A- A+
Attualità
Covid-19, le regole europee per conviverci durante l’estate

La pandemia ha mostrato, anche se ancora ce ne fosse bisogno, gli ampi margini di miglioramento che i 27 membri dell’Europa possono e devono fare in termini di regole comuni.

Tra questi miglioramenti uno tra i primi sarebbe quello di dotarsi di regole comuni per convivere in estate con il virus che, nonostante i vaccini e la forte riduzione di contagi e mortalità, continua a circolare subdolamente.

E’ permesso viaggiare ma ancora non si sa come fare e come comportarsi in area europea. I paesi si sono mossi autonomamente mettendo nero su bianco regole per muoversi. Uno tra questi è la Spagna che  ha approvato ieri un decreto legge che dà norme precise. Leggendo queste norme ci si puo’ rendere conto di cosa dobbiamo aspettarci, più o meno, quando andremo in paesi a noi vicini.

Il decreto, innanzitutto, permette ai cittadini di recarsi all'estero senza mascherina. Un successo dopo gli oltre 400 giorni dal primo regolamento che obbligava ad indossarla per le strade. Ma leggendo più a fondo la normativa si scopre che della mascherina non si potrà fare a meno ancora per diverso tempo.

Da domani sarà possibile infatti non avere la mascherina purché si mantenga negli spazi aperti una distanza di 1,5 metri con persone non conviventi.

In spiaggia, in piscina e in tutte le aree acquatiche di divertimento non sarà obbligatorio indossare la mascherina ad eccezione di quando si entra in aree comuni come spogliatoi o altre strutture chiuse.

All'aperto l’utilizzo sarà obbligatorio in caso di affollamento o dove non sia possibile mantenere 1,5 metri di distanza tra persone o gruppi di non conviventi.

Di fatto l'obbligatorietà della mascherina all'aperto e al chiuso, indipendentemente dalla distanza, è stato sostituita da un obbligo più flessibile ma applicato su tutto il territorio nazionale.

La nuova norma consentirà anche ai residenti dei centri socio-sanitari con più dell'80% di vaccinazioni di andare senza mascherina, anche se la stessa dovrà essere mantenuta da lavoratori e visitatori. Questa stessa flessibilità si applicherà anche alle unità di servizi essenziali, come le caserme dei pompieri o i dipartimenti di polizia.

Per quanto riguarda bar, ristoranti e bar sulla spiaggia sarà obbligatorio indossare la mascherina, soprattutto quando si consuma all’interno.

La mascherina continuerà ad essere obbligatoria su terrazzi e pergolati ma solo se lo spazio è condiviso entro 1,5 metri con non conviventi.

All'interno dei locali l'obbligo sarà mantenuto, chiaramente con l’eccezione di quando si consuma.

La mascherina continuerà ad essere obbligatoria all'interno, sui mezzi pubblici (tranne nelle cabine private e nei pontili delle barche) e all'aperto quando c'è folla o non può essere rispettata la distanza di sicurezza interpersonale.

Per questo motivo sarà necessario continuare ad indossare questa protezione se si passa vicino ad una persona, si entra in una strada affollata o se si incontra qualcuno che si conosce e con il quale si vuole conversare.

Sarà inoltre necessario continuare a indossare le protezioni all'aperto quando c'è folla o in occasione di grandi eventi, come i concerti, a meno che non ci siano posti a sedere separati da più di 1,5 metri.

L’intenzione di molti governi è di togliere l’uso delle mascherine in modo progressivo e prudente e solo quando la possibilità di trasmissione si considerata quasi inesistente.

Nel trasporti pubblici, come taxi, autobus, metro, aerei, treni, funivia e traghetti sarà obbligatorio indossare la mascherina. Nella propria auto non è necessaria se si viaggia da soli o con il proprio partner.

L'uso della mascherina sarà obbligatorio negli eventi di massa che si tengono in spazi all'aperto dove c'è folla e i partecipanti sono in piedi. Non sarà invece obbligatorio in altri eventi in cui le persone occupano posti separati l'uno dall'altro di almeno 1,5 metri l'uno dall'altro.

Tutta questa regolamentazione nasce anche dall’esperienza che ha confermato come molta responsabilità dei contagi sia stata dovuta agli aerosol sospesi nell'aria, e non solo alle goccioline, come si pensava in un primo momento.

E così ancora nei chioschi, nei supermercati e negli uffici si dovrà tenere la mascherina.

Insomma la mascherina sarà un “compagno”di cui non si potrà fare a meno ancora per molto tempo.

 

 

 

 

 

 

Commenti
    Tags:
    covid-19europaregolemascherine
    in evidenza
    Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

    Paparazzati in un hotel di lusso

    Casaleggio-Sabatini, che coppia
    Mano nella mano in dolce attesa

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo

    Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo


    casa, immobiliare
    motori
    Prende il via da Cagliari il raoadshow ELECTRIQA firmato Mercedes

    Prende il via da Cagliari il raoadshow ELECTRIQA firmato Mercedes


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.