A- A+
Affari Europei
Bce, il Parlamento Ue approva Lagarde: Pd a favore, Lega contro

Via libera del Parlamento europeo alla nomina di Christine Lagarde alla presidenza della Bce. L'aula di Strasburgo ha approvato la nomina di Lagarde con 394 voti favorevoli, 206 voti contrari e 49 astenuti. Gli eurodeputati del M5S si sono astenuti nella votazione sulla nomina di Lagarde, la Lega ha votato contro, mentre i deputati del Pd hanno votato a favore. 

IL NO DELLA LEGA: SERVE DISCONTINUITA'

“Abbiamo votato contro Lagarde perché avremmo preferito un profilo di maggiore discontinuitá con il giro di nomine che sono state fatte in questi mesi. Non mettiamo in dubbio che come persona abbia un profilo di alto livello, ma gli elettori ci hanno chiesto discontinuità rispetto alle politiche rigoriste e di austerity del passato e la nomina di Lagarde non va certo in questa direzione. É la riconferma di un modello che noi non vogliamo sostenere”, spiega ad Affaritaliani.it Paolo Borchia, eurodeputato della Lega. “Non mi sembra che le politiche adottate negli ultimi anni ci abbiano portato nulla di buono e la nomina della Lagarde lancia un segnale di continuità verso quelle politiche. Ci serve uno scossone, non la riproposizione di vecchie ricette”.

BCE: PEDICINI (M5S), 'LAGARDE NON CI HA CONVINTO, CI ASTENIAMO'

"Noi abbiamo provato con tutte le forze a trovare anche solo un motivo per sostenere la Presidenza di Christine Lagarde alla Bce, senza successo purtroppo. Perché Lagarde si è resa corresponsabile di tutte quelle politiche che hanno fatto aumentare a dismisura il debito pubblico in Unione Europea solo per salvare le banche private. E una volta che il debito pubblico è cresciuto, si sono giustificate quelle politiche di austerità che poi sono diventate riforme strutturali, quelle di cui ha parlato Dombrovskis poco fa, e questo vuol dire: compressione dei salari, tagli dei servizi e tagli delle pensioni. Una gigantesca opera di redistribuzione dal basso verso l'alto, dove i ricchi sono diventati più ricchi e i poveri sempre più poveri. Adesso ci vengono a dire che hanno sbagliato e che cambieranno, ma ormai è troppo tardi. Noi non daremo la nostra fiducia a Christine Lagarde, aspettiamo prima di vedere che i cambiamenti siano reali e poi forse ne possiamo riparlare". Così in Aula a Strasburgo l'europarlamentare del Movimento 5 Stelle Piernicola Pedicini annuncia l'astensione del M5S sulla nomina di Christine Lagarde a Presidente della Bce.

Commenti
    Tags:
    bceparlamento uelagarde
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Opel e LifeGate dedicano un murale a Milano

    Opel e LifeGate dedicano un murale a Milano


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.