I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lampi del pensiero
Covid, ipotesi "lockdown totale": il ritorno della politica autoritaria

Sono passate a malapena due settimane in zona gialla per l'Italia e già si torna a parlare, come se fosse la cosa più normale del mondo, di un imminente lockdown totale per la nazione. Si dice, infatti, che la variante inglese sia massimamente contagiosa. E che, dunque, occorra adoperarsi in ogni modo per raffreddare la curva epidemiologica. Tradotto nel lessico gelido e burocratico dei virologi, ciò significa una cosa soltanto: lockdown totale, proprio come nel marzo del 2020. È ormai passato pressoché un anno dal cominciamento di quella che si diceva essere un'emergenza temporanea e che ormai è chiaro a tutti che coincide con la nuova normalità. Si tratta, come già da mesi vado sostenendo, di una nuova abominevole e disumana normalità, incardinata su alcuni principi che vale la pena di richiamare telegraficamente: sorveglianza biopolitica totale sopra e sotto la pelle; distanziamento sociale come nuovo criterio ordinativo della società senza contatti, in cui l'altro è sempre considerato e trattato come un virus; ideologia medico-scientifica che spaccia per prevenzione norme politiche palesemente repressive, come il divieto di assembramento e il coprifuoco; massacro spietato dei ceti medi e delle classi lavoratrici a colpi di lockdown assassini; trattamento dell'intera popolazione come una massa di malati asintomatici che non possono esimersi dall'essere sottoposti alle cure imposte dal biopotere; quarantena a yoyo o a rocchetto, con continuo transito dalla prima ondata alla seconda ondata, dalla fase 1 alla fase 2, da misure più pesanti a misure temporanee più leggere. Dovrebbe ormai essere chiaro a tutti che l'emergenza sanitaria è a tutti gli effetti un nuovo metodo di governo delle cose e delle persone, una nuova razionalità politica, schiettamente liberista e autoritaria, che usa l'emergenza come metodo di governo per rendere inevitabile l'inaccettabile. Chi si ostini a considerare la vicenda epidemiologica al di fuori della cornice politica, sociale, economica dei rapporti di forza interni al modo della produzione capitalistica, è destinato a non capire nulla e a subire tutto, per di più scioccamente pensando che dietro alla compressione dei diritti, alla rimozione delle libertà e alla messa in congedo dei principi costituzionali vi sia un benefico potere che così opera con il nobile obiettivo di salvare le vite

Diego Fusaro (Torino 1983) insegna storia della filosofia presso lo IASSP di Milano (Istituto Alti Studi Strategici e Politici) ed è fondatore dell'associazione Interesse Nazionale (www.interessenazionale.net). Tra i suoi libri più fortunati, "Bentornato Marx!" (Bompiani 2009), "Il futuro è nostro" (Bompiani 2009), "Pensare altrimenti" (Einaudi 2017).

IMG 20180131 WA0000
 

Commenti
    Tags:
    covid ipotesi lockdown totale politica autoritariacovid contagi virus politica autoritariacovid contagi coronavirus
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Vittoria Ceretti a Sanremo Dalle sfilate al palco Ariston

    CHI E' LA TOP MODEL. FOTO

    Vittoria Ceretti a Sanremo
    Dalle sfilate al palco Ariston

    i più visti
    in vetrina
    Isola dei Famosi 2021, ritiro di una naufraga prima di partire: ecco perché

    Isola dei Famosi 2021, ritiro di una naufraga prima di partire: ecco perché


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes EQA sceglie i tetti della Capitale per un’esclusiva anteprima

    Mercedes EQA sceglie i tetti della Capitale per un’esclusiva anteprima


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.