Economia

Intelligenza artificiale, a Roma roadshow per progetti innovativi

 

Roma (askanews) - Terza tappa a Roma per il roadshow di Ai WorkLab 2.0, il programma di incubazione sull'intelligenza artificiale realizzato da LVenture Group (in partnership con American Express, Cerved, growITup, Invitalia, Sanofi e Sara Assicurazioni). L'obiettivo è selezionare progetti innovativi nel campo dell'intelligenza artificiale per svilupparli in soluzioni pronte a confrontarsi sul mercato. Come spiega Bruno Coletta, capo del marketing di Payback, società del gruppo American Express. "L'intelligenza artificiale - afferma Coletta - sta cambiando tantissimi settori di business. Per noi è fondamentale poter seguire tutti i cambiamenti che stanno impattando negli ambiti del marketing, del customer service e di tutta la gestione e valorizzazione dei dati. Quindi partecipare a un progetto di open innovation, come questo che stiamo facendo con Luiss Enlabs, è per noi il modo migliore e più efficiente per imparare da quello che sta succedendo sul mercato e contaminarci con le nuove idee delle start-up che stanno portando in questo progetto".Il roadshow che sta attraversando l'Italia offre la possibilità a talenti individuali e start-up di proporre le loro idee agli esperti del team di Luiss EnLabs, l'acceleratore d'impresa di LVenture, e delle aziende partner per ricevere un feedback immediato, aumentando così le possibilità di essere selezionati. Gianluca Ferri, capo delle Business Operations del gruppo farmaceutico Sanofi."Io parto con un credo - sostiene Ferri - chiunque sia il più bravo in azienda come competenze, per quanto numerosi essi siano, non c'è dubbio che ci sia qualcuno più bravo all'esterno. Questo credo ci ha portato a venire qui oggi: aprirsi, conoscere realtà innovative italiane, finanziare e investire in questo ecosistema e, perchè no, trovare poi un'idea che possa essere utile anche alla nostra azienda. Noi oggi siamo qui soprattutto per il settore dell'automedicazione, quindi per il prendersi cura di se stessi e vivere sempre meglio prima ancora di incontrare delle patologie serie".Per partecipare alla selezione c'è tempo fino al 10 dicembre. I team scelti riceveranno un grant di 2.500 euro e accederanno a un percorso di tre mesi in cui saranno supportati da Luiss EnLabs e dagli esperti aziendali per trasformare i progetti innovativi in soluzioni per il mercato. Marco De Guzzis, responsabile Sviluppo mercato e servizi di Invitalia."Partecipiamo a questo progetto con grande piacere - sottolinea De Guzzis - perchè da un lato ci aspettiamo che alcune delle realtà incubate siano in grado di aiutarci a trovare soluzioni al tema della digitalizzazione interna, e dall'altro perchè è una tappa fondamentale di questo processo di nostra presenza sul territorio e nei luoghi dell'innovazione".

-->