A- A+
Cose Nostre
Salvini, Di Maio tornate insieme. Gli italiani sono con voi

Da antico sostenitore del governo Conte e dell’alleanza per il Cambiamento di Cinquestelle e Lega, mi auguro che Matteo Salvini faccia un passo indietro e sotterri l’ascia di guerra. E che parallelamente Luigi Di Maio metta da parte il giustificato risentimento e accolga il ramoscello d’ulivo del leader leghista.

L’alleanza inedita e spuria tra i due movimenti-partito antisistema aveva dato positiva rappresentanza alla voglia di discontinuità manifestata dagli italiani, portando lo scompiglio nei vecchi gruppi e assetti del potere.

Il pragmatismo irruento della Lega unito alla severità etica, al socialismo e all’ambientalismo del M5s, avevano creato un mix articolato e strutturalmente complesso ma inedito e vincente.

Nei quattordici mesi di collaborazione e amicizia, messaggini e occhiolini d’intesa tra Luigi e Matteo, sotto la guida saggia e avveduta di un uomo del diritto indipendente e intellettualmente onesto come Conte, molte cose buone sono state fatte, in materia di immigrazione e sicurezza, ma anche di equità sociale e lotta alla corruzione. E tanto c’era ancora da fare.

Vero, i due hanno molto litigato. Ma a loro scusante va detto che hanno dovuto operare in condizioni difficili, col fuoco amico periodico dei Giorgetti da una parte e dei Fico dall’altra e sotto i colpi proibiti di un sistema politico-economico-burocratico-mediatico che, sentendosi minacciato nei suoi privilegi e nel suo potere anche occulto, ha fatto di tutto per uccidere il bambino dentro la culla.

Ma, come nella dialettica hegeliana o marxiana, dentro traiettorie spesso polemiche e a volte cruente, a una tesi si contrapponeva un’antitesi, cui seguiva una sintesi positiva.

Un meccanismo inedito fatto di collaborazione e competizione che aveva reso inutili e di fatto cancellato le altre opposizioni.

Di riffa o di raffa i risultati in questi mesi sono arrivati. E gli italiani in maggioranza hanno perdonato gli screzi e continuato ad aver fiducia nell’alleanza pentaleghista.

Ripartiamo da qui, dunque, cari Salvini e Di Maio. Dal patrimonio condiviso di realizzazioni e dal consenso ottenuto. Abbiate l’umiltà e la saggezza di recuperare le ragioni forti dell’alleanza. Chiudetevi in conclave per rivedere e aggiornare il programma, gli assetti e le persone in base alle esperienze maturate in questi mesi. Valorizzate ciò che vi unisce, ridimensionate ciò che vi divide.

E ripartite con buona lena collaborando per i prossimi quattro anni.

L’Italia ve ne sarà grata.

Commenti
    Tags:
    salvinidi maiogoverno
    Loading...
    i più visti
    

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Kia Sportage, In arrivo l’edizione speciale Black Edition

    Kia Sportage, In arrivo l’edizione speciale Black Edition


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.