A- A+
Affari Europei
Juncker dà l'addio: "Ue amore della mia vita". E punge nomina von der Leyen
Foto: LaPresse

UE: JUNCKER, 'L'EUROPA E' L'AMORE DELLA MIA VITA'

Il presidente uscente della Commissione Europea, Jean-Claude Juncker, esce di scena curando, per un giorno, il Playbook, la newsletter di Politico.eu sugli affari europei che viene consegnata ogni mattina ai sottoscrittori. Il politico lussemburghese, che è un avido lettore di giornali e media in generale, è sceso anche in sala stampa a salutare i corrispondenti durante il briefing di mezzogiorno. L'Europa è "l'amore della mia vita", ribadisce il presidente nella newsletter. "Avendo fatto gli scatoloni e svuotato il mio ufficio - scrive tra l'altro - tutto quello che mi resta da fare è consegnare i trattati e le chiavi a Ursula von der Leyen. Lo faremo martedì prossimo, quando prenderò finalmente il mio posto nel 'wall of fame' presidenziale". "Non mi piacciono gli addii - conclude - quindi mi rincresce informarvi che non sarà l'ultima volta che mi sentite. Anche se mi ritiro dalla vita politica attiva, non smetterò mai di dare la mia voce e il mio cuore all'Europa. Abbiatene cura per me". 

UE: JUNCKER, 'SONO MOLTO PREOCCUPATO PER STATO DIRITTO'

"Sono molto preoccupato per lo Stato di diritto" nell'Unione Europea, ha poi detto Juncker, rispondendo a delle domande durante il briefing di mezzogiorno a Bruxelles, al quale ha partecipato, nell'ultimo giorno lavorativo del suo mandato. "Non faccio alcun riferimento a Malta - dice - perché non conosco i dettagli: seguo la cosa, ma non sta a me commentare. Sullo Stato di diritto, sono preoccupato, perché in più di un Paese lo Stato di diritto non viene rispettato in modo sufficiente". "Un mio amico, Jean-Claude Trichet - continua, riferendosi all'ex presidente della Bce - ogni volta che voleva che i ministri lo ascoltassero diceva: 'Sono molto preoccupato'. E allora, i ministri smettevano di leggere i loro appunti e lo ascoltavano. Quando si dice che si è molto preoccupati, vuol dire che la situazione si faceva seria. E io dico la stessa cosa per lo Stato di diritto: sono molto preoccupato", conclude.  

UE: JUNCKER, 'SPITZENKANDIDAT ELIMINATO PER RAGIONI OSCURE'

Poi c'è spazio anche per un'indiretta critica alla nomina di Ursula von der Leyen. "Non ripetere nel 2019 l'esperienza degli Spitzenkandidaten è stata un errore. Ve lo dico, ho un rimpianto. Il principio dello Spitzenkandidat era un piccolo progresso democratico. Lo abbiamo soppresso per ragioni oscure". Un chiaro messaggio di Juncker a Macron, il vero fautore dell'addio al sistema Spitzenkandidat che ha "fatto fuori" Manfred Weber e ha portato alla nomina della von der Leyen.

UE: JUNCKER, 'LIETO DI LASCIARE, PRESIDENTE NON E' LAVORO FACILE'

"Non sono l'uomo degli addii: ho già pianto, e tanto basta. Volevo dirvi che lascio la guida della Commissione con qualche elemento di soddisfazione e con alcuni rimpianti, numerosi, ma sono felice di lasciare, perché essere presidente della Commissione Europea non è un incarico dei più facili", ha concluso Juncker. "Mi hanno regalato un libro, 'Il lavoro più difficile del mondo': pensavo fosse quello di segretario generale dell'Onu, ho scoperto che è quello di presidente della Commissione Europea", conclude.

Commenti
    Tags:
    junckervon der leyencommissione ue
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    il Museo Mercedes-Benz festeggia il suo 15 ° compleanno

    il Museo Mercedes-Benz festeggia il suo 15 ° compleanno


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.