le spiagge più belle d'Europa.

Sveti Stefan, a 5 km da Budva, è una delle località più  affascinanti della costa, scelta da star del cinema e della musica, artisti e letterati. Tra i siti Patrimonio dell'Umanità dell'Unesco c'è Kotor, straordinaria cittadina fortificata, che  si riflette nelle Bocche di Cattaro, un fiordo costiero in pieno Mediterraneo.

www.suendtouroperator.com

 

Allo Yosemite National Park: per  festeggiare i suoi  150 anni - Sono passati 150 anni da quando, nel giugno del 1864, Abraham Lincoln, nel bel mezzo della guerra civile, emanò il Yosemite Grant Act, che riconosceva Yosemite Valley e  Mariposa Grove come  le prime aree naturali protette al mondo, segnando così la nascita del primo California State Park. Ma bisogna aspettare il 1890 per la denominazione Yosemite National Park, che all’epoca comprendeva solamente le zone circostanti le due aree. E’ solo grazie all’opera di convincimento  di  John Muir  presso Roosevelt e le autorità statali, che Yosemite Valley e Mariposa Grove saranno annesse al Yosemite National Park nel 1906. Dal 1984 il parco di Yosemite è annoverato nella lista dei  beni patrimonio dell’umanità dell’UNESCO.

Ogni anno 3,8 milioni di visitatori scelgono di percorrere gli spettacolari sentieri del parco di Yosemite a piedi, in bicicletta, a cavallo o in auto. Qualche semplice accorgimento renderà la visita facile e piacevole: arrivare la mattina prima delle 10 per evitare il traffico; in alternativa alla macchina, scegliere il sistema di trasporto regionale YARTS che prevede numerose fermate lungo la lungo la Highway 140 (da Merced) e la Highway 120 (da Sonora e Mammoth Lakes) e all’interno del parco; visitare i luoghi meno conosciuti ma altrettanto suggestivi come Tuolumne Grove e Mercede Grove, parchi di sequoie gigantesche che non hanno nulla da invidiare alle sequoia di Mariposa Grove, oppure Hetch Hetchy, Tuolumne Meadows e Wawona dove è possibile godere di panorami mozzafiato sulla Valley.

Per maggiori informazioni: http://www.yosemiteexperience.com/tourism-bureau/; www.visitcalifornia.it

“Sulle orme di Mandela”: un nuovo itinerario in Sudafrica - Tra storia e cultura, una nuova mappa lanciata dall’Ente del Turismo Sudafricano, in collaborazione con la Nelson Mandela Foundation, accompagna i turisti in un viaggio emozionante nella vita del leader sudafricano.

Il padre della lotta all’apartheid, scomparso nel dicembre dello scorso anno, continua ad essere il simbolo del Sudafrica. Tutti coloro che vogliono partire per una vacanza nella Nazione Arcobaleno e dedicarsi non solo alla natura e ai safari, ma anche alla cultura e alla storia, troveranno i luoghi legati alla vita di quest’uomo straordinaria all’interno della mappa “Sulle orme di Mandela”, scaricabile sul sito dell’Ente del Turismo Sudafricano.

Un viaggio emozionale che si snoda in diverse province del Paese, dal KwaZulu Natal all’Eastern Cape, dal Gauteng al Western Cape. Cape Town ad esempio, dietro i moderni edifici e il via vai di turisti che la rendono una città vivace e allegra, ha una storia da raccontare: nella vicina isola-prigione di Robben Island, oggi Patrimonio Mondiale dell’Umanità e aperta al pubblico, visibile sia dalla cima della Table Mountain sia dal Waterfront, Mandela ha trascorso 18 anni di reclusione.

www.southafrica.net

 

Tags:
viaggiferragosto
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën

Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.