I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Imprese e Professioni
Punto Economico. Dipartimento Banche, Fisco, Finanza PD Milano Metropolitana

Lunedì i sindacati andranno all’incontro con Mario Draghi, incaricato di formare il nuovo governo, con un bel biglietto da visita: la firma del contratto della categoria dei lavoratori metalmeccanici che ha ridato speranza e prospettiva a 1,4 milioni di lavoratori occupati nel settore; inoltre la siderurgia è anche tra i comparti più colpiti dalla crisi. L’accordo prevede un buon incremento nella parte salariale e l’aggiornamento degli inquadramenti di tipo professionale oltre alla attenzione alla uguaglianza di genere e un capitolo importante dedicato alla tutela delle donne vittime della violenza di genere.

Un segnale verso il futuro

"Un contratto firmato unitariamente dalle sigle sindacali e di prospettiva di 4 anni quindi un segnale verso il futuro" così esordisce Alessia Potecchi, Responsabile Dipartimento Banche, Fisco e Finanza del PD di Milano Metropolitana. "Per superare la crisi bisogna rinnovare tutti i contratti, molti sono ancora in attesa di rinnovo, per dare fiducia ai lavoratori e ai mercati, per aumentare il potere d’acquisto e rilanciare i consumi. La pandemia non deve essere un alibi per non riconoscere quello che spetta ai lavoratori, al contrario deve sollecitare dei passaggi che sono in dispensabili per superarla e rilanciare lo sviluppo del Paese guardando in avanti a quando saremo usciti dallo stato di emergenza".

Un accordo in sintonia con la ripresa del Paese

L’aumento della produttività si ottiene migliorando le condizioni di lavoro e la sua qualità, aumentando la formazione e valorizzando i lavoratori che sono le vere risorse delle aziende. L'accordo in questione ha un valore particolare e di rilievo perché è stato fatto in piena crisi di governo senza bisogno di mediatori; i sindacati metalmeccanici e gli imprenditori hanno avuto la capacità di dialogare, di fare sintesi e di arrivare ad un soluzione condivisa senza interventi di mediazione, un accordo soddisfacente nelle condizioni date e in sintonia con la ripresa dell’economia del nostro Paese.

"Possiamo dire che è simile all'intesa che è stata fatta tra imprese e sindacato quando si è trovato il modo di riaprire le fabbriche metalmeccaniche in condizioni di sicurezza durante la prima fase della pandemia" prosegue Alessia Potecchi "Occorre ricordare che quell'accordo ha funzionato perchè non si sono poi verificati focolai di infezione da virus sui luoghi di lavoro e le attività hanno potuto riprendere il loro corso. Questi fatti devono fare riflettere e fare capire che il dialogo con le forze sociali rende possibili e proficue le riforme che il Paese deve veramente attuare per riprendere lo sviluppo".

Chiediamo ad Alessia Potecchi come valuta il ruolo dei sindacati nel prossimo futuro

"Questo passaggio in prospettiva dell’incontro con Draghi, può certamente favorire uno spirito che possa portare in breve al superamento di questa crisi e ad affrontare nel concreto i tanti capitoli aperti a cominciare dal Recovery Plan dove la parte dedicata alla valorizzazione del lavoro occupa una parte importante per essere al passo con una prospettiva di stampo europeo. I sindacati dopo tanto tempo, ritornano a svolgere un ruolo di interlocuzione importante, è auspicabile che in questo incontro con il Presidente incaricato si affronti la questione della riforma degli ammortizzatori sociali e degli investimenti oltre alla questione del blocco dei licenziamenti. Tutti temi e passaggi che devono essere protesi alla soluzione della crisi e alla composizione del nuovo esecutivo". 

Secondo punto: quanta fiducia ripone Alessia Potecchi nella figura di Mario Draghi?

"Mario Draghi è stato designato dal Presidente Mattarella per formare il nuovo governo dopo il fallimento della trattativa per ricomporre un Conte ter. E’ importante che questa iniziativa che Draghi cercherà di condurre, si concretizzi. Abbiamo da portare avanti un lavoro importante e fondamentale sul fronte europeo, ci sono tanti capitoli aperti che non possono attendere e abbiamo la pandemia ancora in corso a livelli preoccupanti. Questa nomina ha avuto dei segnali importanti dai mercati, lo spread è sceso, gli indici della borsa sono saliti, è pervenuto un generale consenso dall’Unione Europea e dai diversi Stati che hanno posto grande attenzione sulla scelta operata dal Capo dello Stato. Il nuovo Presidente incaricato ha detto che vuole coinvolgere le forze intermedie e le parti sociali, vuole dialogare".

Qualcuno però critica alcuni ruoli che Mario Draghi ha ricoperto in passato nel mondo finanziario

"Quella di Draghi è una scelta autorevole e di grande  valore. Ha già fatto un grande e prezioso lavoro come Presidente della Banca D’Italia prima e poi come Presidente della BCE. Tutti gli riconoscono il merito di avere salvaguardato l’euro nella grande crisi del 2008. Dobbiamo renderci conto che si andasse al voto in una fase in cui l’epidemia morde ancora, non solo non tuteleremo la salute ma perderemo l’occasione storica di utilizzare le risorse europee per cui ci siamo tanto battuti per giungere a scelte condivise al fine di rilanciare l’economia. Nel guardare alla scelta di Mattarella possiamo azzardare un paragone, ha fatto come un grande allenatore di calcio che quando sta giocando una importante partita non lascia in panchina i campioni che ha, ma li utilizza. Non ci sono altre soluzioni se non il voto anticipato, in questa fase prevalga il senso della responsabilità guardando al futuro senza perdere speranza e fiducia.

Draghi è una persona di spessore e grande competenza riconosciuta da tutti, in questa fase non vedo altre soluzioni che possano essere migliori di questa. Le scelte vanno sempre considerate nelle condizioni date e questa è la migliore altrimenti c’è il voto e tutto quello che consegue ... rendiamoci conto".

Commenti
    Tags:
    punto economicodipartimentobanchefiscofinanzapdmilano metropolitanaalessia potecchitrendiest news
    in evidenza
    Kardashian, lato B o lato A? E il tatto di lady Vale Rossi...

    Diletta, Wanda... che foto

    Kardashian, lato B o lato A?
    E il tatto di lady Vale Rossi...

    i più visti
    in vetrina
    Alica Schmidt eletta l'atleta più sexy di Tokyo 2020

    Alica Schmidt eletta l'atleta più sexy di Tokyo 2020


    casa, immobiliare
    motori
    Si rubano circa 70 motoveicoli al giorno in Italia

    Si rubano circa 70 motoveicoli al giorno in Italia


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.